Passa ai contenuti principali

Panini al latte farciti, un mix tra bagels e bretzel!


Le vacanze e le feste sono terminate.
Si ritorna lentamente al solito ritmo tra studio, lavoro e casa..
E anche la cucina si ridimensiona, non sformando più i grandi lievitati delle feste, le paste gratinate o ripiene e i sontuosi arrosti e sformati.

Ma la mia voglia di impastare non era ancora soddisfatta.
Dopo tutti questi giorni a produrre Pandolci, panettoni gastronomici e paste varie, al forno e non, volevo ancora affondare le mani nella farina, restare stupita dalla lievitazione..
E così, volendo però restare leggeri dopo tutte queste feste abbiamo impastato sì, ma dei paninetti.. Ero partita con l'idea dei bagels, ma non volevo farciture troppo pesanti.
Mi piaceva il colore brunito dei bretzel, ma il avevo già fatti.. Quindi ho fatto un mix di idee e ho sfornato panini al latte con semi di lino e farciture tutte italiane..
Poi ognuno si é fatto il suo.. 

Panini al latte:
350 gr farina
1/2 cubetto di lievito di birra fresco
90 gr latte
90 gr acqua
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 cucchiaino di zucchero
8 gr sale
semi di lino q.b.

Farcitura:
 Prosciutto cotto, caciocavallo, lattuga, pomodorini datterini;
'nduja calabrese, caciocavallo, pancetta coppata;
caciocavallo, acciughe salate, pomodorini datterini conditi (olio, sale e origano e lasciati insaporire una decina di minuti).

Esecuzione:
 Sciogliere il lievito nel latte tiepido con lo zucchero.
Versare sulla spianatoia la farina; aggiungere l'olio e il sale.
Versare il latte e l'acqua e impastare il tutto rendendo l'impasto liscio e omogeneo.
Lasciare lievitare per due ore in luogo caldo.
Ripendere l'impasto, dividerlo in 6 palline, premerle leggermente e con un dito fare una fossetta al centro.
Lasciare lievitare per mezz'ora.
Sbollentare ogni panino in una soluzione di acqua e bicarbonato (1 L di acqua 8 cucchiaini di bicarbonato) e disporli su una teglia coperta di carta da forno.
N.BQuesto passaggio non é obbligatorio, a me piace particolarmente il colore che prende il pane tramite questo passaggio.
Spennellare ogni panino con un'emulsione di latte e uovo sbattuto.
Cospargere la superficie con semi di lino e infornare a 220° per una mezz'oretta.

 Farcire i panini ancora tiepidi o freddi.







bannerpiccolo

Commenti

  1. Tesoro a chi lo dici..io sfornerei pani, panini e focacce ogni giorno :-P
    Bellissima la tua proposta, hanno un aspetto squisito ^_^
    Buona serata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro, anche io...!! L'odore di pane e lievito che pervade la casa mi rilassa!
      Un abbraccio

      Elimina
  2. ricetta segnata: sono stupendi!!! Mi ispiarano un sacco con tante farciture.. un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contenta!! ^_^
      A noi sono piaciuti tanto e si conservano morbidi anche per più giorni.. :)
      Se li provi fammi sapere!
      Un bacio

      Elimina
  3. ma che sono bellini!!! Grazie mielle per aver partecipato, vado ad aggiungervi alla lista!
    In bocca al lupo per il contest ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, sono contenta ti piacciano!
      Entusiasta del tuo contest, sono felice di partecipare!
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Sono stupendi! Ho l'acquolina in bocca!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bene mia cara! Era quello che volevo ottenere! ;D ihihihih
      Un abbracciotto

      Elimina
  5. Che belli!! E che buoni, sicuramente saranno finiti in un battibaleno... sempre più brave... davvero! Vi bacio forte, Ale

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Gateau di patate con colatura di alici e la "sua" semifinale!

Eh si, la sua semifinale. Perchè io non ci sono potuta essere, perchè io ho atteso il responso da km di distanza.. Ma la mia sorellina è tornata trionfatrice. Il 16 Giugno si è svolta presso la Chef Academy di Terni la semifinale di Risate e Risotti.

Io e Marta partecipiamo a questo contest da anni, inizialmente non classificate e poi, a partire da 3 anni fa, ci sfidiamo colpi di riso e padella sul tema dei risotti. L'organizzatore, Luca, ormai è un grande amico e il suo format funziona alla grande, unendo il duplice significato della parola riso: un primo piatto delizioso e uno splendido verbo che dona felicità. Marta in questo è nel suo, credo potrebbe far risotti ogni giorno e ha sempre un magnifico sorriso stampato sulle labbra. Così, quando è arrivata la notizia della semifinale e io ho appreso di non poterci essere, ero comunque tranquilla. Quella agitata era lei. Soprattutto quando ha aperto la mistery box: camomilla, gelatina in fogli, purea e polvere di lamponi, uovo e zenzero. Ing…