Passa ai contenuti principali

Fiori sul balcone e.. sul blog!


Ieri soffiava un vento caldo, quasi a preannunciare quella primavera, prima, e quell'estate poi, che tutti aspettiamo con ansia..

Sul balcone le rose iniziano a sbocciare.
La piccola piantina di fragole ha due fiorellini che presto mi regaleranno quei preziosi frutti che gusto sempre con soddisfazione e gioia per la mia mini produzione.
I geranei si riempiono di colori.
La bougainvillea continua la sua arrampicata sul muro del terrazzo.

Tutto sboccia, e anche in cucina sbocciano nuovi dolci.
Questi si fanno meno ricchi, più semplici, ma comunque pieni di sapori.

E' il caso di queste rose di sfoglia, nate per la necessità di usare una sfoglia in scadenza.
Non volevo il classico strudel, non volevo sfoglie salate..
Ma delle delizie da gustare a "strati", lasciandosi avvolgere dal gusto della speziata cannella e delle mele, in un caso, e dei balsamici zenzero e menta, abbinati alla pesca, nell'altro.

Rose di sfoglia con mele e cannella e con pesca, menta e zenzero

Ingredienti:
1 rotolo sfoglia
1 pesca
1 mela 
20 gr burro
20 gr zucchero
1 cucchiaino di zenzero in polvere o una grattuggiata di zenzero fresco
1 cucchiaino di cannella
qualche fogliolina di menta
50 gr nocciole e mandorle caramellate.

Esecuzione:
In due padellini separati, dividere il burro e scioglierlo sul fuoco.
Unire la pesca in uno e la mela nell'altro, entrambe tagliate a fettine, mantenendo la buccia.
Saltare leggermente(non devono sfaldarsi), aggiungere lo zucchero e le spezie e lasciare raffreddare.
Tagliare grossolanamente la frutta secca caramellata e aggiungerla alla frutta.
 Sul piano di lavoro stendere la sfoglia(possibilmente rettangolare) e tagliare, lungo il lato più lungo, strisce della larghezza di 4 dita.
Disporvi le fette di frutta in modo ordinato, lasciando che una parte della fetta sporga un poco.
Nelle sfoglie con la pesca aggiungere qualche fogliolina di menta spezzettata.
Ripiegare la metà della striscia di sfoglia sul frutto e arrotolarla su se stessa, formando dei "fiori".
Disporre ogni rosa in stampini da muffin di metallo, in modo che in cottura non si sformino, ricoperti di carta forno.
Cuocere a 180° per una ventina di minuti, fino a che la sfoglia non si sia colorata.
Sono gustosissimi serviti al naturale o con un'ottima crema inglese o zabaione.




Commenti

  1. Deliziose! Danno proprio l'idea di boccioli di fiori. e poi sono anche veloci da fare. Devo iniziare ad usare la sfoglia anche per i dolci, io solitamente la uso per torte salate e invece in pochi minuti si possono fare meraviglie come queste. Un abbraccione cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, la sfoglia regala dolcetti stupendi e a me piace tantissimo!
      Grazie a te cara di essere passata!
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Maggio è il mese delle rose... E adoro questo vostro profumatissimo bouquet! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, vorrò dire che ti regalaremo un fiorellino di sfoglia! ;)
      Buon weekend!

      Elimina
  3. Ma che meraviglia, è quasi un peccato addentarli... che poi devono esser buonissimi... brave, e che bella luce!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesorina!
      Si, sarà anche un peccato, ma sono buonissimi e si sono volatilizzati!
      Un abbraccio Ale!

      Elimina
  4. Meraviglioso inno alla primavera, complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii! Sanno di fiori che sbocciano! ^_^
      Grazie cara!

      Elimina
  5. Le trovo bellissime!! Settimana scorsa ne ho fatta una versione simile.. trovo che la loro forma sia mervigliosa.. così delicata ed elegante. Un ottimo modo per dar il benvenuto alla primavera! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a noi é piaciuta tantissimo la forma e l'effetto visisvo.. e poi si prepararno in un attimo! ;)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…