Passa ai contenuti principali

La focaccia di casa mia: Salvia e Rosmarino


Questa ricetta è una delle più radicate nella nostra tradizione di famiglia.

Una "semplice" focaccia.
Eppure è lei che ha accompagnato le innumerevoli merende con gli amici, per poi diventare un pasto, magari farcita con un po' di prosciutto, o trasformarsi in uno stuzzichino per l'aperitivo nelle serate d'estate.
Non è la classica focaccia genovese, quella sottile e che si gusta al mattino appena svegli, ma una focaccia molto più alta e dalla sofficità ineguagliabile.

Questa ricetta è legata alla spremitura delle olive.
Nel periodo di produzione dell'olio nuovo, una volta imbottigliata e filtrata la parte più nobile, restava sempre come "scarto" del fratello più limpido e terso, il fondo della spremitura, più corposo e denso.
Questa parte non veniva buttata, ma utilizzata per pani, pizze, farinate e focacce, per conferire loro un sapore molto più intenso.
Ora il fondo dell'olio non è più così facilmente reperibile, ma questa ricetta è stata conservata, realizzandola con olio extravergine di oliva.

Una normalissima focaccia, ma è la ricetta che più ci chiedono i nostri amici, una volta assaggiata.
Molte volte mi sono sentita domandare "Ma sul blog c'è?" e in effetti.. Non c'era..
La mia semplice focaccia.
Caratteristica particolare? 
L'aggiunta, a seconda dei casi, di rosmarino o salvia. 
Una banalità, assolutamente obbligatoria, che sconvolgerà il sapore e il profumo di questo impasto.

Ingredienti:
300 gr farina 00
200 gr farina manitoba
1/2 bicchiere di olio extravergine di oliva
due pizzichi abbondanti di sale
un cubetto di lievito fresco(25 gr)
emulsione di acqua e olio in parti uguali
4 rami folti di salvia o rosmarino (una quantità molto abbondante, essa riempirà il tagliere, ma è questo il segreto della bontà di questa focaccia)

Esecuzione:
Su una spianatoia versare le farine, creando una fontana al centro.
Sbriciolare il lievito e scioglierlo con un poco di acqua calda.
Aggiungere l'olio, il sale e impastare il tutto aggiungendo tanta acqua quanta ne servirà per ottenere un impasto omogeneo.
Lasciare lievitare due ore.
Tritare il rosmarino o la salvia  e aggiungerlo all'impasto, distribuendolo in modo uniforme.
Disporre l'impasto in una teglia di alluminio rotonda ben oleata(24/26 cm di diametro) e schiacciarlo con le dita per stenderlo al meglio.
Lasciare riposare altre due ore.
Oliare abbondantemente la superficie della focaccia, salare con sale grosso ed infornare, dopo aver praticato i caratteristici buchi (operazione che va fatta poco prima di infornare, se no l'impasto si sgonfierà) a 200°.
Ogni 15 minuti aprire il forno e bagnare la superficie con cucchiaiate abbondanti dell'emulsione di olio e acqua.
Cuocere fino a doratura della superficie.




Con questa ricetta pertecipo al contest di Sabrina in cucina: Festeggia con me





Commenti

  1. Una ricetta che accompagna con dolcezza i tuoi ricordi :-)
    Grazie x averli condivisi <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te di passare sempre a tenerci compagnia! ^_^

      Elimina
  2. mi hai fatto venire un'acquolina!!!Grazie per la partecipazione!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per il bellissimo contest, felice che ti piaccia!

      Elimina
  3. Ma che bella! Non ho mai visto una focaccia così alta, da' l'idea di essere soffice soffice e deliziosa! Non sai quanto la prenderei volentieri una bella fettona. Quasi quasi me la preparo per il week end.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai, preparala! E' buonissima farcita, ma anche al naturale! ^_^

      Elimina
  4. Ma quante delizie mi sono persa???? La vedo già farcita con burrata e pomodorini per me!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona!! Con la burrata ci sta a meraviglia! Felice che ti piaccia! ^_^

      Elimina
  5. La scelta della qualità è alla base di ogni acquisto intelligente. Scegli anche tu i piselli e timo. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2NTU0NjY0MCwwMTAwMDAxMixwaXNlbGxpLWUtdGltby0xODBnLmh0bWwsMjAxNjA3MDgsb2s=

    RispondiElimina
  6. Chi cerca trova... è vero!!! Ma vieni a cercare nel posto giusto. Scopri lo olio extravergine di oliva. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2ODU4MTg3NiwwMTAwMDAxMixvbGlvLWV2by0yNzMuaHRtbCwyMDE2MDgxMixvaw==

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Finale Rice Food Blogger Giuseppina Carboni e il nostro risotto "Primavera in cortile"

Ieri ci siamo riviste. E' stata un'emozione arrivare seconde alla Finale del Rice Food Blogger Organizzato da Luca Puzzuoli in onore dell'amica Giuseppina Carboni. E più che una gara per noi è stato un momento di condivisione. Di bei momenti tra vecchi e nuovi amici. Tutti con una passione comune:la cucina.
L'evento si è svolto nel magnifico Relais Borgo San Faustino, ad Orvieto. In mezzo alla campagna umbra io, Marta, Ilaria, Angela, Sara ed Alessia, ci siamo sfidate a colpi di mestoli e pentole per aggiudicarci il titolo del Miglior Risotto.
Gli ingredienti? Tutti differenti, e a noi ignoti fino all'ultimo, scelti accuratamente dallo chef Gregory.
A giudicare il nostro piatto? Otto giudici con la G maiuscola: Cristiana Curri Vincitrice del Contest Rice Food Blogger “Chef Giuseppina Carboni” 2016 Gregori Nalon Chef di Alice Tv Franca Rizzi conduttrice di Casa Alice
Silvia Baracchi Chef Stella Michelin del Relais & Chateaux Il Falconiere di Cortona
Anna Maria Pellegrino…