Passa ai contenuti principali

Simil-Bibanesi con pasta madre


Ho sempre amato i pani e i panificati in generale.

Fin da piccina amavo sporcarmi di farina, impastare accuratamente farina e acqua, stendere e aspettare che l'impasto "prendesse vita".

Avevo un matterellino tutto mio, formato mignon, che utilizzavo per preparare la mia focaccetta e la mia pizzetta.
Tutte le volte che a casa si impastava, un pezzetto di pasta era tenuto da parte per me.
Ma non lo usavo per giocare, io creavo il mio panificato, ci credevo già allora! ;)
E lo conservo ancora, il mio mattarellino..
Mi serve come strumento "tecnico" per stendere, creare e rifinire decori.

Simil-Bibanesi con pasta madre
 
Ingredienti:
150 gr pasta madre (rinfrescata fino al massimo 2 giorni prima)
200 ml acqua
80 gr olio
450 gr farina
10 gr sale
Sesamo(io non lo avevo)

Esecuzione:
Sciogliere la pasta madre in acqua e olio;
aggiungere la farina e per ultimo il lievito.
Lasciare lievitare 3 ore in luogo caldo - umido (va benissimo il forno con la lucina accesa).
Stendere l'impasto in filoncini larghi 2-3 dita circa.
Tagliare in piccoli pezzi, nel verso della lunghezza, dovranno risultare come dei piccoli cilindretti.
Far rotolare nel sesamo ogni cilindretto. 
Se non lo avete a disposizione, come nel mio caso, disporre questi pezzetti di impasto direttamente su una teglia ed infornare a 200° fino a che non risultano belli dorati, in questo modo saranno anche molto fragranti.




Con questa ricetta partecipo al contest "I lievitati" di La cucina di Esme

Commenti

  1. grazie di partecipare al mio contest!
    buona serata
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! Spero di arrivare con la seconda ricetta!

      Elimina
  2. Tenerissimi ricordi e quel mattarellino è stupendo, testimonia la tua innata passione x quello che fai ^_^
    Complimenti anche x questa ricetta, la voglio proprio provare ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provala e fammi sapere!
      Quel mattarellino è il mio preferito, guai a toccarlo!! ^_^
      Un abbraccio e buon w.e.!

      Elimina
  3. mi hai fatto tornare in mente quando aiutavo mia nonna a cucinare! noi impastavamo più che altro ravioli, gnocchi, focacce. Col pane sono ancora un po' imbranata, non mi fido ancora a cimentarmi con la pasta madre. Questi bibanesi sono perfetti. Io li adoro, li ho scoperti non tanto tempo fa al super e da allora non posso più farne ameno. L'idea di farli in casa mi piace tanto. Ma non credo che sostituire la pasta madre con il lievito di birra avrebbero la sessa fragranza.
    Brava. In bocca al lupo per il contest. Manu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, sembra un essere misterioso, ma da grandi soddisfazioni! Te ne do io un pezzetto della mia che ha quasi 3 anni! ;)
      Puoi provare una nuova versione con il lievito di birra, anzi, proviamoci e vediamo che cosa esce! ;)
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Eccomi finalmente dalle mie preferite! Purtroppo il lavoro mi sta dilaniando e difficilmente riesco a trovare del tempo per stare dietro al blog, ma quando ho quei cinque-minuti-cinque è sempre un piacere passare dalle amiche creative, che hanno sempre le mani in pasta e la testa dentro il frigo. Questi piccoli lievitati devono essere deliziosi, complimenti vivissimi! Un abbraccio
    Lore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, mi piace questa definizione di noi! Mani in pasta e testa in frigo!
      Anche noi siamo in un periodo full, capiamo perfettamente! ;)
      Grazie tesoro, è un piacere ricevere i tuoi complimenti! Un abbraccio!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…