Passa ai contenuti principali

Angel cake al cioccolato con frutti di bosco e pepe rosa


"Chocolat" é in assoluto il mio film preferito.
Mi é sempre piaciuta la capacità della protagonista di sapere indovinare il cioccolatino preferito di ogni cliente.
Ed ero e sono affascinata dalla storia legata al vento del Nord.
Potrei guardarlo mille volte, restando affascinata ogni volta.
L'arte del cioccolato é un arte magica: dai semi delle fave di cacao si ricava il nettare degli dei.
Buono in ogni abbinamento, dal dolce al salato, dal naturale allo speziato.

Ispirata dal film e dalla voglia di una coccola tutta per me ho rivisitato un grande classico, la Angel cake.
Ho usato come base la ricetta classica di Montersino, reinventando abbinamenti e sapori.

Angel cake al cioccolato con frutti di bosco e pepe rosa. 
Ingredienti:
450 g di albumi rigorosamente a temperatura ambiente
350 g di zucchero semolato (la ricetta ne prevedeva di più, rispettando le proporzioni, ma avendo anche il cioccolato e la frutta ho preferito ridurre la dose zuccherina)
  150 g di farina 00
40 gr cacao amaro 
6 gr di Lievito per dolci(io non avevo il Cremor tartaro, ingrediente originale della ricetta) 
un pizzico di sale 
100 gr cioccolato fondente sciolto a bagnomaria
200 gr frutti rossi(io ho usato fragole, lamponi e mirtilli)
1 cucchiaio di pepe rosa pestato

Esecuzione:
Montare a neve fermissima gli albumi, dopo di che aggiungere a più riprese lo zucchero.
Aggiungere gli ingredienti secchi setacciati a poco a poco, mescolando dal basso verso l'alto per non smontare il composto.
Aggiungere il cioccolato sciolto, il pepe pestato e la frutta e mescolare un poco.
Versare il composto nello stampo a ciambella e livellarlo con una spatolina (non batterlo per evitare di smontare gli albumi).
Infornare a 180 gr per 40-45 minuti. Durante questo tempo non aprire il forno per evitare che la torta si sgonfi, aprire solo per fare la "prova stecchino".
Lasciare raffreddare completamente, ribaltare sul piatto da portata e cospargere di zucchero a velo.






Con questa ricetta partecipo al Contest del blog di coccole di dolcezza "Albume.. Che guerra sia!"

albumeche

E al contest di Molino Chiavazza "Cacao speziato"


http://cultura-del-frumento.blogspot.it/2015/05/cacaospeziato-raccolta.html

 E al contest di Angolo delle Ghiottonerie "RossoLamponeContest"


http://angolodelleghiottonerie.blogspot.it/

Commenti

  1. Anche a me piace da matti quel film :-) e poi ti ha ispirato una bellissima ricetta ^_^ Complimenti cara e felice serata <3

    RispondiElimina
  2. Torta magnifica e golosissima. Poteva benissimo stare nella vetrina di quella chocolaterie del film. Anch'io l'ho visto e rivisto più volte. Ma il libro è ancora più bello perchè i personaggi hanno un'intensità maggiore. L'autrice è bravissima.
    Ha scritto anche il seguito di Chocolat, dove si ritrova la protagonista e la figlia. E' molto bello, non come il primo ma altrettanto magico, e il cioccolato è sempre il protagonista principale. Io intanto mi segno questa ricetta così sogno ancora un po'. Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima.
      Leggendo il tuo commento non posso che correre a comprarmi il libro e pure il seguito
      E chissà che non si crei, magari, il seguito di questa torta, da gustare sfogliando le pagine....!
      Buona settimana tesoro!

      Elimina
  3. Chocolat ti ha proprio dato una stupenda ispirazione, la torta è veramente bellissima, particolare e super attraente.....Un connubio di sapori e spezie perfetto, bravissima!
    Buona giornata di festa, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie pancettine!
      Felici che vi piaccia la nostra creazione au chocolat!
      Buona festa e buona serata!
      Smack

      Elimina
  4. Conosco questi sapori e so quanto bene stiano insieme i cioccolato, i lamponi e il pepe rosa: goduria allo stato puro!
    Chocolat un film culto per ogni cyber-cuoca che si rispetti!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie carissima, come sei carina..!
      Eh si, questo film é proprio un must per noi cuochine! ^_^
      Un abbracciotto!

      Elimina
  5. Non sapevo che Montersino avesse creato una sua ricetta di angel cake ! "L'originale" - ammesso che ce ne sia una che si può definire tale - in bianco non mi piace per nulla: non sa da niente se non da farina. Con il cacao è tutta un'altra storia ! Il cacao ed il cioccolato in genere stanno molto bene con i frutti rossi. Ed il tocco piccante ce lo vedo proprio. Grazie per la ricetta e per la partecipazione !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, l'avevo segnata tempo fa sui "to do".. La sua è molto più tecnica, io mi sono limitata a rispettare le dosi degli ingredienti.. E essendo che anche a me la versione " neutra" non piace molto, l'ho caricata di frutta, cioccolato e un tocco di speziato! ;)
      Grazie a te per il bellissimo e geniale contest! Un abbraccio

      Elimina
  6. UN dolce golosissimo e molto invitante.... complimenti!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gnocchi di polenta con porri e speck gratinati al forno

Con queste giornate, all'insegna della pioggia e del freddo, la voglia di mettere il naso fuori di casa e' davvero poca, mentre quella di cucinare e soprattutto infornare è davvero tanta. Il ticchettio della pioggia scandisce i minuti e io, sempre presa dalla frenesia, riesco a rallentare. I gnocchi sono sempre stati un piatto classico della mia famiglia, quelli di patate con il pesto erano un must del weekend. Oggi, per la giornata nazionale degli gnocchi, propongo invece degli gnocchi inusuali, che strizzano l'occhio al riciclo e a ricette differenti. Io non amo la polenta. Quando in inverno tutti si esaltano di fronte a quella lava ustionante al mais, io mi stringo facendo spallucce e ripiego su una copertura infinita di sugo per coprire di gusto questa "farina" che non mi ha mai soddisfatta. Poi la ho riscoperta "riciclata", impastata con farina e uova per dargli nuova forma e gustarla come piace a me! Se, dopo averli prepa

Pollo thai con riso basmati e verdure

Ho sempre pensato che la cucina italiana avesse una marcia in più rispetto a tutte le altre. Anni e anni di tradizioni culinarie, studi e tecniche per creare un patrimonio che in molti ci invidiano. Libri antichissimi narrano già di tecniche che ora utilizziamo come innovative. Nonostante questa radicata convinzione però, da più grandicella ho scoperto cucine estere, esotiche e speziate e le ho adorate. Gusti nuovi, aromi e profumi di paesi lontani... Tradizioni, anche quelle, totalmente differenti dalle nostre. Abbinamenti e accostamenti diversi, ma ugualmente validi e studiati. E così, se in quei paesi ancora non sono realmente stata, in cucina posso viaggiare, pur restando nelle pareti di casa. Posso sbarcare in India, o volare in Giappone o in Cina. Ingredienti: 200 gr riso basmati un petto di pollo due cipollotti un broccolo due carote due zucchine un bicchiere di latte di soia salsa di soia prezzemolo zenzero buccia di lime peperoncino olio  sale e p

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma... Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero.  Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori. La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice. Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mel