Passa ai contenuti principali

Costine al miele, senape e spezie... Ricetta del cognato per MTC n°54



Quando si parla di carne, se devo chiedere un consiglio o una ricetta vero e propria corro da lui.

Ne avevo già parlato per la sfida del pollo ripieno, qui, raccontando della grande maestria di mio cognato nel cuocere la carne.
Lui adora la carne e trasmette questa sua predilezione nell'arte con cui la cucina: nessuno lo batte.
 
E anche in questo caso mi sono rivolta a lui, cogliendo l'occasione della sfida n° 54 dell'MTChallenge: il miele.

Dal miele alla carne, come?
I vincitori della sfida precedente dell'MTC sono stati Eleonora e Michael, del blog Burro e Miele.
Con la loro ricetta, intrisa di tradizioni e antichi sapori si sono conquistati il primo posto, lo scorso mese.
E hanno proposto un "tema" unico.
Il filo conduttore di questa sfida non è infatti una ricetta, ma un ingrediente: libertà e fantasia quindi nell'utilizzo del nettare degli dei.
Era già successo in passato, con il tema "castagne", ma io ancora non facevo parte di questa super community e non avevo mai provato questa versione della sfida.

E invece che fantasticare su dolci - strano, vista la mia predilezione per questi piatti - ho optato per un secondo.
La carne con il miele si sposa a meraviglia, soprattutto se è di maiale. 
Quale taglio però?
Per non farci mancare nulla abbiamo optato per delle costine, cotte in perfetto stile americano/inglese.

Sul blog di Eleonora e Michael c'è molto di più, un menù toltalmente legato dall'ingrediente delle sfida.. Solo leggendolo si troveranno notizie e saperi su questo prezioso prodotto della natura.
E come sempre cito ad honorem ormai la Dani, con la sua super infografica su abbinamenti e sposalizi perfetti con questo zucchero naturale! 


Ingredienti 
(per 4 persone fameliche o 6 normali):
12 costine di maiale intere ed unite(3kg circa)
3 cucchiai di miele di castagno
2 cucchiai di senape in grani
1 cucchiaino di paprika dolce
un cucchiaio di zucchero di canna
poco peperoncino in polvere (secondo il gusto personale)
uno spiacchio di aglio a fettine
olio
mezzo bicchiere di aceto
sale e pepe q.b.

Esecuzione:
Preparare la marinatura mescolando tutti gli ingredienti (ad esclusione del miele e del sale e pepe) in una boule.
Messaggiare la carne con il miele, insaporire con sale e pepe.
Ricoprire la carne con la marinatura e far riposare 4 ore in frigo, chiusa nelle pellicola trasparente.

Scaldare il forno a 150° ed infornare in forno caldo per un'ora.
Alzare la temperatura a 180° e continuare la cottura per un'altra ora.
Terminare con il forno a 220° per rendere la carne croccante.
Servire con patate al forno.

Sciogliersi, assieme alla carne... Fatto!




Con questa ricetta partecipo alla sfida n° 54 dell'MTChallenge
http://www.mtchallenge.it/2016/02/mtc-n-54-la-ricetta-della-sfida-e.html

Commenti

  1. Sono le nove del mattino ed io sto sbavando sulla tastiera. La vista di quelle costine glassate alla perfezione, lucide e succulente mi commuove. Tuo cognato è un mago ed io una ladra esperta perché questa va direttamente nel mio bottino di guerra: al prossimo bbq dunque. Bravissima!
    Bacione, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pat!
      Spero davvero le proverai, e non mancare di farmi sapere come vengono! ^_^

      Elimina
  2. Come sopra, ho fame ed è colpa tua, ahahahahahah!!! Slurposa proposta davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, beh la prossima volta spuntino per tutti! ^_^

      Elimina
  3. Indubbiamente un'ottima scelta di miele. E una cottura perfetta. Tuo cognato la sa lunga :))
    L'aspetto è davvero invitante. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dico che nessuno lo batte... Io mi limito a carpire segreti e ricette e a diffonderle! ;P

      Elimina
  4. Super yess, queste io le adoro abbinate alla composta di pesche!
    Niente è più diabolicamente invitante di una costina ben arrosticciata, glassata,condita.
    Niente, per quante tu ne faccia non basteranno mai a soddisfare la gola, anzi....la alimenteranno!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon la composta di pesche, io porto le costine e tu quella, che dici?
      Io adoro le costine, mai asciutte e sempre glassate!

      Elimina
  5. La cottura delle costine è "da manuale"... Perfetta! Ti confesso che leggendoti mi è venuta fame... (Ed è l'una di notte) 😃 Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Beh dai, uno spuntino di mezzanotte ci sta! :P

      Elimina
  6. Mi inserisco fra i 4 famelici! Ottima ricetta è ottimo risultato. Perfetta la scelta del miele di castagno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, il miele di castagno si sposa alla perfezione.
      Al naturale non riesco a mangiarlo ma in queste cotture è il massimo!
      Grazie! ^_^

      Elimina
  7. bòòòòòne le costine glassate e speziate e il miele di castagno è il mio preferito!! ottima proposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!!!
      Pensa che io riesco ad apprezzarlo solo così! ;P

      Elimina
  8. Il miele di castagno e la carne di maiale si sposano a meraviglia. Poi se ci sono anche delle spezie ed una glassatura croccante allora è una vera festa per il palato!!!

    RispondiElimina
  9. Non poteva mancare una visita al blog che mi trasmette sempre tanta allegria! Le costine glassate, invece mi trasmettono appetito e questo non è un bene, devo stare a dieta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, sei fortissima!
      Ma queste costine meritano uno strappo alla regola, te lo garantisco!

      Elimina
  10. Dorate, croccantine, un po' dolci.... quando passo?

    RispondiElimina
  11. tuo cognato lo vogliamo socio onorario dell'MTC :-)
    buone belle e perfettamente riuscite-cosa che capita molto meno spesso di quanto si creda. Di solito caramellano o induriscono: queste, fanno urlare di meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, ok, riferirò al cognato! ;)
      Guarda sono venute morbide e succose.. Ho anche un video in cui si staccano perfettamente dall'osso.. So' soddisfazioni! ;P

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Finale Rice Food Blogger Giuseppina Carboni e il nostro risotto "Primavera in cortile"

Ieri ci siamo riviste. E' stata un'emozione arrivare seconde alla Finale del Rice Food Blogger Organizzato da Luca Puzzuoli in onore dell'amica Giuseppina Carboni. E più che una gara per noi è stato un momento di condivisione. Di bei momenti tra vecchi e nuovi amici. Tutti con una passione comune:la cucina.
L'evento si è svolto nel magnifico Relais Borgo San Faustino, ad Orvieto. In mezzo alla campagna umbra io, Marta, Ilaria, Angela, Sara ed Alessia, ci siamo sfidate a colpi di mestoli e pentole per aggiudicarci il titolo del Miglior Risotto.
Gli ingredienti? Tutti differenti, e a noi ignoti fino all'ultimo, scelti accuratamente dallo chef Gregory.
A giudicare il nostro piatto? Otto giudici con la G maiuscola: Cristiana Curri Vincitrice del Contest Rice Food Blogger “Chef Giuseppina Carboni” 2016 Gregori Nalon Chef di Alice Tv Franca Rizzi conduttrice di Casa Alice
Silvia Baracchi Chef Stella Michelin del Relais & Chateaux Il Falconiere di Cortona
Anna Maria Pellegrino…