Passa ai contenuti principali

Un'idea per un brunch insolito: Toast al ragù di fave crude e nduja, con uova piccanti


Io non sono tipa da brunch.
Una che si alza anche la domenica alle 7 del mattino, impasta il pane, prepara una torta, magari nel frattempo ci piazza in mezzo pure una lavatrice, non è proprio una tipa da brunch.
Ecco, questa sono io.
Nata da tutt'altro ceppo genetico è la sorella maggiore, che si rotolerebbe nelle coperte da quando si sveglia (e questo -udite- potrebbe anche avvenire all'alba, ossia verso le 9.30/10 del mattino), fino a circa l'ora di pranzo.
Ecco, lei sì che è una tipa da brunch.
Una colazione che tende a un pranzo, molto più salata (e qui già a me viene la pelle d'oca) che dolce.
Con uova, salumi, spremute d'arancia e pane.
Pane in cassetta o da toast, che dir si voglia.

Ecco un'idea per una domenica diversa.
Fatta da ritmi lenti e dal sole, che filtra dalle finestre per darvi il buongiorno.

Ingredienti:
2 fette di pane in cassetta
2 uova
2 cucchiai di 'nduja (salume insaccato tipico della Calabria)
100 gr fave fresche sgusciate
sale e pep q.b.
olio

Esecuzione:
 Fare sciogliere la 'nduja in padella antiaderente in poco olio.
Aggiungere le fave e farle saltare pochi secondi.
Toglierle dal fuoco e frullarle in modo grossolano.
Tostare il pane nella stessa padella utilizzata precedentemente.
Togliere il pane e nella stessa padella, aggiungendo un filo di olio, cuocere due uova.
Impiattare disponendo nel piatto le fette di pane, il ragù di fave e per finire le uova.
Mangiare subito, caldo.




    

Commenti

  1. Io sono esattamente come te..mai fatto un brunch in vita mia..al massimo una seconda colazione dato gli orari in cui mi alzo normalmente :-P
    Golosissima la tua proposta, x me sarebbe un pranzo delizioso e completo ^_^
    Buon we e a presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi che siamo uguali... Ci vediamo per pranzo? :P

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Parmigiana di melanzane a freddo e il nostro weekend ad Agerola per Risate e Risotti

Un weekend all'insegna della cultura alimentare e della biodiversità.
Ecco come posso definire il weekend passato (3-5 Marzo 2017).

La ricetta che propongo oggi è infatti un elogio agli ingredienti magnifici che ho trovato in questo territorio.
Lo chef che ci ha guidate in questo magnifico tour enogastronomico è Antonio Villani, chef del ristorante dell'hotel San Pietro a Positano.

Come siamo finite in questo magnifico luogo? 
L'organizzatore dell'evento Risate e Risotti, Luca Puzzuoli, ci ha invitate come ospiti, assieme alla foodblogger Cristiana, ad Agerola, magnifico paese nell'entroterra della costiera amalfitana.
Un'occasione per cucinare con grandi chef e per scoprire luoghi da noi mai visitati.

Nella giornata di sabato, affiancate da chef preparati e qualificati, abbiamo preparato una ricca cena per l'agriturismo La Cascina del Sole ad Agerola.
Splendidi piatti, magnifiche preparazioni corredate da accurate spiegazioni ci hanno accompagnate per tutta la gio…