Passa ai contenuti principali

Pasta pomodorini, frutti di mare, pinoli e curry per la seconda proposta dell'MTChallenge n°48


 Seconda proposta per l'MTChallenge..
Paola, vincitrice del tema dello scorso mese, ci ha proposto il tema della pummarola, sughi semplici si, ma che lasciano spazio all'innovazione, alla fantasia, all'inventiva!

Eh si, ero tanto restia alla pummarola e alla fine ci ho preso gusto...!
Complice anche una bellissima scoperta di una marca di pasta, davvero ottima, che ho avuto occasione di assaggiare a Slow Fish, un evento svoltosi qui a Genova, che vedeva stand, grandi chef, pescatori e case produttrici di prodotti di qualità, destreggiarsi con tutti i prodotti del mare.
Tra questi ho potuto assaggiare primi piatti preparati con la pasta prodotta dal Pastificio G. di Martino, riscontrando una grande qualità nei grani utilizzati dall'azienda produttrice di pasta.
Una pasta che non scuoce, ruvida e porosa al punto giusto, per accogliere sughi di qualsiasi genere.

Grazie alla gentilezza di Valentina, parlando del blog, ho avuto modo di ricevere in omaggio alcuni formati di pasta e subito ho pensato di proporli abbinati a un sugo per l'MTChallenge.
Ho scelto un formato un po' particolare, i paccheri, in abbinamento a un sugo ai frutti di mare.

Ingredienti:
500 gr paccheri G. Di Martino
300 gr pomodorini 
3 cicale 
3 gamberi 
1kg vongole
1 kg cozze
Aglio e prezzemolo tritati
Un cucchiaio di origano
2 cucchiaini di curry
Una manciata di pinoli
Sale e pepe q.b.
Olio extravergine di oliva
Burro

Esecuzione:
Come prima cosa far aprire in due casseruole separate le vongole e le cozze, tenendo da parte solo l'acqua delle prime.
In una capiente padella versare abbondante olio.
A freddo unire il trito, l'origano i pinoli e i pomodori e accendere il fuoco.
Far scaldare l'olio, una volta che gli ingredienti sono ben tostati aggiungervi le vongole e le cozze, un po' sgusciate e un po' no.
Aggiungere l'acqua delle vongole, i crostacei, il curry, due mestoli di acqua di cottura della pasta, regolare si sale e pepe e chiudere il tutto con un coperchio per due minuti.
Spegnere il fuoco e aggiungere qualche pezzetto di burro.
Nel frattempo cuocere e saltare la pasta in padella, giusto il tempo di legare il tutto.









Con questa ricetta partecipo all'MTChallenge n°48: La pasta con il pomodoro

http://www.mtchallenge.it/2015/05/mtc-n-48-la-ricetta-della-sfida.html

Commenti

  1. Golosissimi abbinamenti..chissà che buon profumo e che sapore avvolgente :-)
    Complimenti cara e felice we <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro! Eh si, in effetti il profumo di curry, abbinato all'origano e all'aroma di pinoli tostati è unico!
      Un abbraccio! ^_^

      Elimina
  2. Ho visto la foto su instagram e mi è venuta fame, favolosi

    RispondiElimina
  3. Spettacolo totale!!!
    Per me i paccheri sono solo e sempre di mare, ogni volta che tento altre soluzioni mi prenderei a schiaffi da sola perchè il pacchero chiama il sugo di mare.......e non c'è storia!!!!!
    Questa ne è la prova!!!
    Il tuo piatto spopolerebbe nei ristoranti della "mia" Riviera!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che io i paccheri lo ho sempre preparati solo ed unicamente al forno!/e invece che scoperta con il sugo di pesce!
      Grazie cara, sei stata davvero carina a passare da noi e a farci tutti questi complimenti!^_^

      Elimina
  4. Metterei i pinoli pure nel caffè, per quanto mi piacciono! Li immagino crocchiare sotto i denti, in questa ricettina, e mi cola la bavetta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, anche noi!!
      Felici che ti piaccia la nostra proposta!

      Elimina
  5. Questo si che è un signor primo piatto! Vi sarete deliziate a mangiare questa meraviglia :) Che vogliaaaaa!

    RispondiElimina
  6. Devo confessare che non amo molto il pesce...ma questi paccheri li divorerei in un sol boccone:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, chissà che assaggiandoli non cambi idea sui piatti di pesce! ^_^

      Elimina
  7. Di fronte a questo piatto non si può proprio dir di no. Ha un aspetto magnifico e super invitante. da amante del pesce mi ci tufferei!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheh, infatti non bisogna dire di no! ^_^
      Grazie mille dei complimenti, siamo felici ti piaccia la nostra versione di pasta con la pummarola per l'MTC!
      Un abbraccio

      Elimina
  8. Io A D O R O i paccheri e tantissimissimo le ciacale. La dolcezza che danno alla pasta è semplicemente unica.
    Molto ricca e buona la tua ricetta, mi piace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io vado matta per le cicale! Trovo siano migliori di tanti crostacei, anche più cari che si trovano in commercio!
      Felice che ti piaccia la nostra ricettina!
      Smack

      Elimina
  9. Le tue proposte sono tutt'e due golosissime...questa con i frutti di mare poi è da rifare!!!
    Complimenti!!!

    RispondiElimina
  10. Cavoli che signor primo...un capolavoro!! I paccheri con i frutti di mare sono la morte loro, un sughetto pazzesco, hai messo tutti i nostri molluschi e crostacei preferiti!! Bravissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andiamo d'accordo allora, la prossima volta venite anche voi! ;)
      Un abbraccio!

      Elimina
  11. I paccheri abbinati ai frutti di mare sono un must! L'aggiunta del curry invece è una curiosa novità che lo rende un po' esotico :) e mi sa che ci sta anche bene, a pensarci :) Grazie per questa tua nuova proposta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che io non li avevo mai provati con un sugo di mare! Il curry ci sta benissimo, idea della dolce metà però, devo ammetterlo!
      Grazie ancora a te e alla tua super sfida! ^_^

      Elimina
  12. ma non ci credo... ma lo sai che a Masone ho la dispensa piena della Pasta G.Di Martino? l'avevo scovata in un negozio dell'alessandrino e, dopo averne provato il primo pacco, sono andata a farmi una scorta infinita! pensavo che non la conoscesse nessuno e non sai quanto sia contenta che siano stati scovati da Slow food perchè meritano davvero!
    Tu, comunque, l'hai valorizzata con un signor sugo e fai i complimenti alla dolce metà per l'idea del curry:qui è praticamente impossibile mangiar pesce non speziato,ma ti assicuro che ogni volta ha il suo perchè :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma pensa che coincidenze, anche io mi sono innamorata di questa pasta ed è stato bello scoprirla in un contesto come slow fish..!
      Devo dire che le spezie associate al pesce sono state una scoperta recente, da cui sono rimasta folgorata... Chissà che chicche li a Singapore Ale.. Mi piacerebbe sentirti raccontare di abbinamenti e gusti provati nel tuo soggiorno fino ad oggi! ^_^
      Un abbraccio

      Elimina
  13. Adoro i paccheri e adoro questo piatto che è la personificazione dell'acquolina...
    Ciao belline, un abbraccio e buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesorina, sei adorabile! ^_^
      Buon weekend anche a te! Smack

      Elimina
  14. Oddio che meraviglia, è da tanto che non passo per di qui, scusatemi ma cerco di stare lontana dal pc e il più possibile all'aria aperta! Questi paccheri sono stupendi, faccio il tifo per voi!!! Un abbraccio, mi siete mancate!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai molto bene mia cara Ale, molto meglio l'aria aperta!
      Anche tu manchi tanto, avere la tua visita é sempre un piacere immenso.
      E grazie per il tifo! ^_^
      Ti stringo!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Finale Rice Food Blogger Giuseppina Carboni e il nostro risotto "Primavera in cortile"

Ieri ci siamo riviste. E' stata un'emozione arrivare seconde alla Finale del Rice Food Blogger Organizzato da Luca Puzzuoli in onore dell'amica Giuseppina Carboni. E più che una gara per noi è stato un momento di condivisione. Di bei momenti tra vecchi e nuovi amici. Tutti con una passione comune:la cucina.
L'evento si è svolto nel magnifico Relais Borgo San Faustino, ad Orvieto. In mezzo alla campagna umbra io, Marta, Ilaria, Angela, Sara ed Alessia, ci siamo sfidate a colpi di mestoli e pentole per aggiudicarci il titolo del Miglior Risotto.
Gli ingredienti? Tutti differenti, e a noi ignoti fino all'ultimo, scelti accuratamente dallo chef Gregory.
A giudicare il nostro piatto? Otto giudici con la G maiuscola: Cristiana Curri Vincitrice del Contest Rice Food Blogger “Chef Giuseppina Carboni” 2016 Gregori Nalon Chef di Alice Tv Franca Rizzi conduttrice di Casa Alice
Silvia Baracchi Chef Stella Michelin del Relais & Chateaux Il Falconiere di Cortona
Anna Maria Pellegrino…