Passa ai contenuti principali

Torta all'uva fragola e farina di farro


Qualche giorno fa mi é arrivato in regalo un bellissimo cestino di uva fragola.
Già l'anno scorso ne avevo sperimentato una ricetta e avevo scoperto come questo frutto fosse ottimo per creare dolci rustici e golosi.
Quest'anno ho voluto cambiare ricetta e curiosando nel web ho trovato svariate ispirazioni(tra tutte questo e questo blog).
La torta che é nata però é stata dovuta inizialmente a scelte, utilizzano ad esempio la farina di farro mixata a quella di grano tenero, successivamente a errori in corso d'opera, per cui le dosi sono state variate a causa dei pasticci della sottoscritta.
Risultato? Una torta rustica e buonissima.

Ingredienti:
200 gr farina 00
100 gr farina di farro
1 uovo
8 cucchiai olio semi di arachide
130 gr zucchero + 20 gr per la superficie
1 bustina lievito per dolci
500 gr acini di uva fragola
200 gr latte 

Esecuzione:
Mescolare con una frusta l'uovo e lo zucchero, aggiungere l'olio a filo e farlo assorbire completamente dall'impasto.
Aggiungere il mix di farine con il lievito e successivamente il latte, evitando di formare grumi.
Ricoprire con la carta forno una teglia del diametro di 24-26 cm e versarvi 2/3 del composto.
Aggingere i chicchi d'uva sgranati e lavati e ricoprire con altro impasto, in modo irregolare.
Versare sulla superficie ancora un filo di olio e cospargere con lo zucchero.
Infornare a 180° per 30 minuti circa, o comunque fino a che un stecchino, inserito nell'impasto, non ne esca completamente asciutto.
Lasciare raffreddare e cospargere con poco zucchero a velo.





 Con questa ricetta partecipo al giveaway di Vanessa, del blog La baita dei dolci

http://www.labaitadeidolci.ifood.it/2015/10/secondo-compleanno-della-baita-dei-dolci-e-giveaway.html

Commenti

  1. L'uva fragola sta benissimo nelle torte, l'ho sperimentata anch'io a suo tempo. L'unica cosa odiosa sono i semini. Le farine "altre" rispetto al grano danno sempre un tocco particolare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo, i semini sono un po' noiosi, ma si possono comunque eliminare prima di inserire i chicchi nella torta. ;)
      La prossima volta farò così! ;P
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Ha davvero un aspetto molto molto delizioso :-P Io quest'uva la uso solo nella schiacciata ma alla prossima occasione le dedicherò un dolcetto anch'io ^_^
    Complimenti e felice serata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io ho provato anche la tua ricetta infatti.. Ne avevo in abbondanza quest'anno! ;D
      Grazie cara, é sempre un piacere ricevere i tuoi complimenti! ^_^

      Elimina
  3. Cosa deve essere questa torta... Splendida, meravigliosa... Invoglia persino me che non sono una fanatica dei dolci. Siete super! <3

    RispondiElimina
  4. Piacere di conoscervi! E grazie per questa ricetta che è perfettamente nelle mie corde! Adoro la farina di farro nei dolci! In bocca al lupo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere nostro, siamo felici di partecipare ao tuoi festeggiamenti per il tuo compliblog! ^_^
      Un abbraccio

      Elimina
  5. Che buona questa torta profumata d'autunno, con la bellissima uva fragola che anche noi abbiamo adorata nella schiacciata ...così succosa e dolce! Una torta rustica quanto basta, perfetta per la colazione!! Brava!!!!
    Un bacione e buon fine settimana!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, l'uva fragola nei dolci é qualcosa di magico!
      Un abbraccio ragazze!

      Elimina
  6. Mi piace tantissimo la farina di farro e l'uva fragola è una droga, come le ciliegie, appena comincio non riesco più a smettere di mangiarla!!
    Bella questa torta, sarebbe stata perfetta per la mia colazione acccc :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!
      I dolci resi rustici da farine integrali abbinate alla frutta sono ottime per la colazione... La prossima volta vieni anche tu! ;)

      Elimina
  7. La torta all'uva mi manca... l'anno prossimo vengo qui e scopiazzo tutto. Siete bravissime, un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vieni vieni.. Ne saremo molto felici!!!
      Un abbraccio cara Ale!

      Elimina
  8. L'uva fragola dentro una torta non l'ho mai provata! Che carina questa ricetta! l'ho scoperta seguendo il link ne La baita dolci, mentre aggiungevo la ricetta con cui partecipo anche io.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' buonissima! l?unica cosa che aggiungerei è la pulizia dai semi degli acini... Per il resto merita davvero!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…