Passa ai contenuti principali

Baci e dediche per l'MTChallenge n°45


Febbraio é il mese che più profuma di amore e.. Cioccolato!
La festa degli innamorati é alle porte e anche l'MTChallenge questo mese ha fatto il romantico..

Annarita, la vincitrice della sfida n°44 ci ha riservato un tema coi fiocchi: i baci, ma i baci non quelli come gesto di affetto ed amore, quelli in scatola, cioccolatosissimi!
Un sfida che prevede tecnica, padronanza delle materie e un pizzico di fantasia.
In perfetto tema "San Valentinesco" gli occhi sono diventati a forma di cuore: io amante del cioccolato in ogni forma non potevo che esserne entusiasta!

Ho voluto per questo tema portare un pizzico di fantasia e originalità nella ganache interna. Mi sono venuti in mente tutti quei cioccolati a gusti che ricordano vere torte e dolci al cucchiaio: crème caramel, tiramisù, stracciatella.. 
Sono infiniti i gusti che può racchiudere al suo interno un cioccolatino e presa dall'euforia anche io ho creato un "dolce nel cioccolato": Baci alla Cassata Siciliana. 
 Un interno di pistacchio e cioccolato bianco (per ricordare il bianco della ricotta), con la ciliegina "sul cioccolatino" per ricreare la cupoletta tipica e riprendere il candito della cassata, il tutto ricoperto da cioccolato fondente, elemento presente nel ripieno di questo dolce tipico siciliano.

Ingredienti (per 10 cioccolatini):
Per il ripieno:
100 gr cioccolato bianco
30 gr panna
60 gr granella di pistacchio
5 ciliegie candite 
Per la copertura:
un pezzetto di pasta di mandorla al pistacchio (a me l'hanno portata degli amici direttamente dalla Sicilia)
200 gr cioccolato fondente di ottima qualità

Esecuzione:
Sciogliere il cioccolato bianco nel microonde per qualche minuto, aggiungere la panna tiepida e mescolare: il composto inizierà subito ad addensarsi.
Aggiungere la granella di pistacchio e amalgamare il composto, formare 10 palline e metterle in frigo per farle rassodare un poco.
Dopo una decina di minuti, riprendere le palline per dare una forma più rotonda e sulla sommità di ciascuna posizionare mezza ciliegia candita.
Stendere la pasta di mandorla al pistacchio molto sottile e ricoprire con quest'ultima ogni pralina.


E ora il temperaggio (tecnica dell'inseminazione):
Le spiegazioni di Annarita sono state superlative vi riporto quello che nel suo post lei ha spiegato alla perfezione:
Sciogliere a 45/50° tre quarti del cioccolato che si intende utilizzare. Aggiungere poi il quarto, tagliato a pezzetti e mescolare con una spatola facendolo così sciogliere tutto; man mano che si mescolerà, la temperatura scenderà arrivando alla giusta saturazione, di cristalli stabili. Con questo metodo non serve scendere sotto la temperatura di lavorazione e riscaldare nuovamente.
 Dopo questo processo ho ricoperto i cioccolatini immergendoli nel cioccolato e lasciandoli colare su una gratella, di modo da far colare via il cioccolato in eccesso.







E la dedica va alla mia dolce metà.
La mia dolce metà da 10 anni.
A lui va la dedica, perché a lui il cioccolato non piace.
Una dedica che é racchiusa nel testo di una canzone che adoro, di un cantante unico: Jovanotti, Lorenzo Cherubini.
Una delle canzoni che hanno accompagnato la nostra storia, una delle tante di questo grande cantante.
"A te che sei, sostanza dei giorni miei.." 

Con questa ricetta partecipo all'MTChallenge n°45
  http://www.mtchallenge.it/2015/02/la-ricetta-della-sfida-di-febbraio-2015.html
 
 
   

Commenti

  1. Risposte
    1. Sempre carina tuuuu!! ^_^
      Grazie, un abbraccio!

      Elimina
  2. Meno male che ti leggo solo ora, perché anch'io ho farcito i miei baci con il pistacchio. Ottimi i tuoi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un abbinamento classico, pistacchio e cioccolato stanno benissimo insieme..credo ne arriveranno altre oltre alle nostre...! ^_^
      Sono felice ti piaccia la mia versione!!

      Elimina
  3. I tuoi baci sono perfetti nella forma e con la doppia copertura marzapane e cioccolato sono da salivazione istantanea. Ti ringrazio perchè hai creato un bacio ricco di sapori.
    Anche a me piace molto quella canzone di Jovanotti e quella frase è la perfetta sintesi di ciò che significa amare e stare accanto a qualcuno. Brava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima, i tuoi complimenti mi riempiono di gioia perché avevo tanta paura di fare disastri!
      Contenta anche che ti piaccia la frase scelta, poiché credo che amare sia l'esserci sempre, quotidianamente, come sostanza dei giorni dell'alltro. ^_^
      Grazie ancora per la bella idea che hai proposto e per la cura nello spiegarci ogni singolo passaggio e tecnica da utilizzare per riuscire al meglio!
      Un abbraccio!

      Elimina
  4. Come in amore, un colpo di fulmine assoluto questo tuo bacio!!!:))

    RispondiElimina
  5. caspita! che capolavoro di pasticceria! complimenti, ottima interpretazione, la cassata dentro a un bacio, bella bella bella :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, detto da te che hai fatto un vero capolavoro mi fa davvero piacere sentirlo dire...!
      ^_^
      Grazie grazie grazie! :D
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Grande idea... Super questo Bacio ;-)
    Ciao! Lidia

    RispondiElimina
  7. A te che hai preso la mia vita, e ne hai fatto molto di più.
    Bravissima amica mia... uomo fortunato, quel mangione lì.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... Esattamente... ^_^
      E il mangione ha mangiato pure i baci!! Nonostante il cioccolato, perché a lui quello fondente un po' piace...! ;)
      Un abbraccione!

      Elimina
  8. mamma mia!!!! che meraviglia! E poi anche con l'alzatina monobacio....strepitoso tutto quanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! L'alzatina è stato un nuovo acquisto, perfetto per ospitare il bacetto!! ;)

      Elimina
  9. Mi piace moltissimo la cassata, e trovo geniale che tu l'abbia utilizzata come ripieno dei baci. Questi sì che sono cioccolatini che vorrei ricevere domani!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheh, sono contenta ti piacciano tanto!! ^_^
      Grazie cara, un abbraccio!

      Elimina
  10. Bellissimi, con quel ripieno sormontato da una deliziosa ciliegina! Eleganti, profumati, mettono allegria! Bravissima!
    Complimenti anche per la dedica... condivido con te l'amore per il verso di quella canzone! *_*
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!
      Felice che ti piacciano i baci, ho voluto racchiudere al loro interno sapori a me conosciuti e cari.. E contente che ti piaccia anche la dedica, quella canzone é splendida!!
      Un abbraccio!

      Elimina
  11. Questi spaccano!! Ma spaccano sul serio!!! Ne vorrei almeno una decina qui. ORA!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che carina!!! ^_^
      Grazie grazie grazie!! :D

      Elimina
  12. Di tutti i dolci che potevi infilare dentro un cioccolatino :-) hai scelto il più difficile, sia dl punto di vista tecnico che dal punto di vista della ricombinazione dei vari elementi. E hai vinto la tua sfida personale, alla grandissima. concezione complessa, esecuzione perfetta. Un capolavoro di bontà, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alessandra, sono felice che la mia scelta ti sia piaciuta. Mi sono buttata e il risultato é stato fantastico.. Non avevo mai fatto un cioccolatino di questo tipo, ho sempre usato solo i classici stampini, senza ripieno di alcun genere, e mettermi in gioco é stato super!
      Un grande abbraccio!

      Elimina
  13. Doppia copertura, che figata, io poi amo la pasta di mandorle. Bellissimi poi, non c'è che dire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io la adoro.. La mangio anche in purezza, come nella frutta martorana.. Una vera goduria!! Grazie cara!! ;D

      Elimina
  14. Ottima interpretazione emi piace moltissimo l'idea della doppia copertura. Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, siamo felici ti piaccia la nostra interpretazione sicula!!! ^_^

      Elimina
  15. Bellissima la tua ricetta. Molto originale e colorata. Eseguita anche molto bene. Complimenti! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, quando c'é di mezzo la Sicilia i colori la fanno da padrone, basti pensare alla cassata, con tutta quella coloratissima frutta candita!
      Grazie, sono felice ti piaccia!

      Elimina
  16. Wow! Meravigliosi i vostri baci e da fare sicuramente! Mi hanno anche portato la pasta di mandorle dalla Sicilia... Praticamente non ho scuse! Buon fine settimana, Sarah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi provarli!!! Hai tutto il necessario direi!
      Grazie cara, sono felice che ti sia piaciuta la nostra versione!
      Un abbraccio e buon weekend!

      Elimina
  17. Hai fatto benissimo a fare un ripieno così: un'idea geniale quella della cassata nel cioccolatino! Davvero ottimi! E poi a ma piace tanto la cassata! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! Anche noi la adoriamo (in generale tutta la cucina siciliana ci piace e ci affascina)!
      Siamo contente ti sia piaciuta la nostra idea! ^_^

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Finale Rice Food Blogger Giuseppina Carboni e il nostro risotto "Primavera in cortile"

Ieri ci siamo riviste. E' stata un'emozione arrivare seconde alla Finale del Rice Food Blogger Organizzato da Luca Puzzuoli in onore dell'amica Giuseppina Carboni. E più che una gara per noi è stato un momento di condivisione. Di bei momenti tra vecchi e nuovi amici. Tutti con una passione comune:la cucina.
L'evento si è svolto nel magnifico Relais Borgo San Faustino, ad Orvieto. In mezzo alla campagna umbra io, Marta, Ilaria, Angela, Sara ed Alessia, ci siamo sfidate a colpi di mestoli e pentole per aggiudicarci il titolo del Miglior Risotto.
Gli ingredienti? Tutti differenti, e a noi ignoti fino all'ultimo, scelti accuratamente dallo chef Gregory.
A giudicare il nostro piatto? Otto giudici con la G maiuscola: Cristiana Curri Vincitrice del Contest Rice Food Blogger “Chef Giuseppina Carboni” 2016 Gregori Nalon Chef di Alice Tv Franca Rizzi conduttrice di Casa Alice
Silvia Baracchi Chef Stella Michelin del Relais & Chateaux Il Falconiere di Cortona
Anna Maria Pellegrino…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…