Passa ai contenuti principali

Sughi a cotture lente parte II: sugo di funghi e lasagne ai sapori di autunno.


Quest'anno mi sono fissata con le cotture lente.
Con il rumore del lento sobbolire del sugo..

Magari mentre fuori piove, con i vetri che si appannano per la troppa differenza di temperatura tra l'interno e l'esterno della casa.

Il sugo che piano piano si riduce, un po' per la cottura..
Un po' per i svariati assaggi, con il pane o direttamente con il cucchiaio..
Mentre assieme alla famiglia si prepara tutto il resto per un delizioso pranzo tutti assieme.

Un sugo che sa di autunno in ogni sua parte, con gli unici funghi che io riesco a vedere: galletti o finferli - che dir si voglia - e colombine.. Con un unico fungo porcino trovato dalla dolce metà (uno ma bello grande e sano..!).
Il sugo che è risultato era buonissimo, corposo e con i funghi ancora croccanti.
E che pasta potevo abbinarci? I taglierini li avevamo mangiati da poco.. Quindi sono venute quasi in automatico le lasagne!

Piccola nota: inizialmente non volevo nemmeno postarla questa ricetta, poiché le lasagne, come piacciono a noi sono strapiene di sugo e besciamella e con poca pasta, quindi tendono a "sdraiarsi" nel piatto, risultando poco fotogeniche.. Ma erano talmente buone che non potevano non rientrare tra le ricette da rifare e rifare..
 

Ingredienti:
Per il sugo:
1 scatola di pelati grande
Funghi:3 colombine,5 galletti,1 porcino (tutti di medie dimensioni) 
una carota
 una cipolla
una costa di sedano
qualche foglia di prezzemolo
1 spicchio di aglio
1 peperoncino
1 rametto di rosmarino 
2 foglie di alloro
olio e burro
sale e pepe  
brodo di manzo (500 ml)
1 bicchiere di vino bianco per sfumare
Per la besciamella:
1 L di latte
100 gr farina
100 gr burro
Per la pasta:
2 uova e 250 gr di farina più un pugno di spinaci bolliti e strizzati
oppure
2 pacchi di pasta da lasagna (uno verde e uno bianco, se ne userà metà di ciascuno) 

Esecuzione:
Per il sugo:
Tritare le verdure con aglio,prezzemolo,peperoncino.
Soffriggere in abbondante olio e burro.
Aggiungere i funghi tagliati in pezzi, lasciare insaporire e sfumare con il vino.
Aggiungere il rosmarino e l'alloro.
Aggiungere i pelati, schiacciarli in modo grossolano e continuare la cottura per 2 ore, aggiungendo un po' di brodo per evitare che il sugo si restringa troppo e tenda ad attaccarsi.
Regolare di sale e pepe.

Per la besciamella:
Sciogliere il burro in un pentolino. Aggiungervi la farina e fare il roux: si formerà una pallina di impasto che tenderà a staccarsi da sola dai bordi e dal fondo del pentolino.
Aggiungere il latte caldo e cuocere, evitando di formare grumi, per una quindicina di minuti.

Per la pasta:
impastare 100 gr di farina con un uovo, mentre i restanti 150 gr con gli spinaci e l'uovo. Se l'impasto risultasse troppo duro aggiungere un poco di acqua.
Stendere la sfoglia sottile e tagliarla a forma di rettangoli.
Bollire per qualche minuto in acqua salata e scolare su un canovaccio pulito.

In alternativa si possono utilizzare sfoglie già confezionate, ricodandosi comunque di bollirle qualche minuto prima di utilizzarle.

Formare le lasagne alternando strati di pasta e besciamella e sugo, arricchendo ogni strato con una bella spolverata di parmigiano reggiano.
Cuocere per 20-30 minuti in forno caldo a 180-200°.









Commenti

  1. Questa ricetta è pura poesia. complimenti!
    Ne approfitto x augurarvi un felice we <3

    RispondiElimina
  2. Le mie ragazze stupiscono sempre... Anche io fan delle cotture lente e delle basse temperature. Grandi, fa venire un'acquolina!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie... Sei gentilissima! La prossima volta te ne spediamo una fetta! ;D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…