Passa ai contenuti principali

Riso venere con sugo di pesce


Spesso mi capita di fare dei periodi in cui adoro un ingrediente e lo preparo in mille modi, studiandolo a fondo e esaltandolo come meglio posso.

Poi passano periodi in cui quell'ingrediente lo dimentico, lo rimuovo totalmente dalla mia cucina per poi riscoprirlo nuovamente.

Questo accade di solito con ingredienti particolari, magari non proprio appartenenti alla nostra cultura.

E' il caso del riso venere.
Anni fa con mia sorella lo preparavamo in mille modi, in insalata fredda, con le verdure, con il pesce o semplicemente con del pomodorino fresco.

Poi il buio, chissà perchè.

L'altro giorno al mercato l'ho rivisto, bellamente esposto su un banco di legumi, frutta secca, farina e riso... Ed ecco che ho rispolverato le ricette, chissà perchè per anni mai più fatte.
Ed ecco che il suo tipico profumo ha pervaso la cucina, nuovamente.
Profumo di pane appena sfornato.

Riso venere con sugo di pesce

Ingredienti:
500 gr riso venere
500gr cozze
500 gr vongole
2 tranci piccoli di nasello
un calamaro medio
6 scampi
aglio peperoncino e prezzemolo tritati
carota sedano e cipolla
pomodorini
olio
rum
sale e pepe q.b.

Esecuzione:
Iniziare mettendo sul fuoco l'acqua in cui si bollirà il riso, poichè esso a tempi di cottura particolarmente lunghi(20-40 minuti a seconda della tipologia).
In una wok soffriggere il trito in abbondante olio.
A parte fare aprire le vongole e le cozze, tenendo l'acqua di apertura, particolarmente saporita.
In una pentola bollire pochi minuti in nasello, in un brodo vegetale fatto con sedano carota e cipolla.
Aggiungere nel wok il calamaro e i bivalvi, far cuocere pochi minuti e sfumare con il rum.
Aggiungere i pomodorini e saltare il tutto, facendo insaporire.
Pochi minuti prima del termine della cottura del riso aggiungere pezzetti di nasello e gli scampi.
Scolare il riso, versarlo nel wok e saltare il tutto con un filo di olio, aggiungendo poco brodo vegetale se dovesse risultare asciutto.




 

Commenti

  1. Pensa che io non l'ho mai acquistato O_o ma credo proprio di dover rimediare appena lo trovo di qualità (e non quello precotto del supermercato!)
    Fantastico abbinamento, ho l'acquolina al solo pensiero :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooo! Devi assolutamente recuperare, ti stupirà!

      Elimina
  2. Anche a me piace moltissimo il riso venere, di gran lunga di più di quello tradizionale bianco che non mi fa per nulla impazzire. Lo trovo molto profumato e di abbina benissimo con il pesce, anche per l'accostamento cromatico. Io ci faccio anche i risotti...ma è una rottura stare a mescolarle perchè non si cuoce mai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, lo trovo anche io molto più saporito del bianco.. Il risotto non l'ho mai provato.. rimedierò al più presto!

      Elimina
  3. E un po di tempo che anche io non uso più il riso venere, mi sa che mi hai dato l'idea per queste festività ...ciao e buona giornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io faccio dei periodi in cui mi scordo certi ingredienti..!
      Basta risporverarli un pochino...!

      Elimina
  4. Il riso venere è bello e buono: si abbina con tutto e il suo essere scuro lo rende delizioso in contrasto ai condimenti... voi siete bravissime, e che scatti bellissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Ale.. Nulla a che vedere con i tuoi di scatti! Cerchiamo di migliorarci, ma non è semplice!!

      Elimina
  5. adoro i primi di pesce!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, moltissimo! Felice che ti piaccia questa ricetta! ^_^

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gnocchi di polenta con porri e speck gratinati al forno

Con queste giornate, all'insegna della pioggia e del freddo, la voglia di mettere il naso fuori di casa e' davvero poca, mentre quella di cucinare e soprattutto infornare è davvero tanta. Il ticchettio della pioggia scandisce i minuti e io, sempre presa dalla frenesia, riesco a rallentare. I gnocchi sono sempre stati un piatto classico della mia famiglia, quelli di patate con il pesto erano un must del weekend. Oggi, per la giornata nazionale degli gnocchi, propongo invece degli gnocchi inusuali, che strizzano l'occhio al riciclo e a ricette differenti. Io non amo la polenta. Quando in inverno tutti si esaltano di fronte a quella lava ustionante al mais, io mi stringo facendo spallucce e ripiego su una copertura infinita di sugo per coprire di gusto questa "farina" che non mi ha mai soddisfatta. Poi la ho riscoperta "riciclata", impastata con farina e uova per dargli nuova forma e gustarla come piace a me! Se, dopo averli prepa

Pollo thai con riso basmati e verdure

Ho sempre pensato che la cucina italiana avesse una marcia in più rispetto a tutte le altre. Anni e anni di tradizioni culinarie, studi e tecniche per creare un patrimonio che in molti ci invidiano. Libri antichissimi narrano già di tecniche che ora utilizziamo come innovative. Nonostante questa radicata convinzione però, da più grandicella ho scoperto cucine estere, esotiche e speziate e le ho adorate. Gusti nuovi, aromi e profumi di paesi lontani... Tradizioni, anche quelle, totalmente differenti dalle nostre. Abbinamenti e accostamenti diversi, ma ugualmente validi e studiati. E così, se in quei paesi ancora non sono realmente stata, in cucina posso viaggiare, pur restando nelle pareti di casa. Posso sbarcare in India, o volare in Giappone o in Cina. Ingredienti: 200 gr riso basmati un petto di pollo due cipollotti un broccolo due carote due zucchine un bicchiere di latte di soia salsa di soia prezzemolo zenzero buccia di lime peperoncino olio  sale e p

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma... Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero.  Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori. La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice. Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mel