Passa ai contenuti principali

Il mio asparagus and goat cheese tart per il Club del 27



Spesso con gli amici ci ritroviamo a organizzare cene all'ultimo minuto, mossi unicamente dalla volontà di stare assieme.
Avendo tutti molti impegni e finendo sempre tardi gli appuntamenti lavorativi ci si organizza con i Potluck.
Cosa si cela dietro questa parola inglese?
I Potluck sono l'ultima frontiera sui dinner party, cene in piedi o comunque a buffet, in cui ognuno porta qualcosa, trasportato nei classici contenitori ermetici.

E questo mese, visto l'avvicinarsi della bella stagione, delle cene all'aperto e tra amici, con il Club del 27, abbiamo pensato di sperimentare svariate ricette, per nulla difficili da poter portare come dono culinario, in alternativa alla più classica bottiglia di vino o mazzo di fiori.

Nel mio caso ho sperimentato la torta salata a base di asparagi e formaggio di capra.
Rispetto alle classiche torte genovesi questa risulta estremamente semplice, leggera e poco condita, ma ricca di sapori, portati dal formaggio e dal cipollotto

Ingredienti per 8 porzioni:
1 sfoglia di pasta sfoglia
1 mazzo di asparagi, privati della parte finale
1/2 tazza formaggio di capra sbriciolato
1 cucchiaino sale
1 cucchiaino di rosmarino finemente tritato
1/4 tazza di cipollati tritati (circa 3 cipollotti)

Procedimento:
Preriscaldate il forno a 180/200°.
In una teglia foderata di carta forno srotolate la pasta sfoglia in un rettangolo.
Disporre gli asparagi allineati uno accanto all’altro, lasciando un pò di spazio sui bordi esterni.
Personalmente e secondo consulto sul nostro gruppo è meglio dare una piccola sbollentata agli asparagi, in questo modo risulteranno più morbidi e meno legnosi.
Spargete sopra gli asparagi il formaggio di capra, i cipollotti, il rosmarino e il sale.
Piegate i lati della pasta sfoglia sopra gli asparagi (non dovrebbe arrivare a coprire più di un asparago)
Mettete in forno e cuocete per 30-40 minuti fino a quando la pasta sfoglia non sarà colorata e gli asparagi cotti.




Con questa ricetta partecipo al Club del 27 di questo mese con la tessera n°47

Commenti

  1. Bellissima la doratura in superficie ...molto sfiziosa :-)

    RispondiElimina
  2. Nella sua semplicità questa torta salata deve essere proprio deliziosa. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Che golosissima idea :-) Complimenti ragazze e felice we <3

    RispondiElimina
  4. Sono sicuro che erano buonissimi e sono altrettanto sicuro di provare a farli.
    Brava. Ti abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ottima davvero questa torta . Complimenti per la preparazione

    RispondiElimina
  6. A me è piaciuta, semplice, veloce, è finita in un batter d'occhio :)

    RispondiElimina
  7. Ma quante crostate abbiamo questo giro?? Che buono questo salato!!!

    RispondiElimina
  8. Non so perché ma qualcosa mi dice che questa sarebbe una delle prime a finire!

    Anna Luisa

    RispondiElimina
  9. In questo potluck virtuale io questa torta non me la lascerei proprio sfuggire

    RispondiElimina
  10. molto gettonato questo piatto nel club! bella realizzazione!

    RispondiElimina
  11. Dovrò farla quanto prima, questa :) Mi è rimasta la voglia :)

    RispondiElimina
  12. semplice e deliziosa. Less is more! bravissima!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gnocchi di polenta con porri e speck gratinati al forno

Con queste giornate, all'insegna della pioggia e del freddo, la voglia di mettere il naso fuori di casa e' davvero poca, mentre quella di cucinare e soprattutto infornare è davvero tanta. Il ticchettio della pioggia scandisce i minuti e io, sempre presa dalla frenesia, riesco a rallentare. I gnocchi sono sempre stati un piatto classico della mia famiglia, quelli di patate con il pesto erano un must del weekend. Oggi, per la giornata nazionale degli gnocchi, propongo invece degli gnocchi inusuali, che strizzano l'occhio al riciclo e a ricette differenti. Io non amo la polenta. Quando in inverno tutti si esaltano di fronte a quella lava ustionante al mais, io mi stringo facendo spallucce e ripiego su una copertura infinita di sugo per coprire di gusto questa "farina" che non mi ha mai soddisfatta. Poi la ho riscoperta "riciclata", impastata con farina e uova per dargli nuova forma e gustarla come piace a me! Se, dopo averli prepa

Pollo thai con riso basmati e verdure

Ho sempre pensato che la cucina italiana avesse una marcia in più rispetto a tutte le altre. Anni e anni di tradizioni culinarie, studi e tecniche per creare un patrimonio che in molti ci invidiano. Libri antichissimi narrano già di tecniche che ora utilizziamo come innovative. Nonostante questa radicata convinzione però, da più grandicella ho scoperto cucine estere, esotiche e speziate e le ho adorate. Gusti nuovi, aromi e profumi di paesi lontani... Tradizioni, anche quelle, totalmente differenti dalle nostre. Abbinamenti e accostamenti diversi, ma ugualmente validi e studiati. E così, se in quei paesi ancora non sono realmente stata, in cucina posso viaggiare, pur restando nelle pareti di casa. Posso sbarcare in India, o volare in Giappone o in Cina. Ingredienti: 200 gr riso basmati un petto di pollo due cipollotti un broccolo due carote due zucchine un bicchiere di latte di soia salsa di soia prezzemolo zenzero buccia di lime peperoncino olio  sale e p

I miei noodles di riso con gamberi, arachidi e verdure per il Club del 27

Cucinare per se stessi. Io non lo faccio mai. Ed invece è il più grande regalo che possiamo farci, perchè è tempo speso unicamente per noi. La preparazione, e non solo la degustazione, sono del tempo che diamo a noi stessi, sempre presi dalla routine e, perchè no, dai gusti di tutti. Perchè in una famiglia si cerca di preparare una cosa sola, che accontenti tutti i palati, ma a volte cucinare ciò che più ci piace può essere per uno fonte di appagamento e tranquillità. Questo mese il Club del 27 ha pensato a una serie di piatti adatti a chiunque voglia coccolarsi, dal salato al dolce. Ho scelto una ricetta un po' esotica, speziata, con gamberi e verdure, abbinamento che adoro. La ricetta, come tutte le altre proposte, provengono dal libro "SOLO" di  Signe Johansen e in ognuna l'autore da consigli su come variare e modificare secondo il proprio gusto le preparazioni. Ecco quindi la mia versione di " Prawn, lime, peanut and herb rice nood