Passa ai contenuti principali

Tritanoccioliamo, la raccolta per l'ora dell'aperitivo e mela in polpetta con salsa greca e chutney!


Era un po' che ci pensavo..
Volevo anche io creare una piccola rubrica che ci accompagnasse per un certo periodo, come appuntamento fisso, legata tramite un tema, un filo conduttore.
E l'idea del nostro blog, tramite in nostro motto "è sempre festa" ci è venuto incontro.. 
Abbiamo voluto creare un appuntamento con cadenza circa settimanale, da oggi fino a fine settembre, che vedesse l'ora dell'aperitivo come punto focale.. Mini stuzzichini, finger food, che possono essere degustati nel momento di relax e compagnia con gli amici: ecco il tema che ci vedrà impegnate al sabato e ci farebbe piacere se voleste unirvi, con idee e ricette, commentando il post pubblicato o quelli a seguire con il link della vostra proposta, cosicchè io possa linkare le ricette pervenute ogni settimana alla fine di ogni post del "Tritanoccioliamo all'ora dell'aperitivo".
Vi chiedo unicamente di inserire nel vostro post la dicitura "con questa ricetta partecipo alla raccolta Tritanoccioliamo all'ora dell'aperitivoaperitivo! del blog Tritabiscotti" e il banner qui sotto, linkandovi al blog!



Alla fine di tutto il percorso, con le migliori ricette pervenute, mi piacerebbe creare un PDF che possa venire utile per feste, aperitivi e cenette in piedi tra amici.  
Spero vorrete unirvi alla nostra festa!


E ora passiamo alla ricetta, la prima ancora con uno sguardo alla primavera-inverno, quindi un fritto, ma tutto particolare, con una mela che si crede polpetta e si sposa con un buon formaggio di capra..
E a ogni aperitivo che si rispetti non posso mancare le salsine, dove intingere le polpettine!

Mela in polpetta con salsa greca e chutney
Ingredienti:
Per la salsa Tzatziki: 
Yogurt greco
Succo di mezzo limone
Erbette
sale q.b.
Per i Chutney:
2 mele Golden Delicious (indicate per composte)
2 cipolle
1/2 bicchiere di vino bianco
70 g di zucchero
2 foglie di alloro
Succo di un limone
sale q.b.
Per il Chutney senapato allo zenzero:
1 cucchiaino di senape in polvere e mezzo cucchiaino di zenzero in polvere
Per il Chutney alla noce moscata:
1/2 cucchiaino di noce moscata e una manciata di uvetta di Corinto.
Per le polpette:
400 g carne di maiale tritata
150 g di formaggio chèvre grattuggiato non troppo finemente
3 uova
1 Mela Red delicious (indicata in abbinamento alle carni) tagliata a julienne
1 spicchio d'aglio tritato
3 cucchiai di latte
Pane grattuggiato q.b.
sale q.b

Esecuzione:
Per la salsa Tzatziki:
Amalgamare lo yogurt con il succo di limone e le erbette.
Per i Chutney:

Tagliare a fettine sottili e mettere in una pentola le cipolle, unire le mele tagliate a cubetti, l’alloro e il succo di limone e lasciare cuocere mezz’oretta.

Aggiungete lo zucchero e mescolare bene, quindi sfumare con il vino e mescolare. Lasciare cuocere ancora mezz’oretta. Dividere in due il composto, aromatizzare con le spezie e/o l’uvetta e lasciare cuocere ancora cinque minuti.

Eliminare l’alloro e lasciare raffreddare.

Per le polpette:


Soffriggere in olio extravergine di oliva il trito di aglio e maggiorana. Aggiungere la carne e cuocere qualche minuto. Far raffreddare.

Aggiungere le uova, il latte, il parmigiano e il fomaggio di capra grattuggiati.

Formare delle palline, passarle nel pane grattuggiato e friggerle in olio fino a doratura.




Non resta che tuffarsi nelle salse, all'ora dell'aperitivo!
Questa ricetta ha partecipato al concorso Marlene Gourmet/Saporie.com

Commenti

  1. Molto carina l'idea di questa rubrica, cercherò di non mancare :-)
    Intanto mi godo la vostra strepitosa proposta..vorrei proprio brindare insieme a voi e a queste polpettine :-)
    Buona domenica e a presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, aspettiamo le tue ricettive che saranno sicuramente super!!
      Un abbraccio!!

      Elimina
    2. http://ibiscottidellazia.blogspot.it/2015/09/lingue-di-focaccia-ai-3-sapori.html eccomi :-) spero che la mia proposta vi piaccia <3

      Elimina
  2. Mmmmm che delizia queste polpettine, sfiziosissime, una tira l'altra!!!!

    RispondiElimina
  3. che bella questa ricetta! più tardi da casa inserisco anche la mia focaccia ! A presto! ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…