Passa ai contenuti principali

Baccalà e fagiolane di Torza


Il baccalà in Liguria ha un ruolo dominante, presente in innumerevoli piatti e in differenti zone - da Ponente a Levante - riesce a essere servito dall'antipasto al dolce.. No, non esageriamo, ma dall'antipasto al secondo sicuramente sì.

Io l'ho sempre adorato, sai come baccalà, nella versione "salata", sia come stoccafisso nella versione "essiccata".

Sono svariate le botteghe dei vicoli, o carruggi, dicendola in dialetto, che vendono questo delizioso prodotto.

Oggi lo esaltiamo nella sua semplicità, come è tradizione nel levante ligure, più precisamente a Torza, dove a Ottobre viene allestita proprio in una sagra in suo onore, accompagnandolo con le buonissime fagiolane di questo paesino in provincia di La Spezia.
Recuperare questi fagioli è assai arduo, io riesco a farne riserva solo durante questa sagra, in cui vengono venduti in sacchetti da 1 kg. Nonostante questo ne vale la pena, perché il gusto è superlativo, soprattutto perché il piatto di baccalà e fagiolane, durante la sagra, è condito con uno squisito olio del posto.

Cercando di ricreare quei gusti e quella convivialità ecco la mia versione.

Baccalà e fagiolane
Ingredienti:
1kg di fagiolane bianche
una stecca di baccalà già inumidito
capperi
aglio 
prezzemolo
pepe
peperoncino
olio 

Esecuzione:
Bollire in acqua, non troppo salata, poiché il baccalà porta con sè già la giusta sapidità, il pesce per poco tempo, per evitare che si sfibri troppo.
Pulirlo, diliscarlo e tenerlo in caldo.
Bollire le fagiolane in acqua salata dopo averle ammollate in acqua per 24 ore.
A parte preparare un trio con un pugno di capperi dissalati, aglio peperoncino e prezzemolo.
Spezzare grossolanamente il baccalà, unirlo ai fagioli e aggiungere il trito.
Salare, pepare e condire con abbondante olio buono.





Commenti

  1. Adoro questi piatti della tradizione, dove mare e orto si incontrano magicamente! Non sai che darei x l'assaggio e vado subito ad informarmi di questa sagra a cui non voglio proprio mancare ^_^
    Grazie carissime e felice serata <3<3<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi, li adoriamo!
      Si, dai, che bello, se riesci a venire ci si incontra a metà strada! ^_^

      Elimina
  2. Il Baccalà, lo adoro davvero in tutte le salse, ma questa ricetta non la conoscevo, buonissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto semplice, ma è tipica della nostra tradizione e mi piacerebbe fosse conosciuta e valorizzata.
      Felice di averti fatto scoprire una nuova ricetta!

      Elimina
  3. baccalà e fagioli abbinamento azzeccato!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, azzeccatissimo.. I fagioli di Torza (simili alle fagiolane bianche di Spagna) si sposano a meraviglia!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Gateau di patate con colatura di alici e la "sua" semifinale!

Eh si, la sua semifinale. Perchè io non ci sono potuta essere, perchè io ho atteso il responso da km di distanza.. Ma la mia sorellina è tornata trionfatrice. Il 16 Giugno si è svolta presso la Chef Academy di Terni la semifinale di Risate e Risotti.

Io e Marta partecipiamo a questo contest da anni, inizialmente non classificate e poi, a partire da 3 anni fa, ci sfidiamo colpi di riso e padella sul tema dei risotti. L'organizzatore, Luca, ormai è un grande amico e il suo format funziona alla grande, unendo il duplice significato della parola riso: un primo piatto delizioso e uno splendido verbo che dona felicità. Marta in questo è nel suo, credo potrebbe far risotti ogni giorno e ha sempre un magnifico sorriso stampato sulle labbra. Così, quando è arrivata la notizia della semifinale e io ho appreso di non poterci essere, ero comunque tranquilla. Quella agitata era lei. Soprattutto quando ha aperto la mistery box: camomilla, gelatina in fogli, purea e polvere di lamponi, uovo e zenzero. Ing…