Passa ai contenuti principali

Canederli alla barbabietola rossa e puzzone di Moena per l'mtchallenge n°44


Nuovo anno, nuovo mese e nuova sfida per l'mtchallenge..
Siamo alla sfida numero 44 e anche se per me è solo la seconda, vivo questa gara con entusiasmo e passione.
Questo mese la ricetta proposta, i canederli, mi ha fatta subito volare in trentino.. E mi ha fatta sorridere, ripensando a una vacanza in particolare, quella in val di Fiemme e val di Fassa dove ho amato ogni passeggiata, ogni lago, ogni montagna e ogni paesaggio.. 
Sì, quelle magnifiche passeggiate, su su verso la vetta, per ammirare paesaggi stupendi e poi scoprire di soffrire di un misto di vertigine e agorafobia e restare aggrappata al parapetto del rifugio piz boé, in cima al Sas Pordoi, dicendo "nono, io di qui non ci scendo, dormo qui, fatemi venire a prendere dall'elicottero!!"
Questa scena la ricordiamo tutti come una delle più comiche che io sia riuscita a realizzare, ma assieme a tanti ricordi abbiamo portato a casa con noi tantissimi piatti, sapori e gusti tipici di quei luoghi.
E il canederlo è uno di quei piatti.. 
Senza l'mtc però non mi sarei forse mai messa alla prova nella realizzazione di questo primo, limitandomi semplicemente a comprare queste deliziose palline di pane in un mercato di prodotti tipici regionali che si svolge mensilmente qui a Genova.. 
Ed invece eccoci qui.. Abbiamo scelto di proporre una grande classico, i canederli di barbabietola rossa, arricchendoli con un formaggio tipico di quei luoghi, il puzzone di Moena e accompagnando il tutto da una salsa leggera che ha come base lo stesso formaggio.

Ingredienti (per 12 canederli):
200 gr di pane raffermo ridotto a cubetti (per me un misto di pane fatto in casa con pasta madre e pane comune a pasta soda)
200 gr latte intero
2 uova
200 gr di barbabietola rossa cotta al vapore e frullata.
80 gr parmigiano
100 gr formaggio puzzone di Moena ridotto a cubettini
Pane grattugiato q.b. 
1 cucchiaio colmo di farina
Noce moscata e pepe nero
Per cuocere i canederli:
Brodo di carne mista (manzo e gallina)

Per la salsa:
200 gr puzzone di Moena
250 ml panna
200 ml latte 
Pepe e sale q.b.

Esecuzione:
In una grossa ciotola mettere il pane ridotto a cubetti; a parte mescolare il latte e le uova e versarle sul composto, lasciando riposare il tutto per circa 2 ore rimescolando ogni 20 minuti circa.
Trascorso questo tempo aggiungere la barbabietola frullata, il parmigiano, il puzzone di Moena e aggiustare il tutto con il pane grattugiato e terminare con un cucchiaio di farina.
Un'attenzione particolare alle consistenze, Monica fortunatamente ha spiegato alla perfezione come il composto dovesse essere al tatto: cosistente, ma non troppo duro e allo stesso tempo non troppo liquido poiché in cottura si sfalderebbe il tutto.
Aggiustare di sale, pepe e noce moscata e formare i canederli: l'impasto sporca le mani, ma non si appiccica.

Preparare la salsa scaldando la panna e il latte e lasciandovi sciogliere il formaggio completamente.
Aggiustare di sale e pepe e tenere in caldo.

Nel frattempo portare il brodo ad ebollizione - questa per me é stata una scoperta, non sapevo che i canederli andassero cotti così - e tuffarvici i canederli, lasciarli cuocere per 5 minuti e scolarli, condendoli con la salsa. Non abbondare nel condimento, esso accompagna, richiamando il sentore del formaggio che è all'interno del canederlo, senza però coprire il gusto della barbabietola.

Qui c'è chi se ne è fatti fuori 4..! 





Con questa ricetta partecipo all’MTC n. 44


Commenti

  1. E' bello leggere i ricordi belli i chi scrive, e soprattutto sapere di averli fatti riaffiorare grazie ad una propria ricetta.
    I canderli alle rape sono un di quei classici che appena posso faccio e rifaccio, perché nel loro essere semplici hanno un qualcosa di meravigliosamente unico.
    Mi piace l'idea e soprattutto mi intriga quella salsa di accompagnamento, lenta, che avvolge il canederlo senza sopraffarlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Monica, sono contenta che la ricetta ti sia piaciuta, mi sono lasciata ispirare dai ricordi di quei luoghi, ricercando i sapori che li avevo trovato!
      Grazie per la bella idea che hai avuto, forse senza questa spinta mai mi sarei buttata in questa preparazione che, devo ammetterlo, al momento della bollitura mi ha messo un po' di ansia! ;) però che soddisfazione gustare questo piatto!! ;D
      Un abbraccio!

      Elimina
  2. Che ricetta meravigliosa x concludere la settimana e dare il benvenuto al tanto atteso we ^_^ Non ho mai mangiato i canerdeli e sarei proprio curiosa di assaggiare i vostri ^_^
    Buona serata e a presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro, devi assolutamente provarli! Te li spedisco?! :)
      Un abbraccio!

      Elimina
  3. .. e chi glielo dice, alla Monica, che noi Genovesi andiamo in Trentino, in montagna, e non a Cortina? :-)
    i fighetti vanno a Curma ;-) gli altri sulle Dolomiti. e se dici canederlo, qui a Zena l'associazione è con l'altro versante, quello del Puzzone di Moena, per intenderci. E quindi, non poteva che piacermi, questa tua ricetta, la prima con la salsa e non con il brodo, che ha questo ingrediente come trait d'union e la rapa rossa come ulteriore aggancio alla tradizione e al territorio. Il piatto è di quelli "ricchi", che soddisfano gli occhi e il palato e l'esecuzione è praticamente perfetta. Che altro dire, se non un bel "brava"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Alessandra, quanta ragione nelle tue parole! ;) Con questa ricetta sono tornati alla mente ricordi di vacanze passate, risate e episodi da non dimenticare.. ^_^
      Contenta che ti sia piaciuta, grazie mille! :D

      Elimina
  4. Anche tu un piatto dei ricordi...brava!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si.. I piatti che nascono dai ricordi sono sempre speciali..
      Grazie di essere passata a trovarci cara!
      Un abbraccio!

      Elimina
  5. Belli, belli, belli! E quella salsa avvolgente è un vero invito a nozze...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie carissima!
      Sono contenta ti piacciano! ^_^

      Elimina
  6. Quante emozioni e quanti ricordi può far riaffiorare il cibo.. È incredibile il potere che ha.. Adoro i canederli.. E confesso che anche io non li ho mai fatti.. Sono nella to do list.. Prima o poi.. Complimenti! Buona domenica..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, un sapore o un piatto fanno tornare alla mente sapori e ricordi perduti.. Ed è bellissima questa magia!
      Prova li, sono davvero buoni e, nonostante la paura sulla consistenza, nemmeno cosi difficili!
      Un abbraccio!

      Elimina
  7. Tesoruccia non mi deludi mai! Questi canederli devono essere speciali, brava! e che bel colore conferisce la barbabietola rossa! Complimenti davvero! A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenerina! La barbabietola oltre a colorare dona un ottimo questo a questi canederli..
      Contenta che ti piacciano!
      Grazie ^_^

      Elimina
  8. Bella questa versione di canederli! Il puzzone poi conferisce sicuramente un profumo unico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si il puzzone con la barbabietola ci sta a meraviglia!
      Grazie mille, sono felice che questa versione di canederli ti piaccia!

      Elimina
  9. Strepitosi questi canederli... prendo nota, bravissima e grazie!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te di essere passata!
      Un abbraccio

      Elimina
  10. Avete trasmesso con questa ricetta ancora più calore!!!
    Complimenti

    RispondiElimina
  11. Ecco un'affinità: le Dolomiti e le vacanze in val di Fiemme e val di Fassa.
    E pure il gusto per i formaggi saporiti come il puzzone di Moena (che fa tanto ridere mio figlio per il nome!).
    Brava, ben fatti!
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehehe.. Anche a me faceva ridere quando ero più piccina.. Però, che buono!!!
      Grazie mille cara!
      Un abbraccio

      Elimina
  12. Ma che coincidenza...non immaginavo che qualcuno avesse già fatto i canederli alle rape rosse per l'mtc di questo mese.Io li adoro....e mi spiace se sembra che ti abbia copiato l'idea ma onestamente non li avevo proprio visti!ciò significa solo una cosa:che abbiamo gli stessi gusti! :) a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente.. Vuol dire unicamente che siamo due ottime buongustaie entrambe!! Anzi, mi fa piacerissimo che qualcuno abbia avuto l'idea simile alla mia.. Vuol dire che era buona! ;)
      Un abbraccio!

      Elimina
  13. Anche io ho passato spesso le mie vacanze a moena, e pure io, per non prendere una funivia molto ripida sono voluta scendere a piedi per un sentiero molto difficile!!! Belli i colori del tuo piatto e anche i sapori sono quelli che confortano!!! E poi sai che avevo pensato anche io alle rape rosse??? Quante coincidenze!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, grande!! Quante cose in comune ;)
      Sono contenta di aver incontrato i tuoi gusti.. Si, sono proprio un cibo "coccola" con quella fondutina.. :P
      Un abbraccio!

      Elimina
  14. Avevo pensato alla rapa rossa anche io, sai? Ma ha la pecca di non piacere a mio marito... quindi ho abbandonato l'idea. Ma solo per il momento, perché quasi quasi la prossima volta che mi si ripresenterà abbastanza pane raffermo provo a farli ed anche con il puzzone!!!
    Grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono buonissimi..!! Anche a me la barbabietola in purezza non fa impazzire, ma all'interno del canederli si amalgama agli altri ingredienti, sposandosi con loro senza prevaricarli.. Provali, non ti deluderanno!
      Grazie a te cara di essere passata!

      Elimina
  15. Ma che profumo con il puzzone di Moena, saggiamente addolcito dalla barbabietola.
    Ti immagino aggrappata alla parete del rifugio per giorni, in attesa che qualcuno ti porti dei canederli per sopravvivere o che per magia appaia un tratto di strada pianeggiante per poter far passare le vertigini nella pancia. Oddio l'altezza mi fa un effetto terribile e ti capisco :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah... Mi hai fatta morire dal ridere.. In effetti era quello che speravo anche io!!
      I canederli però mi avrebbero dato la forza per scendere come uno stambecco da quella stradina rocciosa!! ;)
      Un abbraccio!

      Elimina
  16. leggere in un post tutti i ricordi che legano ad una persona rendono ancor più
    interessante il piatto
    bellissimi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I piatti se sono legati a un ricordo vengono più buoni! ;)
      Grazie mille!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Finale Rice Food Blogger Giuseppina Carboni e il nostro risotto "Primavera in cortile"

Ieri ci siamo riviste. E' stata un'emozione arrivare seconde alla Finale del Rice Food Blogger Organizzato da Luca Puzzuoli in onore dell'amica Giuseppina Carboni. E più che una gara per noi è stato un momento di condivisione. Di bei momenti tra vecchi e nuovi amici. Tutti con una passione comune:la cucina.
L'evento si è svolto nel magnifico Relais Borgo San Faustino, ad Orvieto. In mezzo alla campagna umbra io, Marta, Ilaria, Angela, Sara ed Alessia, ci siamo sfidate a colpi di mestoli e pentole per aggiudicarci il titolo del Miglior Risotto.
Gli ingredienti? Tutti differenti, e a noi ignoti fino all'ultimo, scelti accuratamente dallo chef Gregory.
A giudicare il nostro piatto? Otto giudici con la G maiuscola: Cristiana Curri Vincitrice del Contest Rice Food Blogger “Chef Giuseppina Carboni” 2016 Gregori Nalon Chef di Alice Tv Franca Rizzi conduttrice di Casa Alice
Silvia Baracchi Chef Stella Michelin del Relais & Chateaux Il Falconiere di Cortona
Anna Maria Pellegrino…