Passa ai contenuti principali

Sughi a cotture lente parte II: sugo di funghi e lasagne ai sapori di autunno.


Quest'anno mi sono fissata con le cotture lente.
Con il rumore del lento sobbolire del sugo..

Magari mentre fuori piove, con i vetri che si appannano per la troppa differenza di temperatura tra l'interno e l'esterno della casa.

Il sugo che piano piano si riduce, un po' per la cottura..
Un po' per i svariati assaggi, con il pane o direttamente con il cucchiaio..
Mentre assieme alla famiglia si prepara tutto il resto per un delizioso pranzo tutti assieme.

Un sugo che sa di autunno in ogni sua parte, con gli unici funghi che io riesco a vedere: galletti o finferli - che dir si voglia - e colombine.. Con un unico fungo porcino trovato dalla dolce metà (uno ma bello grande e sano..!).
Il sugo che è risultato era buonissimo, corposo e con i funghi ancora croccanti.
E che pasta potevo abbinarci? I taglierini li avevamo mangiati da poco.. Quindi sono venute quasi in automatico le lasagne!

Piccola nota: inizialmente non volevo nemmeno postarla questa ricetta, poiché le lasagne, come piacciono a noi sono strapiene di sugo e besciamella e con poca pasta, quindi tendono a "sdraiarsi" nel piatto, risultando poco fotogeniche.. Ma erano talmente buone che non potevano non rientrare tra le ricette da rifare e rifare..
 

Ingredienti:
Per il sugo:
1 scatola di pelati grande
Funghi:3 colombine,5 galletti,1 porcino (tutti di medie dimensioni) 
una carota
 una cipolla
una costa di sedano
qualche foglia di prezzemolo
1 spicchio di aglio
1 peperoncino
1 rametto di rosmarino 
2 foglie di alloro
olio e burro
sale e pepe  
brodo di manzo (500 ml)
1 bicchiere di vino bianco per sfumare
Per la besciamella:
1 L di latte
100 gr farina
100 gr burro
Per la pasta:
2 uova e 250 gr di farina più un pugno di spinaci bolliti e strizzati
oppure
2 pacchi di pasta da lasagna (uno verde e uno bianco, se ne userà metà di ciascuno) 

Esecuzione:
Per il sugo:
Tritare le verdure con aglio,prezzemolo,peperoncino.
Soffriggere in abbondante olio e burro.
Aggiungere i funghi tagliati in pezzi, lasciare insaporire e sfumare con il vino.
Aggiungere il rosmarino e l'alloro.
Aggiungere i pelati, schiacciarli in modo grossolano e continuare la cottura per 2 ore, aggiungendo un po' di brodo per evitare che il sugo si restringa troppo e tenda ad attaccarsi.
Regolare di sale e pepe.

Per la besciamella:
Sciogliere il burro in un pentolino. Aggiungervi la farina e fare il roux: si formerà una pallina di impasto che tenderà a staccarsi da sola dai bordi e dal fondo del pentolino.
Aggiungere il latte caldo e cuocere, evitando di formare grumi, per una quindicina di minuti.

Per la pasta:
impastare 100 gr di farina con un uovo, mentre i restanti 150 gr con gli spinaci e l'uovo. Se l'impasto risultasse troppo duro aggiungere un poco di acqua.
Stendere la sfoglia sottile e tagliarla a forma di rettangoli.
Bollire per qualche minuto in acqua salata e scolare su un canovaccio pulito.

In alternativa si possono utilizzare sfoglie già confezionate, ricodandosi comunque di bollirle qualche minuto prima di utilizzarle.

Formare le lasagne alternando strati di pasta e besciamella e sugo, arricchendo ogni strato con una bella spolverata di parmigiano reggiano.
Cuocere per 20-30 minuti in forno caldo a 180-200°.









Commenti

  1. Questa ricetta è pura poesia. complimenti!
    Ne approfitto x augurarvi un felice we <3

    RispondiElimina
  2. Le mie ragazze stupiscono sempre... Anche io fan delle cotture lente e delle basse temperature. Grandi, fa venire un'acquolina!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie... Sei gentilissima! La prossima volta te ne spediamo una fetta! ;D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…