Passa ai contenuti principali

Il mio piatto preferito, antigalateo!


Amo il mercato.
Amo andarci al mattino presto, appena apre.. 
Adoro vedere i commercianti disporre la merce migliore, ammirare la loro cura nell'ordinare i propri prodotti, siano essi frutta, carne, pesce o legumi..
E al mattino presto, di solito mi reco là, con uno scopo preciso..
Scegliermi i prodotti ittici che più mi piacciono..
L'arte della scelta del pesce non é cosa semplice, io tutto questo l'ho imparato dal mio papà, amante e cultore della cucina del mare.
Cercherò di riportarvi alcuni "trucchi" da me acquisiti negli anni:

1) L'odore: i prodotti del mare profumano di mare.. Non puzzano..
Questo trucco vale soprattutto per i crostacei.. La testa é la prima a dare cattivo odore.
 Insomma.. Sono come gli ospiti.. Puzzano dopo tre giorni... E in realtà anche prima! ^_'

2) Gli occhi: devono essere vispi, convessi e mai opachi.. L'opacità é sintomo di invecchiamento.. Già il giorno successivo alla pesca l'occhio dei pesci non ha più la stessa lucidità.

3) La pancia: deve essere tonica. Se perde questa qualità vuol dire che ciò che sta all'interno sta andando a male..!

4) Le branchie: ben aderenti e che fanno intravedere un bel rosso vivo al loro interno.

4)Et pour les coquillages? Devono essere ben serrati nei loro gusci! Di solito una conchiglia leggermente aperta non é un problema, ma al nostro tocco devo richiudersi.. Questa é la loro arma di difesa!
Una volta cotti, con il vapore della pentola, essi si apriranno con facilità (invito quindi a scartare le conchiglie rimaste chiuse, sintomo di non freschezza del prodotto o della presenza di sabbia all'interno della conchiglia)

E ora passiamo alla ricetta..
E' un piatto che io adoro letteralmente, sia esso in versione risotto o in semplice pasta é quello che ha come base la seppia ed il suo nero..

Certo, ammettiamolo, non che quest'ultimo ingrediente sia fatto per una cenetta al lume di candela, in quanto il sorriso a fine serata potrebbe non essere smagliante.. Ma che gusto...!
A me sa di mare, della mia città e anche delle mie origini.
E desidero riportarvi la versione di famiglia. 

Ingredienti:
320 gr spaghetti 
1 seppia grande o 2 più piccole
2 sacche di nero(chiedete al vostro pescivendolo di tenervele da parte)
1 scalogno
1 spicchio di aglio
peperoncino
prezzemolo
vino bianco secco
1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
olio extravergine di oliva

Esecuzione:
Tritare finemente lo scalogno, l'aglio e il prezzemolo assieme al peperoncino.
Soffriggere questo trito in olio e dopo qualche minuto aggiungervi le seppie pulite e tagliate e striscioline. Sfumare con vino bianco queste ultime e far cuocere per una decina di minuti aggiungendo eventualmente un po' di acqua.
Aggiungere il nero e rompere la sacca, permettendo al colore di uscire.
Salare quanto basta.
Aggiungere una tazzina di acqua in cui si sarà sciolto un cucchiaino di concentrato di pomodoro.
Continuare la cotture fino a che le seppie non saranno tenere, aggiungendo nel caso ancora un po' di acqua.
Cuocere la pasta in abbondante acqua salata e terminarne la cottura direttamente in padella, saltandola qualche minuto affinché il nero la colori bene.
In abbinamento non abbiamo scelto un vino bianco: Grillo TERRE SICILANE IGT, Baglio le Mole.





Con questo post partecipo al Giveaway di Vaty: Food & Travel nella sezione Food.
Il suo sito é splendido, le sue ricette anche, i suoi racconti di viaggio entusiasmanti..E io sono felice di festeggiare con lei il suo "compli-blog" con una ricetta che per me é una delle preferite!









 

Commenti

  1. Che sfiziosa ricetta x inaugurare il we con gusto ^_^
    Complimenti cara e buon fine settimana <3

    RispondiElimina
  2. L'avevo vista... su facebook intendo... e sorvolando il galateo, questo piatto è secondo me di un'eleganza straordinaria. Devono essere fantastici. Sei brava, bravissima...anche le foto son molto chic! Ti adoro! A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nero è elegante e chic, persino su uno spaghetto..
      Grazie tesorina, ti abbraccio strettissimo!!
      Smack

      Elimina
  3. Che belli questi spaghetti black!! Adoriamo il pesce, grazie mille per i consigli, abitando in Umbria non siamo espertissime per cui ne faremo tesoro!!
    Il tuo piatto è veramente invitante e raffinato, complimenti!!
    Buona domenica e a presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello sapere che le mie dritte nella scelta del pesce possono risultare utili a qualcuno!
      Grazie ragazze, sono contenta vi piacciano i miei spaghetti in black! ;)
      Un abbraccio!

      Elimina
  4. grazie per aver partecipato e complimenti per il piatto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per il bellissimo giveaway!
      ^_^
      Un abbraccio

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…