Passa ai contenuti principali

La mia Pasta Cacio e Pepe per il club del 27: la difficoltà sta dietro la semplicità.


A volte sono proprio le cose più semplici a metterci in difficoltà.
A volte sono le cose che ad altri sembrano una sciocchezza a metterci in crisi.
Altre cose invece ci riescono con naturalezza, cose che magari agli occhi degli altri appaiono straordinarie.
La tecnica, la manualità, l'esperienza. Di solito è uno o più di questi fattori a fare la differenza.

Questa pasta per me è sempre stata per me un po' un cruccio: 
Pasta cacio e pepe, una ricetta che certamente si colloca tra le più semplici per ciò che riguarda gli ingredienti.
Essa infatti prevede unicamente pecorino e pepe, entrambi di ottima qualità.

Eppure nella sua semplicità questa pasta ha sempre rappresentato un duro scoglio.
Così quando nel Club del 27 è stato svelato il tema di questo mese, le paste della tradizione, quelle tipiche, regionali, quelle che vivono da secoli, tra tutte io ho scelto lei, ciò che per me è sempre stata una ricetta "mai riuscita".
Ripresi i consigli di Mapi ho acquistato quei pochi ma fondamentali ingredienti: Pecorino Romano, pasta lunga (nel mio caso linguine) e pepe nero in grani, da pestare al momento, poco prima dell'utilizzo.
La mia piccola variazione, se così si può chiamare, è stata l'accortezza di raffreddare 30 secondi la pasta prima di aggiungere il formaggio, per evitare che il calore stracciasse il formaggio.
E.. esperimento riuscito!

Ingredienti:
100 gr pecorino romano
200 gr pasta lunga (spaghetti, spaghetti quadrati, linguine..)
pepe in grani: almeno 50, ma nella ricetta originale se ne contano una cinquantina per commensale
sale
acqua di cottura

Esecuzione: 
Portare a bollore l’acqua senza salarla e buttarvi la pasta.

Grattugiare il Pecorino Romano DOP e metterlo in una terrina capiente che possa andare in tavola.
Pestare nel mortaio la giusta quantità di grani di pepe nero.

Due minuti prima che termini la cottura della pasta, prelevare dalla pentola circa 70 ml di acqua di cottura e versarla, 1 o 2 cucchiai alla volta, nella terrina con il pecorino e il pepe, mescolando vigorosamente fino ad ottenere una crema liscia.
Prelevare la pasta dalla pentola con le apposite pinze, in modo da non scolarla troppo, e metterla nella terrina, facendola raffreddare leggermente.
Aggiungere la crema di formaggio, mescolando velocemente per condire la pasta in modo uniforme. Se la crema ha già la giusta consistenza aggiungere altro pepe pestato e servire; se invece risultasse troppo solida, diluire con uno o due cucchiai dell’acqua di cottura della pasta. 




Con questa ricetta partecipo al tema del mese de Il Club del 27

L'immagine può contenere: sMS

Commenti

  1. Io l'ho mangiata una volta a casa di cnoscenti e credimi non so dove avesse sbagliato, ma non credo d'avre mai mangiato in vita mia un primo così "gnucco" ...un blocco unico...
    Invece qui vedo cremosità. Grazie per le dritte, magari un giorno ci provo anch'io a prepararli.
    Buon week end

    RispondiElimina
  2. Sto facendo indigestione di cacio e pepe, ma sono troppo invitanti!

    RispondiElimina
  3. Una cremina proprio avvolgente come si addice alle migliori cacio e pepe

    RispondiElimina
  4. E io, invece, non l'ho mai fatta prima d'ora.. ci proverò! grazie per averlo fatto anche tu!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…