Passa ai contenuti principali

Parmigiana di melanzane a freddo e il nostro weekend ad Agerola per Risate e Risotti


Un weekend all'insegna della cultura alimentare e della biodiversità.
Ecco come posso definire il weekend passato (3-5 Marzo 2017).

La ricetta che propongo oggi è infatti un elogio agli ingredienti magnifici che ho trovato in questo territorio.
Lo chef che ci ha guidate in questo magnifico tour enogastronomico è Antonio Villani, chef del ristorante dell'hotel San Pietro a Positano.

Come siamo finite in questo magnifico luogo? 
L'organizzatore dell'evento Risate e Risotti, Luca Puzzuoli, ci ha invitate come ospiti, assieme alla foodblogger Cristiana, ad Agerola, magnifico paese nell'entroterra della costiera amalfitana.
Un'occasione per cucinare con grandi chef e per scoprire luoghi da noi mai visitati.

Nella giornata di sabato, affiancate da chef preparati e qualificati, abbiamo preparato una ricca cena per l'agriturismo La Cascina del Sole ad Agerola.
Splendidi piatti, magnifiche preparazioni corredate da accurate spiegazioni ci hanno accompagnate per tutta la giornata.

Alla sera che soddisfazione realizzare il servizio e veder tutte quelle persone soddisfatte e mangiare con golosità cioè che avevamo preparato.

Durante la serata, protagonisti erano i prodotti offerti dalle aziende sponsor, come la pasta Verrigni, le olive Madama Oliva, il pomodoro e olio Ciro Flagella, il vino Santa Costa e lo sponsor sempre presente, il riso Riso Maremma.

La mattina di Domenica invece la abbiamo trascorsa all'insegna della ricerca dei prodotti del luogo.
Lo chef Antonio ci ha accompagnato in giro per i vari negozi di Agerola alla scoperta delle biodiversità presenti.
Una cultura immensa, un patrimonio inestimabile abbiamo nelle nostre regioni e in Italia.
Un patrimonio che va rigorosamente conservato.

Abbiamo iniziato il tour visitando il caseificio Green Valley, produttore di ottimi fiordilatte, ricotte, scamorze e tanto altro.
Abbiamo acquistato delle squisite Sfogliatelle ricce, degustando nel frattempo babà e zeppole.
Abbiamo comprato un'ottima salsiccia (salame del luogo) per poi scoprire una DOP di Agerola: il Provolone del monaco, prodotto dal caseificio Ruocco.
Un prodotto più unico e pregiato dell'altro, una storia e una cultura gastronomica infinita dietro a ogni ingrediente.
E noi, profondamente estasiate.


Una mozzarella così buona credo di non averla mai assaggiata e ho deciso di realizzare una ricetta che la esaltasse, senza snaturarla o coprirla con sapori e cotture aggressive. 
Una parmigiana a freddo si prestava quindi all'ingrediente in questione.

Ingredienti:
Una melanzana lunga
1 mozzarella da 500 gr. Green Valley
pomodorini datterini Ciro Flagella
olio e sale q.b.
basilico genovese DOP
Esecuzione:
Tagliare le melanzane a fette spesse, cospargerle di sale e far dare loro l'acqua.
Asciugarle con un panno asciutto e friggerle in abbondante olio di oliva.
Scolarle accuratamente e tenerle da parte.
Tagliare la mozzarella a fette spesse ed impalarla, come a creare una torre, alternandola alla melanzana.
Dopo ogni strato aggiungere un po' di datterini, a crudo, presi direttamente dal barattolo.
Salare leggermente ogni strato.
Terminare, dopo 6 strati, con pomodoro e una foglia di basilico.
Condire con olio in purezza.





Un sentito grazie a tutti quelli che ci hanno accompagnato in questa bellissima esperienza, conserveremo ogni tecnica, segreto e ricetta.
Con affetto
Bianca e Marta

Commenti

  1. che bei posti e che belle persone! Tanti prodotti fantastici!
    E noi siamo una squadra fortissimi! A presto, girls!

    RispondiElimina
  2. Che bellissima esperienza e che goloso piatto :-P

    RispondiElimina
  3. Che bella esperienza, una delle prossime volte spero di venire con la mia amica Cristiana che mi parla sempre bene di queste occasioni di piacevoli incontri e condivisioni, ve la saluterò domani quando la vedrò ad un evento food e domenica per via del tango, altra passione comune. Ma parliamo di questa ottima questa parmigiana, è veramente invitante solletica la gola solo a guardarla, bravissime. Un abbraccio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…