Passa ai contenuti principali

Torta all'uva fragola e farina di farro


Qualche giorno fa mi é arrivato in regalo un bellissimo cestino di uva fragola.
Già l'anno scorso ne avevo sperimentato una ricetta e avevo scoperto come questo frutto fosse ottimo per creare dolci rustici e golosi.
Quest'anno ho voluto cambiare ricetta e curiosando nel web ho trovato svariate ispirazioni(tra tutte questo e questo blog).
La torta che é nata però é stata dovuta inizialmente a scelte, utilizzano ad esempio la farina di farro mixata a quella di grano tenero, successivamente a errori in corso d'opera, per cui le dosi sono state variate a causa dei pasticci della sottoscritta.
Risultato? Una torta rustica e buonissima.

Ingredienti:
200 gr farina 00
100 gr farina di farro
1 uovo
8 cucchiai olio semi di arachide
130 gr zucchero + 20 gr per la superficie
1 bustina lievito per dolci
500 gr acini di uva fragola
200 gr latte 

Esecuzione:
Mescolare con una frusta l'uovo e lo zucchero, aggiungere l'olio a filo e farlo assorbire completamente dall'impasto.
Aggiungere il mix di farine con il lievito e successivamente il latte, evitando di formare grumi.
Ricoprire con la carta forno una teglia del diametro di 24-26 cm e versarvi 2/3 del composto.
Aggingere i chicchi d'uva sgranati e lavati e ricoprire con altro impasto, in modo irregolare.
Versare sulla superficie ancora un filo di olio e cospargere con lo zucchero.
Infornare a 180° per 30 minuti circa, o comunque fino a che un stecchino, inserito nell'impasto, non ne esca completamente asciutto.
Lasciare raffreddare e cospargere con poco zucchero a velo.





 Con questa ricetta partecipo al giveaway di Vanessa, del blog La baita dei dolci

http://www.labaitadeidolci.ifood.it/2015/10/secondo-compleanno-della-baita-dei-dolci-e-giveaway.html

Commenti

  1. L'uva fragola sta benissimo nelle torte, l'ho sperimentata anch'io a suo tempo. L'unica cosa odiosa sono i semini. Le farine "altre" rispetto al grano danno sempre un tocco particolare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo, i semini sono un po' noiosi, ma si possono comunque eliminare prima di inserire i chicchi nella torta. ;)
      La prossima volta farò così! ;P
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Ha davvero un aspetto molto molto delizioso :-P Io quest'uva la uso solo nella schiacciata ma alla prossima occasione le dedicherò un dolcetto anch'io ^_^
    Complimenti e felice serata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io ho provato anche la tua ricetta infatti.. Ne avevo in abbondanza quest'anno! ;D
      Grazie cara, é sempre un piacere ricevere i tuoi complimenti! ^_^

      Elimina
  3. Cosa deve essere questa torta... Splendida, meravigliosa... Invoglia persino me che non sono una fanatica dei dolci. Siete super! <3

    RispondiElimina
  4. Piacere di conoscervi! E grazie per questa ricetta che è perfettamente nelle mie corde! Adoro la farina di farro nei dolci! In bocca al lupo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere nostro, siamo felici di partecipare ao tuoi festeggiamenti per il tuo compliblog! ^_^
      Un abbraccio

      Elimina
  5. Che buona questa torta profumata d'autunno, con la bellissima uva fragola che anche noi abbiamo adorata nella schiacciata ...così succosa e dolce! Una torta rustica quanto basta, perfetta per la colazione!! Brava!!!!
    Un bacione e buon fine settimana!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, l'uva fragola nei dolci é qualcosa di magico!
      Un abbraccio ragazze!

      Elimina
  6. Mi piace tantissimo la farina di farro e l'uva fragola è una droga, come le ciliegie, appena comincio non riesco più a smettere di mangiarla!!
    Bella questa torta, sarebbe stata perfetta per la mia colazione acccc :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!
      I dolci resi rustici da farine integrali abbinate alla frutta sono ottime per la colazione... La prossima volta vieni anche tu! ;)

      Elimina
  7. La torta all'uva mi manca... l'anno prossimo vengo qui e scopiazzo tutto. Siete bravissime, un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vieni vieni.. Ne saremo molto felici!!!
      Un abbraccio cara Ale!

      Elimina
  8. L'uva fragola dentro una torta non l'ho mai provata! Che carina questa ricetta! l'ho scoperta seguendo il link ne La baita dolci, mentre aggiungevo la ricetta con cui partecipo anche io.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' buonissima! l?unica cosa che aggiungerei è la pulizia dai semi degli acini... Per il resto merita davvero!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…