Passa ai contenuti principali

Panini al latte farciti, un mix tra bagels e bretzel!


Le vacanze e le feste sono terminate.
Si ritorna lentamente al solito ritmo tra studio, lavoro e casa..
E anche la cucina si ridimensiona, non sformando più i grandi lievitati delle feste, le paste gratinate o ripiene e i sontuosi arrosti e sformati.

Ma la mia voglia di impastare non era ancora soddisfatta.
Dopo tutti questi giorni a produrre Pandolci, panettoni gastronomici e paste varie, al forno e non, volevo ancora affondare le mani nella farina, restare stupita dalla lievitazione..
E così, volendo però restare leggeri dopo tutte queste feste abbiamo impastato sì, ma dei paninetti.. Ero partita con l'idea dei bagels, ma non volevo farciture troppo pesanti.
Mi piaceva il colore brunito dei bretzel, ma il avevo già fatti.. Quindi ho fatto un mix di idee e ho sfornato panini al latte con semi di lino e farciture tutte italiane..
Poi ognuno si é fatto il suo.. 

Panini al latte:
350 gr farina
1/2 cubetto di lievito di birra fresco
90 gr latte
90 gr acqua
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 cucchiaino di zucchero
8 gr sale
semi di lino q.b.

Farcitura:
 Prosciutto cotto, caciocavallo, lattuga, pomodorini datterini;
'nduja calabrese, caciocavallo, pancetta coppata;
caciocavallo, acciughe salate, pomodorini datterini conditi (olio, sale e origano e lasciati insaporire una decina di minuti).

Esecuzione:
 Sciogliere il lievito nel latte tiepido con lo zucchero.
Versare sulla spianatoia la farina; aggiungere l'olio e il sale.
Versare il latte e l'acqua e impastare il tutto rendendo l'impasto liscio e omogeneo.
Lasciare lievitare per due ore in luogo caldo.
Ripendere l'impasto, dividerlo in 6 palline, premerle leggermente e con un dito fare una fossetta al centro.
Lasciare lievitare per mezz'ora.
Sbollentare ogni panino in una soluzione di acqua e bicarbonato (1 L di acqua 8 cucchiaini di bicarbonato) e disporli su una teglia coperta di carta da forno.
N.BQuesto passaggio non é obbligatorio, a me piace particolarmente il colore che prende il pane tramite questo passaggio.
Spennellare ogni panino con un'emulsione di latte e uovo sbattuto.
Cospargere la superficie con semi di lino e infornare a 220° per una mezz'oretta.

 Farcire i panini ancora tiepidi o freddi.







bannerpiccolo

Commenti

  1. Tesoro a chi lo dici..io sfornerei pani, panini e focacce ogni giorno :-P
    Bellissima la tua proposta, hanno un aspetto squisito ^_^
    Buona serata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro, anche io...!! L'odore di pane e lievito che pervade la casa mi rilassa!
      Un abbraccio

      Elimina
  2. ricetta segnata: sono stupendi!!! Mi ispiarano un sacco con tante farciture.. un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contenta!! ^_^
      A noi sono piaciuti tanto e si conservano morbidi anche per più giorni.. :)
      Se li provi fammi sapere!
      Un bacio

      Elimina
  3. ma che sono bellini!!! Grazie mielle per aver partecipato, vado ad aggiungervi alla lista!
    In bocca al lupo per il contest ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, sono contenta ti piacciano!
      Entusiasta del tuo contest, sono felice di partecipare!
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Sono stupendi! Ho l'acquolina in bocca!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bene mia cara! Era quello che volevo ottenere! ;D ihihihih
      Un abbracciotto

      Elimina
  5. Che belli!! E che buoni, sicuramente saranno finiti in un battibaleno... sempre più brave... davvero! Vi bacio forte, Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volatilizzati! ;)
      Grazie tesoro.. Ti stringo!
      Smack

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Parmigiana di melanzane a freddo e il nostro weekend ad Agerola per Risate e Risotti

Un weekend all'insegna della cultura alimentare e della biodiversità.
Ecco come posso definire il weekend passato (3-5 Marzo 2017).

La ricetta che propongo oggi è infatti un elogio agli ingredienti magnifici che ho trovato in questo territorio.
Lo chef che ci ha guidate in questo magnifico tour enogastronomico è Antonio Villani, chef del ristorante dell'hotel San Pietro a Positano.

Come siamo finite in questo magnifico luogo? 
L'organizzatore dell'evento Risate e Risotti, Luca Puzzuoli, ci ha invitate come ospiti, assieme alla foodblogger Cristiana, ad Agerola, magnifico paese nell'entroterra della costiera amalfitana.
Un'occasione per cucinare con grandi chef e per scoprire luoghi da noi mai visitati.

Nella giornata di sabato, affiancate da chef preparati e qualificati, abbiamo preparato una ricca cena per l'agriturismo La Cascina del Sole ad Agerola.
Splendidi piatti, magnifiche preparazioni corredate da accurate spiegazioni ci hanno accompagnate per tutta la gio…