Passa ai contenuti principali

Una delizia intollerante: Bicchierini di mousse al cioccolato con marmellata di fragole spuma alla ricotta e crumble di pistacchi


Oggi torno sui dolci, sulle coccole sul relax.
Un dolce studiato per me, con gli abbinamenti e i contrasti che più mi piacciono.. Perché ogni tanto è bello prendersi una coccola tutta per noi.

I dolci al bicchiere o al cucchiaio sono i miei preferiti, infatti vado in crisi ai compleanni, quando devo per forza fare una torta che rispecchi i miei gusti..
Oddio, non che io non riesca a deviare su qualche rivisitazione o simili, ma per me i bicchirini modoporzione sono un mondo a parte.
Mi piace portarli a cena se qualcuno ci invita, realizzati in mille gusti differenti così che ognuno possa essere accontentato.

E questi sono proprio pensati per accontentare chi certi "gusti" non sempre se li può permettere.
Le intolleranze o allergie vere e proprie sono un vero ostacolo per chi ama la buona cucina, anche se ultimamente si sta studiando davvero molto su queste tematiche riuscendo a realizzare piatti e prodotti che nulla hanno da invidiare ai fratelli originali.
 
Questa ricetta è nata per un contest, quello di Nonna Paperina di qualche mese fa, in cui si chiedeva di realizzare piatti che tenessero conto di varie intolleranze: Glutine, Nichel e Lattosio.
Potevo forse tirarmi indietro?
L’idea di base nasce da una ricetta vista in televisione, poi da me completamente stravolta in ingredienti ed abbinamenti.
Le monodosi sono realizzate senza lattosio, sostituendo alcuni ingredienti con altri o utilizzando elementi delattosati.
Abbiamo anche eliminato il glutine, utilizzando amido di mais al posto della classica farina.

 La ricetta la potete trovare anche qui, con molte altre tutte anti-intolleranze!

A ognuno il suo:

Ingredienti:

Per la mousse:

200 gr cioccolato fondente sciolto a bagno maria  
2 uova grandi  
2 cucchiai zucchero

Per lo streusel:

80 gr pistacchi  
80 gr margarina  
100 gr zucchero  
100 gr amido di mais

Per la marmellata di fragole:

200 gr fragole tagliate a cubetti 
 70 gr zucchero

Per la spuma di ricotta:

200 ml panna vegetale zuccherata 
 2 cucchiai zucchero  
300 gr ricotta di mucca delattosata

Esecuzione:
 
Per la mousse al cioccolato:
 
Sciogliere a bagnomaria o nel microonde il cioccolato fondente, dopo di che lasciarlo raffreddare.
Montare i tuorli con lo zucchero e gli albumi a parte.
Aggiungere il cioccolato ai tuorli e mescolare fino a che il composto non risulti omogeneo.
Aggiungere gli albumi a poco a poco mescolando dal basso verso l'alto.
Versare in 6 bicchieri monodose e lasciare raffreddare in frigorifero per almeno 2 ore. 


Per lo streusel:
 
Frullare i pistacchi abbastanza finemente; impastare tutti gli ingredienti formando un composto disomogeneo(sbriciolato).
Infornare a 180° per 20 minuti.
Se in composto tende a formare uno strato sottile e omogeneo cuocendo, romperlo con un cucchiaio di legno al termine della cottura e lasciare raffreddare il tutto. 

Per la marmellata di fragole:

In una padella porre le fragole e lo zucchero, lasciando il cuocere il tutto fino a che le fragole non si siano disfatte e il liquido di cottura leggermente rappreso (ci vorranno 30 minuti circa). 
 
Per la spuma di ricotta:
 
Montare a neve la panna.
A parte setacciare e mescolare con lo zucchero tutta la ricotta.
Unire i due composti mescolando dal basso verso l'alto.
 
 
 Assemblaggio:
Dopo il riposo in frigo la mousse sarà compatta e potrà essere coperta con uno strato di marmellata di fragole.
Aggiungere la spuma di ricotta creando dei cuiffetti con un sac à poche o una spara-biscotti.
Guarnire con lo streusel di pistacchi.
 
 



 
 

Con questa ricetta ho partecipato al contest "Intollenze, le cuciniamo!" di Nonna Paperina
 
Contest sulle intolleranze







 

Commenti

  1. wow, sono davvero strepitosi e molto elaborati. Complimenti, si vede che c'è dietro una vera passione x questo dessert ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo per I desserts in generale... Se devo inventare qualcosa mi proietto subito nella sezione "dolci" ^_^
      Grazie cara di passare sempre!

      Elimina
  2. OLLAPPEPPAPEPPARINA!!!! Ma cos'è questa delizia??? Mi ci tufferei immediatamente...
    Buon week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mila! Anche a me sono piaciuti molto, per gli amanti del cioccolato sono una chhicca da provare!

      Elimina
  3. Che trionfo questi bicchierini, un dolce a cui non pensiamo mai eppure devono essere la fine del mondo e sono anche belli pratici da portare quando si viene invitati al posto della classica torta. Complimenti per la scelta dell'abbinamento, veramente super godurioso :) Bravissima!
    Un bacione e buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I dolci nel bicchiere sono i miei preferiti, mi piacciono in ogni versione e con ogni abbinamento!
      Grazie mille ragazze!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Gateau di patate con colatura di alici e la "sua" semifinale!

Eh si, la sua semifinale. Perchè io non ci sono potuta essere, perchè io ho atteso il responso da km di distanza.. Ma la mia sorellina è tornata trionfatrice. Il 16 Giugno si è svolta presso la Chef Academy di Terni la semifinale di Risate e Risotti.

Io e Marta partecipiamo a questo contest da anni, inizialmente non classificate e poi, a partire da 3 anni fa, ci sfidiamo colpi di riso e padella sul tema dei risotti. L'organizzatore, Luca, ormai è un grande amico e il suo format funziona alla grande, unendo il duplice significato della parola riso: un primo piatto delizioso e uno splendido verbo che dona felicità. Marta in questo è nel suo, credo potrebbe far risotti ogni giorno e ha sempre un magnifico sorriso stampato sulle labbra. Così, quando è arrivata la notizia della semifinale e io ho appreso di non poterci essere, ero comunque tranquilla. Quella agitata era lei. Soprattutto quando ha aperto la mistery box: camomilla, gelatina in fogli, purea e polvere di lamponi, uovo e zenzero. Ing…