Passa ai contenuti principali

La mia Pasta Cacio e Pepe per il club del 27: la difficoltà sta dietro la semplicità.


A volte sono proprio le cose più semplici a metterci in difficoltà.
A volte sono le cose che ad altri sembrano una sciocchezza a metterci in crisi.
Altre cose invece ci riescono con naturalezza, cose che magari agli occhi degli altri appaiono straordinarie.
La tecnica, la manualità, l'esperienza. Di solito è uno o più di questi fattori a fare la differenza.

Questa pasta per me è sempre stata per me un po' un cruccio: 
Pasta cacio e pepe, una ricetta che certamente si colloca tra le più semplici per ciò che riguarda gli ingredienti.
Essa infatti prevede unicamente pecorino e pepe, entrambi di ottima qualità.

Eppure nella sua semplicità questa pasta ha sempre rappresentato un duro scoglio.
Così quando nel Club del 27 è stato svelato il tema di questo mese, le paste della tradizione, quelle tipiche, regionali, quelle che vivono da secoli, tra tutte io ho scelto lei, ciò che per me è sempre stata una ricetta "mai riuscita".
Ripresi i consigli di Mapi ho acquistato quei pochi ma fondamentali ingredienti: Pecorino Romano, pasta lunga (nel mio caso linguine) e pepe nero in grani, da pestare al momento, poco prima dell'utilizzo.
La mia piccola variazione, se così si può chiamare, è stata l'accortezza di raffreddare 30 secondi la pasta prima di aggiungere il formaggio, per evitare che il calore stracciasse il formaggio.
E.. esperimento riuscito!

Ingredienti:
100 gr pecorino romano
200 gr pasta lunga (spaghetti, spaghetti quadrati, linguine..)
pepe in grani: almeno 50, ma nella ricetta originale se ne contano una cinquantina per commensale
sale
acqua di cottura

Esecuzione: 
Portare a bollore l’acqua senza salarla e buttarvi la pasta.

Grattugiare il Pecorino Romano DOP e metterlo in una terrina capiente che possa andare in tavola.
Pestare nel mortaio la giusta quantità di grani di pepe nero.

Due minuti prima che termini la cottura della pasta, prelevare dalla pentola circa 70 ml di acqua di cottura e versarla, 1 o 2 cucchiai alla volta, nella terrina con il pecorino e il pepe, mescolando vigorosamente fino ad ottenere una crema liscia.
Prelevare la pasta dalla pentola con le apposite pinze, in modo da non scolarla troppo, e metterla nella terrina, facendola raffreddare leggermente.
Aggiungere la crema di formaggio, mescolando velocemente per condire la pasta in modo uniforme. Se la crema ha già la giusta consistenza aggiungere altro pepe pestato e servire; se invece risultasse troppo solida, diluire con uno o due cucchiai dell’acqua di cottura della pasta. 




Con questa ricetta partecipo al tema del mese de Il Club del 27

L'immagine può contenere: sMS

Commenti

  1. Io l'ho mangiata una volta a casa di cnoscenti e credimi non so dove avesse sbagliato, ma non credo d'avre mai mangiato in vita mia un primo così "gnucco" ...un blocco unico...
    Invece qui vedo cremosità. Grazie per le dritte, magari un giorno ci provo anch'io a prepararli.
    Buon week end

    RispondiElimina
  2. Sto facendo indigestione di cacio e pepe, ma sono troppo invitanti!

    RispondiElimina
  3. Una cremina proprio avvolgente come si addice alle migliori cacio e pepe

    RispondiElimina
  4. E io, invece, non l'ho mai fatta prima d'ora.. ci proverò! grazie per averlo fatto anche tu!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…