Passa ai contenuti principali

La mia insalata di bulgur e songino con caprino e dressing agli agrumi per il club del 27



Ci sono abbinamenti che non ho in coraggio di provare, sfumature e accostamenti che non immaginerei mai assemblati in una ricetta.
Ma c'è chi li fa, e chi me li fa provare, per fortuna!
E' il caso di questa insalata, tratta dal libro MARMELADE – A BITTERSWEET COOKBOOK di Sarah Randell e proposta, assieme a molte altre, nel Club del 27, come tema di questo mese.

L'immagine può contenere: cibo

Li libro parte con una carrellata di marmellate, il più agrumate, e poi abbina queste ultime a dei golosi piatti, sia dolci che salati, cosa che io mai avrei lontanamente pensato.
Per questo motivo la ricetta scelta è salata, per provare abbinamenti insoliti e accostamenti azzardati. Che dire, sono rimasta a bocca aperta... Forse aspettando ancora qualche forchettata di questa coloratissima insalata!

MARMELLATA DI  ARANCE AMARE DI  SIVIGLIA

Ingredienti:
 Ingredienti  per  circa  7  vasi  da  340  g 
1kg  di  arance  amare 
Il succo di grosso limone 
2kg  zucchero  semolato   

Esecuzione:
Tagliare  a  metà  le  arance  e,  usando  la  punta  di  un  coltello,  tirare  fuori  ogni  seme  evidente  e metterlo  in  un  quadrato  di  garza a due  strati  (o  mussola),  circa 30  x  30  cm.  Spremere il  succo dalle  arance  in  una  ciotola molto  grande  (o  in  una  grande  scatola  di  plastica con  coperchio), aggiungere eventuali  semi  dallo  spremiagrumi alla  garza  e  aggiungere alla scodella eventuali pezzetti  di  polpa  d’arancia.  Ora,  tagliare  ogni  metà  di  arancia  in  quarti  e,  usando  un  coltello, grattare  via le  membrane  all'interno  -  metti  queste  e altri  semi  che  trovi  nella  garza.  Il prossimo lavoro  è  di  tagliare  la  buccia  il  più  uniformemente  possibile  in  brandelli  sottili,  medi  o  grossi, come  desideri;  scartare  le  estremità  del  frutto  mentre  si  procede.  Trasferisci  anche  la  buccia tagliuzzata nella ciotola.  Chiudere  il quadrato  di garza  a  formare un  sacchetto,  ruotando  la parte superiore  e  legandolo  con lo  spago:  un paio  di mani in più sono  utili qui.  Quando  leghi la  corda, lascia una estremità  più  lunga  -  puoi  usarla per  legare il  sacchetto  di garza  sulla  maniglia  della pentola  e  immergerlo  nel  liquido  quando  cucini  la  marmellata.  Mettere  il  sacchetto  di  garza nella  ciotola  dove  hai  unito  la  buccia  e  il  succo.  Aggiungere  2,25  litri  di  acqua  fredda, assicurandosi  che tutto  sia immerso  nell'acqua,  quindi  coprire  con  pellicola trasparente (o  un coperchio)  e  lasciare  riposare  per  una notte.  Di  solito  metto  la ciotola in  cantina o  in  garage.  Il giorno  successivo,  travasare  il  tutto  dalla  ciotola  in  una  pentola  e  legare  il  sacchetto  di  garza alla  maniglia  della  pentola  in modo  che  si  appoggi  sulla  base.  Portare  l'intero  lotto  a  ebollizione su  un  fuoco  medio-basso  e cuocere a fuoco  lento  fino  a rendere  la  buccia  molto  morbida  -  si dovrebbe  essere  in grado  di schiacciarla  facilmente con  le dita;  questo  richiederà circa 1  ora e mezza.  Il  liquido  si  ridurrà  man mano  che  la  buccia  sobbolle  e vedrete  il  segno  all'interno  del tegame.  Una  volta  che  la  buccia  è  abbastanza  morbida,  rimuovere  il  sacchetto  di  garza  dal tegame,  premendola  bene  contro  il lato  con il dorso  di un cucchiaio  di legno  per  estrarre  tutta  la pectina  possibile  dai semi  –  mettere da parte il  sacchetto  in una  ciotola  e  lasciarlo  raffreddare per  10  minuti.  Nel  frattempo,  tagliare a metà e spremere il  limone. Versare  nel  tegame  il  succo di limone  e  lo  zucchero; mescolare a fuoco  basso.  Dare al  sacchetto  di  garza un'ultima compressione  con  le mani  per  estrarre l'ultima  pectina  e aggiungerla alla  marmellata.  Questa operazione  è  facilitata  Indossando  guanti  puliti.  Ora  si  può  eliminare  la  garza,  poiché  il  suo lavoro  è terminato. Preriscaldare  il  forno  a  140  °  C  statico  o  120°  C  ventilato.  Continuare  a mescolare  la marmellata di  tanto  in  tanto  per  aiutare a sciogliere lo  zucchero.  Questa è una fase importante,  quindi assicurati  che tutto  lo  zucchero  si  sia dissolto  prima  di passare  a  quella  successiva;  può richiedere circa 15  minuti.  Ho  notato  che  ogni  seme che ho  tralasciato  di  solito  salta in superficie a questo  punto;  eliminarlo  con  un  cucchiaino.  Mettere alcuni  piattini  nel  congelatore per  il test  e mettere  i  barattoli e  i  coperchi nel forno  per  15-20  minuti per  sterilizzarli.  Ora  portare la  marmellata  a  ebollizione  e  far  bollire  per  20-25  minuti  o  fino  a  quando  non  ha  raggiunto  il giusto  punto  di  gelificazione  (prova  piattino).  Quando  la marmellata  è pronta,  togliere  il  tegame dal  fuoco.  Lasciare riposare la marmellata per  15  minuti;  questo  aiuterà a distribuire la buccia in modo  uniforme  e  renderla  meno  pericolosa  da  invasare.  Girare  la  marmellata  per  disperdere eventuali  bolle  d'aria.  Usando  una  caraffa  graduata  e  un  imbuto,  trasferire  la  marmellata  nei barattoli  caldi  sterilizzati.  Sigillare  e  lasciare  raffreddare  completamente.  Pulire  per  bene  i  vasi con  un  panno  caldo  e asciugarli  prima di  etichettarli.  Conservare  i  barattoli  di  marmellata  in  un luogo  fresco  e asciutto,  dove si  conserverà per  almeno  un  anno.  


Insalata di grano bulgaro e crescione con formaggio di capra e dressing agli agrumi

Ingredienti:
 200 g di grano bulgaro
 50 g di mandorle pelate (o mandorle pelate tostate)
 100 g di crescione (noi songino) 
scorza e succo di 1 limone o arancia di Siviglia
 2 cucchiai di olio d'oliva
3 cucchiai di marmellata, come limone o arancia di Siviglia
125 gr Punte di broccoli tenderstem
 1 confezione da 400 g di ceci
2-3 cucchiai di menta tritata
 150g di capra o formaggio di capra morbido

 Esecuzione:
 Versare il grano bulgaro in una padella e aggiungere 500 ml di acqua fredda. 
Portare a ebollizione, quindi ridurre il fuoco e cuocere a fuoco lento, parzialmente coperto, per 15 minuti.
La maggior parte dell'acqua verrà assorbita durante la cottura. 
Nel frattempo, tritare grossolanamente le mandorle e rimuovere gli pulire il songino e metterlo in una ciotola
In una piccola ciotola, mescolare la scorza di limone o arancia e il succo con l'olio d'oliva, la marmellata e un po' di condimento. Cuocere i broccoli in acqua bollente salata per 3-4 minuti, fino a quando sono teneri. 
Aggiungere metà del condimento al songino, mescolando. 
Se necessario, scolare il bulgur cotto, poi metterlo nella padella e mescolare con i ceci sgocciolati e la menta. 
Mettere metà del songino in una terrina e un cucchiaio a metà del bulgur, quindi aggiungere metà di broccoli, mandorle e il formaggio di capra (in cucchiaiate o pezzetti). 
Ripetere con il resto degli ingredienti e condirlo con il condimento rimasto.







Commenti

  1. Ottima insalata, mi piace l'aggiunta dei broccoli e il dressing particolare. Complimenti e buon fine settimana.

    RispondiElimina
  2. Davvero interessante questa insalata, penso che sarà uno dei piatti che mi preparerò per le prossime cene. Non l'avevo nemmeno notata nella lista delle ricette, completamente rapita dai due dolci che ho fatto, però questa merita davvero e la farò.

    RispondiElimina
  3. Strepitosa la marmellata e in quest'insalata fa proprio la differenza :-) Mi sono innamorata anche delle foto <3

    RispondiElimina
  4. Ottima questa insalata, da provare al più presto.
    Buona domenica

    RispondiElimina
  5. Hai ragione, a volte pensiamo siano degli accostamenti azzardati ma è bene assaggiare per poter dire se siano o meno gustose. Molto bella anche la tua insalata, brava

    RispondiElimina
  6. Angh'io l'ho fatta con il songino, ma invece dei broccoli ci ho messo le cime di rapa. Ottima ricetta, complimenti e buona domenica :)

    RispondiElimina
  7. Anche io non avrei mai osato un abbinamento simile. Evviva il club del 27 (e le tue bellissime ciotoline)!

    RispondiElimina
  8. Complimenti, questa insalata deve essere buonissima.. :)

    RispondiElimina
  9. Definitamente questa insalata s'ha da fare. Dopo averla vista da Maria adesso qui da te sono sempre più convinta di doverla provare al più presto. Buonissima davvero.

    RispondiElimina
  10. hai perfettamente ragione, nemmeno io non ci avrei mai pensato! proprio una bella proposta questo dressing! da provare!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…