Passa ai contenuti principali

Su mustazzeddu: focaccia sarda ripiena.




Nonostante le mie origini liguri, amo conoscere e sperimentare preparazioni di focacce di varia provenienza.
E in effetti questa preparazione si presta a molteplici variazioni e sfumature, basta cambiare una farina o una farcitura.
 Oggi, per la giornata nazionale della focacce e pizze condite ho deciso di prendere un traghetto immaginario, sbarcare sulle terre sarde fino a raggiungere le zone del Sulcis-inglesiente, per assaggiare Su Mustazzeddu, una focaccia condita con pomodoro aglio e basilico, ma che si presta a molteplici varianti, in base alla fantasia di chi la prepara.
Su internet si trovano molteplici versioni, io ho semplicemente adattato la ricetta alle mie esigenze, utilizzando lievito di birra poiché il mio lievito madre non era abbastanza attivo e usando dei pomodori in conserva anziché quelli freschi, basta utilizzare prodotti di qualità.

Ingredienti:
350 gr di rimacinato di semola
150 gr di farina di grano duro

250 gr di acqua fredda

150 gr di pasta madre o 10 gr lievito di birra fresco

10 gr di sale fino

50 gr di olio extravergine di oliva

1,5 Kg di pomodori sardi maturi o pomodori in conserva(io ho utilizzato datterini Ciro flanella)
abbondate basilico fresco
q.b. di sale e di pepe

due cucchiai di olio extravergine di oliva

Esecuzione:
In una planetaria mescolare le farine, aggiungere il lievito, 
il sale, l'olio evo e l'acqua. Impastare fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. 
Formare un panetto, infarinate il fondo di una capiente ciotola e metterelo coperto a lievitare fino al raddoppio.
Riprendere l'impasto, sgonfiarlo impastando velocemente e rimetterlo a lievitare ancora un'ora.
Per il ripieno:
Lavare e tagliare a pezzetti i pomodori. Metteterli in una ciotola e condirli.
Riprendere l'impasto e stenderlo fino a ottenere un'altezza di circa 2 cm. Oliare una teglia e posizionare la sfoglia facendola uscire dai bordi della teglia, realizzando un contenitore. 
Versare al centro del contenitore i pomodori conditi.
Infornare a 240° per 30/40 minuti, abbassando a 220° se si dovessse colorare troppo l'impasto.
Sfornate e lasciate intiepidire prima di sformare.

Commenti

  1. Questa focaccia deve essere davvero buona! Personalmente la trovo fantastica con la farcia di pomodori!!!

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo questo piatto. Molto appetitoso!

    RispondiElimina
  3. mamma che bontà. mi è venuta un'acquolina incredibile

    RispondiElimina
  4. Ieri ci ho sbavato sopra, ma la connessione ballerina mi ha impedito di dire quanto mi sia piaciuta. Rimedio oggi (e ricomincio a sbavare).

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…