Passa ai contenuti principali

Una delizia intollerante: Bicchierini di mousse al cioccolato con marmellata di fragole spuma alla ricotta e crumble di pistacchi


Oggi torno sui dolci, sulle coccole sul relax.
Un dolce studiato per me, con gli abbinamenti e i contrasti che più mi piacciono.. Perché ogni tanto è bello prendersi una coccola tutta per noi.

I dolci al bicchiere o al cucchiaio sono i miei preferiti, infatti vado in crisi ai compleanni, quando devo per forza fare una torta che rispecchi i miei gusti..
Oddio, non che io non riesca a deviare su qualche rivisitazione o simili, ma per me i bicchirini modoporzione sono un mondo a parte.
Mi piace portarli a cena se qualcuno ci invita, realizzati in mille gusti differenti così che ognuno possa essere accontentato.

E questi sono proprio pensati per accontentare chi certi "gusti" non sempre se li può permettere.
Le intolleranze o allergie vere e proprie sono un vero ostacolo per chi ama la buona cucina, anche se ultimamente si sta studiando davvero molto su queste tematiche riuscendo a realizzare piatti e prodotti che nulla hanno da invidiare ai fratelli originali.
 
Questa ricetta è nata per un contest, quello di Nonna Paperina di qualche mese fa, in cui si chiedeva di realizzare piatti che tenessero conto di varie intolleranze: Glutine, Nichel e Lattosio.
Potevo forse tirarmi indietro?
L’idea di base nasce da una ricetta vista in televisione, poi da me completamente stravolta in ingredienti ed abbinamenti.
Le monodosi sono realizzate senza lattosio, sostituendo alcuni ingredienti con altri o utilizzando elementi delattosati.
Abbiamo anche eliminato il glutine, utilizzando amido di mais al posto della classica farina.

 La ricetta la potete trovare anche qui, con molte altre tutte anti-intolleranze!

A ognuno il suo:

Ingredienti:

Per la mousse:

200 gr cioccolato fondente sciolto a bagno maria  
2 uova grandi  
2 cucchiai zucchero

Per lo streusel:

80 gr pistacchi  
80 gr margarina  
100 gr zucchero  
100 gr amido di mais

Per la marmellata di fragole:

200 gr fragole tagliate a cubetti 
 70 gr zucchero

Per la spuma di ricotta:

200 ml panna vegetale zuccherata 
 2 cucchiai zucchero  
300 gr ricotta di mucca delattosata

Esecuzione:
 
Per la mousse al cioccolato:
 
Sciogliere a bagnomaria o nel microonde il cioccolato fondente, dopo di che lasciarlo raffreddare.
Montare i tuorli con lo zucchero e gli albumi a parte.
Aggiungere il cioccolato ai tuorli e mescolare fino a che il composto non risulti omogeneo.
Aggiungere gli albumi a poco a poco mescolando dal basso verso l'alto.
Versare in 6 bicchieri monodose e lasciare raffreddare in frigorifero per almeno 2 ore. 


Per lo streusel:
 
Frullare i pistacchi abbastanza finemente; impastare tutti gli ingredienti formando un composto disomogeneo(sbriciolato).
Infornare a 180° per 20 minuti.
Se in composto tende a formare uno strato sottile e omogeneo cuocendo, romperlo con un cucchiaio di legno al termine della cottura e lasciare raffreddare il tutto. 

Per la marmellata di fragole:

In una padella porre le fragole e lo zucchero, lasciando il cuocere il tutto fino a che le fragole non si siano disfatte e il liquido di cottura leggermente rappreso (ci vorranno 30 minuti circa). 
 
Per la spuma di ricotta:
 
Montare a neve la panna.
A parte setacciare e mescolare con lo zucchero tutta la ricotta.
Unire i due composti mescolando dal basso verso l'alto.
 
 
 Assemblaggio:
Dopo il riposo in frigo la mousse sarà compatta e potrà essere coperta con uno strato di marmellata di fragole.
Aggiungere la spuma di ricotta creando dei cuiffetti con un sac à poche o una spara-biscotti.
Guarnire con lo streusel di pistacchi.
 
 



 
 

Con questa ricetta ho partecipato al contest "Intollenze, le cuciniamo!" di Nonna Paperina
 
Contest sulle intolleranze







 

Commenti

  1. wow, sono davvero strepitosi e molto elaborati. Complimenti, si vede che c'è dietro una vera passione x questo dessert ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo per I desserts in generale... Se devo inventare qualcosa mi proietto subito nella sezione "dolci" ^_^
      Grazie cara di passare sempre!

      Elimina
  2. OLLAPPEPPAPEPPARINA!!!! Ma cos'è questa delizia??? Mi ci tufferei immediatamente...
    Buon week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mila! Anche a me sono piaciuti molto, per gli amanti del cioccolato sono una chhicca da provare!

      Elimina
  3. Che trionfo questi bicchierini, un dolce a cui non pensiamo mai eppure devono essere la fine del mondo e sono anche belli pratici da portare quando si viene invitati al posto della classica torta. Complimenti per la scelta dell'abbinamento, veramente super godurioso :) Bravissima!
    Un bacione e buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I dolci nel bicchiere sono i miei preferiti, mi piacciono in ogni versione e con ogni abbinamento!
      Grazie mille ragazze!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gnocchi di polenta con porri e speck gratinati al forno

Con queste giornate, all'insegna della pioggia e del freddo, la voglia di mettere il naso fuori di casa e' davvero poca, mentre quella di cucinare e soprattutto infornare è davvero tanta. Il ticchettio della pioggia scandisce i minuti e io, sempre presa dalla frenesia, riesco a rallentare. I gnocchi sono sempre stati un piatto classico della mia famiglia, quelli di patate con il pesto erano un must del weekend. Oggi, per la giornata nazionale degli gnocchi, propongo invece degli gnocchi inusuali, che strizzano l'occhio al riciclo e a ricette differenti. Io non amo la polenta. Quando in inverno tutti si esaltano di fronte a quella lava ustionante al mais, io mi stringo facendo spallucce e ripiego su una copertura infinita di sugo per coprire di gusto questa "farina" che non mi ha mai soddisfatta. Poi la ho riscoperta "riciclata", impastata con farina e uova per dargli nuova forma e gustarla come piace a me! Se, dopo averli prepa

Pollo thai con riso basmati e verdure

Ho sempre pensato che la cucina italiana avesse una marcia in più rispetto a tutte le altre. Anni e anni di tradizioni culinarie, studi e tecniche per creare un patrimonio che in molti ci invidiano. Libri antichissimi narrano già di tecniche che ora utilizziamo come innovative. Nonostante questa radicata convinzione però, da più grandicella ho scoperto cucine estere, esotiche e speziate e le ho adorate. Gusti nuovi, aromi e profumi di paesi lontani... Tradizioni, anche quelle, totalmente differenti dalle nostre. Abbinamenti e accostamenti diversi, ma ugualmente validi e studiati. E così, se in quei paesi ancora non sono realmente stata, in cucina posso viaggiare, pur restando nelle pareti di casa. Posso sbarcare in India, o volare in Giappone o in Cina. Ingredienti: 200 gr riso basmati un petto di pollo due cipollotti un broccolo due carote due zucchine un bicchiere di latte di soia salsa di soia prezzemolo zenzero buccia di lime peperoncino olio  sale e p

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma... Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero.  Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori. La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice. Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mel