Passa ai contenuti principali

Pasta con calamari vongole veraci e cozze al profumo di zafferano


Pesce e spezie.
Un bagaglio che mi porto dalle origine materne, la Sicilia.
Luogo di sbarchi, invasioni e dominazioni, questa terra ha molta storia da raccontare e molte tradizioni culinarie da tramandare.

E proprio queste influenze entrano come protagoniste nel mio piatto per la sfida del mese, precisamente la n°67, dell'MTChallenge
Cristina, signora delle acciughe e dei pesci poveri ma belli e buoni, non poteva che portarci in cucina con ingredienti che sono un po' come il suo pane quotidiano: molluschi, crostacei, pesci e bivalve. 
E con questi? Realizzare la nostra pasta allo scoglio o alla pescatora... Una delle mie paste preferite!!
Devo anticipare che con mio papà spesso durante la settimana ci deliziamo con queste preparazioni, noi che siamo i "pesciai" della famiglia!
Fin da piccola mi portava al mercato o, se avevamo tempo, al mercato del pesce di Santa Margherita, per aspettare i pescherecci di ritorno dal lavoro e acquistare ciò che più ci ispirava, tra le varie cassette disposte ordinatamente sui banchi.
E mentre sceglievamo cosa comprare, apprendevo il suo sapere: come scegliere il pesce, come capire che un pesce o un crostaceo è fresco.. Gli odori e profumi che dovevano accompagnare questi prodotti.

I miei preferiti? Certamente i bivalve, perchè da piccola avevo poca voglia di mettermi lì a pulire o diliscare...
E questa pasta porta un po' avanti quest'idea: una pasta veloce, che possa fare chiunque, anche chi non è pratico con lo sfilettamento e odia eviscerare o squamare.
Nel post di Cristina, che invito a leggere attentamente, ci sono tanti segreti e tante dritte per realizzare al meglio la propria pasta con il pesce, sottolineando come questo debba essere protagonista indiscusso della ricetta.
E la mia profuma di mare, ma anche di ricordi.

Pasta con calamari vongole veraci e cozze, al profumo di zafferano.

Ingredienti:
160 gr linguine
1 calamaro
300 gr cozze
500 gr vongole veraci
aglio e prezzemolo tritati
vino bianco
una bustina di zafferano o pistilli
una noce di burro



Esecuzione:
Pulire i bivalve e farli aprire in una pentola chiusa con poco pepe.
Sgusciare parte delle vongole e cozze e tenere da parte.
Pulire il calamaro e tagliarlo a rondelle.
In una padella soffriggere in abbondante olio l'aglio e il prezzemolo tritati.
Aggiungere il calamaro, far rosolare pochi minuti, dopo di che aggiungere le cozze e le vongole.
Sfumare con il vino, far evaporare e aggiungere l'acqua dei bivalve filtrata con un colino per eliminare l'eventuale sabbia presente.
Aggiungere un mestolo di acqua calda e scioglievi lo zafferano.
Far tirare il sugo e aggiungere, a fuoco spento, una noce di burro.
Cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolarla e saltarla in padella pochi minuti.







 Con questa ricetta partecipo alla sfida n°67 dell'MTChallenge
http://www.mtchallenge.it/2017/09/05/mtc-n-67-la-ricetta-della-sfida/



Commenti

  1. Davvero sfizioso questo mix di sapori, complimenti!

    RispondiElimina
  2. I profumi dei ricordi sono più forti di quelli dei piatti a cui li associamo e questo è uno di quelli. Grazie per questa delizia!

    RispondiElimina
  3. una delle ricette che mi ha colpito di più, mi sembra di sentirne il profumo ... prima o poi la proverò e ti farò sapere! complimenti!

    RispondiElimina
  4. AIUTOOOOOOOOOOOOOO!!!! Ma quante delizie mi sono persa??? Ma come cavolo ho fatto!!!! Assolutamente devo trovare una soluzione al più presto.
    Intanto riparto da questa delizia (da cui prenderò alcuni spunti per qualche preparazione prossima ventura!!!)...poi scenderò verso le altre delizie che stavo perdendomi!!!!

    RispondiElimina
  5. A me piacciono tantissimo! Devo proprio provarli!

    RispondiElimina
  6. Non riesco mai a leggere tutte le proposte delle sfide, ma sono proprio contenta di essere passata da qui...galeotto fu lo zafferano, un ingrediente che ultimamente mi affascina molto, soprattutto perché ci sono coltivazioni anche nel nostro territorio, pensa ne ho scoperta una proprio a due passi da casa mia ;-)
    Ad ogni modo, ora non mi resta che provare il tuo invitante abbinamento. Grazie e buona fortuna.

    RispondiElimina
  7. il mercato del pesce di Santa e il papà che insegna a riconoscere i pesci, a volte anche dai secchi dei pescatori, sono una parte della mia infanzia che mi porterò dietro per sempre. Esattamente come quelle grandi scorpacciate di muscoli con cui sono cresciuta e queste paste veloci, con il profumodi mare che usciva appena si schiudevano le valve e inondava tutta la casa. Lo zafferano è un tocco di classe che spinge questa pasta direttamente nella to do list, appena ritorno a casa...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…