Passa ai contenuti principali

Costine al miele, senape e spezie... Ricetta del cognato per MTC n°54



Quando si parla di carne, se devo chiedere un consiglio o una ricetta vero e propria corro da lui.

Ne avevo già parlato per la sfida del pollo ripieno, qui, raccontando della grande maestria di mio cognato nel cuocere la carne.
Lui adora la carne e trasmette questa sua predilezione nell'arte con cui la cucina: nessuno lo batte.
 
E anche in questo caso mi sono rivolta a lui, cogliendo l'occasione della sfida n° 54 dell'MTChallenge: il miele.

Dal miele alla carne, come?
I vincitori della sfida precedente dell'MTC sono stati Eleonora e Michael, del blog Burro e Miele.
Con la loro ricetta, intrisa di tradizioni e antichi sapori si sono conquistati il primo posto, lo scorso mese.
E hanno proposto un "tema" unico.
Il filo conduttore di questa sfida non è infatti una ricetta, ma un ingrediente: libertà e fantasia quindi nell'utilizzo del nettare degli dei.
Era già successo in passato, con il tema "castagne", ma io ancora non facevo parte di questa super community e non avevo mai provato questa versione della sfida.

E invece che fantasticare su dolci - strano, vista la mia predilezione per questi piatti - ho optato per un secondo.
La carne con il miele si sposa a meraviglia, soprattutto se è di maiale. 
Quale taglio però?
Per non farci mancare nulla abbiamo optato per delle costine, cotte in perfetto stile americano/inglese.

Sul blog di Eleonora e Michael c'è molto di più, un menù toltalmente legato dall'ingrediente delle sfida.. Solo leggendolo si troveranno notizie e saperi su questo prezioso prodotto della natura.
E come sempre cito ad honorem ormai la Dani, con la sua super infografica su abbinamenti e sposalizi perfetti con questo zucchero naturale! 


Ingredienti 
(per 4 persone fameliche o 6 normali):
12 costine di maiale intere ed unite(3kg circa)
3 cucchiai di miele di castagno
2 cucchiai di senape in grani
1 cucchiaino di paprika dolce
un cucchiaio di zucchero di canna
poco peperoncino in polvere (secondo il gusto personale)
uno spiacchio di aglio a fettine
olio
mezzo bicchiere di aceto
sale e pepe q.b.

Esecuzione:
Preparare la marinatura mescolando tutti gli ingredienti (ad esclusione del miele e del sale e pepe) in una boule.
Messaggiare la carne con il miele, insaporire con sale e pepe.
Ricoprire la carne con la marinatura e far riposare 4 ore in frigo, chiusa nelle pellicola trasparente.

Scaldare il forno a 150° ed infornare in forno caldo per un'ora.
Alzare la temperatura a 180° e continuare la cottura per un'altra ora.
Terminare con il forno a 220° per rendere la carne croccante.
Servire con patate al forno.

Sciogliersi, assieme alla carne... Fatto!




Con questa ricetta partecipo alla sfida n° 54 dell'MTChallenge
http://www.mtchallenge.it/2016/02/mtc-n-54-la-ricetta-della-sfida-e.html

Commenti

  1. Sono le nove del mattino ed io sto sbavando sulla tastiera. La vista di quelle costine glassate alla perfezione, lucide e succulente mi commuove. Tuo cognato è un mago ed io una ladra esperta perché questa va direttamente nel mio bottino di guerra: al prossimo bbq dunque. Bravissima!
    Bacione, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pat!
      Spero davvero le proverai, e non mancare di farmi sapere come vengono! ^_^

      Elimina
  2. Come sopra, ho fame ed è colpa tua, ahahahahahah!!! Slurposa proposta davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, beh la prossima volta spuntino per tutti! ^_^

      Elimina
  3. Indubbiamente un'ottima scelta di miele. E una cottura perfetta. Tuo cognato la sa lunga :))
    L'aspetto è davvero invitante. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dico che nessuno lo batte... Io mi limito a carpire segreti e ricette e a diffonderle! ;P

      Elimina
  4. Super yess, queste io le adoro abbinate alla composta di pesche!
    Niente è più diabolicamente invitante di una costina ben arrosticciata, glassata,condita.
    Niente, per quante tu ne faccia non basteranno mai a soddisfare la gola, anzi....la alimenteranno!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon la composta di pesche, io porto le costine e tu quella, che dici?
      Io adoro le costine, mai asciutte e sempre glassate!

      Elimina
  5. La cottura delle costine è "da manuale"... Perfetta! Ti confesso che leggendoti mi è venuta fame... (Ed è l'una di notte) 😃 Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Beh dai, uno spuntino di mezzanotte ci sta! :P

      Elimina
  6. Mi inserisco fra i 4 famelici! Ottima ricetta è ottimo risultato. Perfetta la scelta del miele di castagno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, il miele di castagno si sposa alla perfezione.
      Al naturale non riesco a mangiarlo ma in queste cotture è il massimo!
      Grazie! ^_^

      Elimina
  7. bòòòòòne le costine glassate e speziate e il miele di castagno è il mio preferito!! ottima proposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!!!
      Pensa che io riesco ad apprezzarlo solo così! ;P

      Elimina
  8. Il miele di castagno e la carne di maiale si sposano a meraviglia. Poi se ci sono anche delle spezie ed una glassatura croccante allora è una vera festa per il palato!!!

    RispondiElimina
  9. Non poteva mancare una visita al blog che mi trasmette sempre tanta allegria! Le costine glassate, invece mi trasmettono appetito e questo non è un bene, devo stare a dieta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, sei fortissima!
      Ma queste costine meritano uno strappo alla regola, te lo garantisco!

      Elimina
  10. Dorate, croccantine, un po' dolci.... quando passo?

    RispondiElimina
  11. tuo cognato lo vogliamo socio onorario dell'MTC :-)
    buone belle e perfettamente riuscite-cosa che capita molto meno spesso di quanto si creda. Di solito caramellano o induriscono: queste, fanno urlare di meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, ok, riferirò al cognato! ;)
      Guarda sono venute morbide e succose.. Ho anche un video in cui si staccano perfettamente dall'osso.. So' soddisfazioni! ;P

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gnocchi di polenta con porri e speck gratinati al forno

Con queste giornate, all'insegna della pioggia e del freddo, la voglia di mettere il naso fuori di casa e' davvero poca, mentre quella di cucinare e soprattutto infornare è davvero tanta. Il ticchettio della pioggia scandisce i minuti e io, sempre presa dalla frenesia, riesco a rallentare. I gnocchi sono sempre stati un piatto classico della mia famiglia, quelli di patate con il pesto erano un must del weekend. Oggi, per la giornata nazionale degli gnocchi, propongo invece degli gnocchi inusuali, che strizzano l'occhio al riciclo e a ricette differenti. Io non amo la polenta. Quando in inverno tutti si esaltano di fronte a quella lava ustionante al mais, io mi stringo facendo spallucce e ripiego su una copertura infinita di sugo per coprire di gusto questa "farina" che non mi ha mai soddisfatta. Poi la ho riscoperta "riciclata", impastata con farina e uova per dargli nuova forma e gustarla come piace a me! Se, dopo averli prepa

Pollo thai con riso basmati e verdure

Ho sempre pensato che la cucina italiana avesse una marcia in più rispetto a tutte le altre. Anni e anni di tradizioni culinarie, studi e tecniche per creare un patrimonio che in molti ci invidiano. Libri antichissimi narrano già di tecniche che ora utilizziamo come innovative. Nonostante questa radicata convinzione però, da più grandicella ho scoperto cucine estere, esotiche e speziate e le ho adorate. Gusti nuovi, aromi e profumi di paesi lontani... Tradizioni, anche quelle, totalmente differenti dalle nostre. Abbinamenti e accostamenti diversi, ma ugualmente validi e studiati. E così, se in quei paesi ancora non sono realmente stata, in cucina posso viaggiare, pur restando nelle pareti di casa. Posso sbarcare in India, o volare in Giappone o in Cina. Ingredienti: 200 gr riso basmati un petto di pollo due cipollotti un broccolo due carote due zucchine un bicchiere di latte di soia salsa di soia prezzemolo zenzero buccia di lime peperoncino olio  sale e p

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma... Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero.  Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori. La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice. Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mel