Passa ai contenuti principali

La ricetta dei ricordi: maltagliati di castagne al pesto

Voi avete una ricetta dei ricordi?

Quella a cui siete più affezionati o che vi ricorda particolari momenti in famiglia?
La mia ricetta dei ricordi è questa, i maltagliati di castagne al pesto.

Usanza voleva, e continua a volere, in casa mia, che il fine settimana fosse il momento di ritrovo familiare attorno al tavolo... Sì, perché spesso in settimana, a causa del lavoro, della scuola/università e dei vari impegni, si riusciva poco a stare veramente tutti assieme..

E questo era il piatto che spesso, alternato agli gnocchi al pesto, io e mia sorella richiedevamo...

La ricetta è di semplice esecuzione e di facile preparazione; essa ricorda i mandilli de saea, fazzoletti di pasta bianca, tipici genovesi, che mia mamma ha unicamente ridotto di dimensioni per farli più apprezzare a noi che non amavamo troppo quei grossi quadratoni di pasta fresca.. Negli anni poi è stata aggiunta la farina di castagne, poiché la dolcezza di questa farina ottimamente si sposa con il gusto intenso del pesto..

Il profumo del pesto... 
 E' avvolgente...
Il pesto è il condimento madre dei primi genovesi.. Fatto in qualsiasi altro posto anche con i medesimi ingredienti liguri, non viene mai uguale... E' l'aria a renderlo così unico..

Ricordo quando, aprendo il sacchetto del fruttivendolo, venivo rapita da questo odore, impressionata da come minuscole foglioline potessero produrre un profumo simile... 
E poi la preparazione.. Il volere, sempre, a tutti i costi, assaggiarne un pochino.. poco, poco.. promesso..

Ed infine la preparazione della pasta... anche in questo caso la voglia di rubarne sempre un pezzetto.. anche se, sl uno perchè fa male alla pancia! :)

Ecco la mia ricetta dei ricordi..!

Per il pesto:
(considerate che noi lo facciamo "ad occhio" ma proverò comunque a darvi le mie dosi!):
5 mazzetti di basilico
1 spicchio di aglio
50 gr di pinoli
100 gr di Parmigiano
 sale q.b.
olio extravergine di oliva

Preparazione pesto:
Andrebbe rigosamente utilizzato il mortaio, noi ogni tanto ancora lo usiamo, ma coi tempi moderni i nuovi frullatori rendono tutto più semplice... Anche se il gusto non è lo stesso, bisogna sottolinearlo!
Se si riesce quindi, molto meglio il caro e vecchio mortaio!
Tritare pinoli e aglio finemente, aggiungere il basilico, il sale, il formaggio e l'olio e tritare in modo non troppo fine. 
Aggiungere eventualmente ancora un pizzico di sale e olio.

Ingredienti per la pasta:
200 gr farina 00
200 gr farina di castagne
1 uovo
acqua q.b.
 sale

Esecuzione:
Impastare tutti gli ingredienti fino a formare un impasto sodo ed omogeneo,
tirare la sfoglia sottilmente e arrotolarla, dopo averla cosparsa di farina per evitare che si attacchi, su se stessa.
 


Tagliare trasversalmente ed in modo casuale la sfoglia, creando dei piccoli maltagliati.
 
 

Bollire la pasta così ottenuta in abbondante acqua salata e, una volta cotta, condire con abbondante pesto.

Buon appetito e buona ricetta dei ricordi!

 
  Con questa ricetta partecipo all'iniziativa di Molino Chiavazza Mani in Pasta:Ricordi del Natale

http://cultura-del-frumento.blogspot.it/2013/12/ricordi-del-natale.html 


La ricetta dei ricordi

Commenti

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Pasta Piselli & Pancetta

D'estate, soprattutto a inizio settimana, dopo un weekend di mare e spiaggia, con pranzi veloci, al sacco, per godersi ogni minuto di sole, mi piace tornare in cucina e cucinare qualcosa di più ricercato e particolare. E se gli ingredienti sono freschi, come i pisellini che ho trovato oggi al mercato, e buoni, come la pancetta con cui ho deciso di accompagnarli, il risultato è garantito. Cottura veloce, per mantenere colori e sapori, e poco altro, giusto uno splendido sole a scaldarci durante il pranzo.
Ingredienti: 250 gr cravattine 200 gr pisellini sgusciati 5 fettine di pancetta piacentina La Rocca 1 cipolla olio extravergine di oliva pepe e sale q.b.
Esecuzione: In una padella antiaderente, con poco olio, soffriggere la pancetta fino a farla diventare croccante. Togliere la pancetta e tenere in caldo. Nella stessa padella aggiungere la cipolla tritata e farla insaporire, soffriggendola dolcemente. Aggiungere i pisellini e far cuocere 5-10 minuti, fino a che essi non risultino teneri. Salare …