Passa ai contenuti principali

Pasticcini o biscotti alla pasta di mandorle


Sono giorni di febbre, mal di gola e nasi irritati..
Questo ormai inaspettato freddo ci ha messi tutti K.O... 
Chi con la febbre, chi starnutisce e chi non sente un odore manco per sbaglio.. Tipo me..
E quando questo accade é difficile assaggiare, bilanciare e gustare..
Così mi rifugio nella mia pasticceria, dove l'assaggio per "regolare di sale" non serve e dove tutto per me é certo e sicuro.

Ed ecco dei dolci che volevo fare da tempo, provenienti da una terra che mi ispira sempre grandi piatti, terra che spero di visitare presto: la Sicilia.

Pasticcini o Biscotti alla pasta di mandorle

Ingredienti:
250 gr farina di mandorle
200 gr zucchero
  1 uovo + 1 albume
  10 ml maraschino
  10 ml rum 
qualche goccia di aroma di mandorla amara

Esecuzione:
Tritare nel mixer la farina e lo zucchero per ottenere un impasto più liscio.
Mescolare tutti gli ingredienti ottenendo un impasto solido.
Aggiungere il maraschino e il rum.
L'impasto dovrà risultare compatto, leggermente appiccicoso. 
Se dovesse risultare troppo duro aggiungere altro rum/maraschino.
Formare delle palline e lasciarle rassodare una notte in frigorifero.
L'indomani passarle nello zucchero a velo e disporle su una teglia ricoperta di carta da forno.
Su ciascuno pasticcino posizionare una mezza ciliegia candita (o una mandorla) premendo leggermente.
Infornare a 180° per 10 minuti. I pasticcini non dovranno diventare scuri, né rassodarsi troppo: all'interno saranno morbidi e "mordorlosi".



Commenti

  1. Direi che hai trovato un ottimo e goloso rifugio x consolarti dai malanni di stagione ^_^
    Complimenti, questi biscotti hanno un aspetto divino ^_^
    Felice domenica e buona guarigione <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheh.. Qualcosa bisogna pur fare per tirarsi su! :)
      Grazie cara, un abbraccio

      Elimina
  2. Mamma mia che buoni che sono questi dolcetti! Sono tra i miei preferiti in assoluto e così tanto profumati e gustosi che vincono anche sul tuo raffreddore scommetto :). Un abbraccio e buona settimana care.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, un aroma di mandorla incredibile..! Un profumo inebriante e un gusto avvolgente!
      Un abbraccio!

      Elimina
  3. Ti immagino in cucina che ti muovi sicura... gli altri sotto i piles che aspettano il tuo ritorno con un vassoio in mano... altro che medicine!!! Brava <3 <3, ti adoro!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah, questo aspetto non lo avevo considerato in effetti..!
      Medicina alla mandorla e passa tutto! ^_^
      Un abbraccio tesoro! Smack

      Elimina
  4. Visto che sono un po' giù di morale posso prenderne uno?
    Un super abbraccione mandorlato!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Pasta Piselli & Pancetta

D'estate, soprattutto a inizio settimana, dopo un weekend di mare e spiaggia, con pranzi veloci, al sacco, per godersi ogni minuto di sole, mi piace tornare in cucina e cucinare qualcosa di più ricercato e particolare. E se gli ingredienti sono freschi, come i pisellini che ho trovato oggi al mercato, e buoni, come la pancetta con cui ho deciso di accompagnarli, il risultato è garantito. Cottura veloce, per mantenere colori e sapori, e poco altro, giusto uno splendido sole a scaldarci durante il pranzo.
Ingredienti: 250 gr cravattine 200 gr pisellini sgusciati 5 fettine di pancetta piacentina La Rocca 1 cipolla olio extravergine di oliva pepe e sale q.b.
Esecuzione: In una padella antiaderente, con poco olio, soffriggere la pancetta fino a farla diventare croccante. Togliere la pancetta e tenere in caldo. Nella stessa padella aggiungere la cipolla tritata e farla insaporire, soffriggendola dolcemente. Aggiungere i pisellini e far cuocere 5-10 minuti, fino a che essi non risultino teneri. Salare …