Passa ai contenuti principali

Biscotti con frolla al cacao e marmellata di fragole per MTChallenge n° 56



Dani e Juri, proprietari del blog Acqua e Menta, hanno steso tutti con il loro cuscus alla trapanese.
Una vittoria super meritata, ottenuta dalla preparazione di una ricetta strepitosa, piena di tradizione e tecnica.
E altrettanto strepitosa è la ricetta, anzi, le ricette che ci propongono questo mese: i biscotti a base di pasta frolla.
Nel loro post Dani e Juri illustrano le varie tipologie di frolla e le tecniche per realizzarle al meglio.

Sul blog dell'MTChallenge, in un post realizzato dalla nostra Dani, viene illustrata l'importanza degli ingredienti utilizzati e inserita un'utile parentesi su come variare le percentuali di questi ultimi per riuscire ad aggiungere cacao, frutta secca, aromi e miele.

Altro post che ho trovato particolarmente utile è stato quello che illustra con mantenere la forma dei nostri biscotti (ricordo ancora dei cookies che hanno preso la forma della teglia, dopo aver lavorato l'impasto per un tempo eccessivo).

E con una sfida del genere mi sono particolarmente sentita chiamata in causa: un blog che si chiama Tritabiscotti e non propone la sua ricetta di biscotti?
Impossibile.

La prima, e spero non ultima, ricetta parte da un abbinamento che adoro, fragole e cioccolato.
Ho pensato di realizzare dei biscotti tipo occhio di bue, con cui accoppiare una frolla al cacao e la mia marmellata di fragole, che realizzo ogni anno.

Ingredienti:
Per la frolla:
175 gr farina 00
100 gr burro
100 gr zucchero
un uovo
25 gr cacao amaro
un pizzico di sale
Per la marmellata di fragole:
200 gr fragole
70 gr zucchero

Esecuzione:

Mescolare la farina con il cacao disponendo il mix a fontana su una spianatoia.
Al centro della fontana versare lo zucchero, il burro morbido e l'uovo, compreso il pizzico di sale.
Impastare tutti gli ingredienti ottenendo una palla soda e omogenea.
Lasciare riposare l'impasto per mezz'ora in frigorifero.
Togliere l'impasto dal frigo, stendere in modo omogeneo e ricavare dei cuori con la formina appropriata.
Metà dei cuori ottenuti andranno bucati con una formina a cerchio, ottenendo l'occhio del biscotto.
Cuocere a 180° per una decina di minuti, sfornare e lasciare raffreddare.

Nel frattempo preparare la marmellata.
Tagliare a cubetti le fragole precedentemente lavate e pulite.
Versarle in una casseruola con lo zucchero e qualche goccia di limone. Lasciare cuocere mezz'orett, fino ad ottenere la giusta consistenza.
Lasciare raffreddare completamente.

Assemblaggio:
Accoppiare ogni biscotto a "cuore intero" con il corrispondente "bucato", incollandoli utilizzando la marmellata di fragole.









Con questa ricetta partecipo alla sfida n°56 dell'MTC

Commenti

  1. Hanno un aspetto meraviglioso e quest'abbinamento di sapori fa impazzire anche me :-P
    Complimenti!

    RispondiElimina
  2. Bel biscotto, bella scelta di sapori.
    Nel mio orto niente fragole, ma tengo d'occhio quelle del vicino distrattone!
    Certo che con il tuo nome se avessi toppato i biscotti tritavamo te....invece!!!!:))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh anche la mia piantina ancora non ha prodotto nulla.. Ho dovuto attingere dalla dispensa, con la marmellata dello scorso anno!
      Eheheeh, fortuna che mi son salvata!

      Elimina
  3. deliziosi questi biscotti!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, siamo felici ti piacciano i nostri biscottini!

      Elimina
  4. Buoniii!!! adoro i biscotti con la marmellata dentro e cioccolato e fragole stanno benissimo insieme!
    Da fare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace molto l'abbinamento frolla/marmellata.. Se poi è al cacao, meglio!

      Elimina
  5. Anche qui una bella arietta primaverile, complimenti e in bocca al lupo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, respiriamo aria di primavera ormai!

      Elimina
  6. Ma quanto sono carini?? Ne vorremmo un sacchetto per la colazione di questo lungo weekend, è possibile :)?
    Bravissima!! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volentieri!!! ^_^
      Grazie ragazze, un abbraccio!

      Elimina
  7. In questa sfida aspetto al varco tutti quelli che hanno "biscotti" nel nome del blog :P E voi non avete smentito le aspettative, i vostri biscotti giocano su un abbinamento classico ma mai banale, uno di quelli che ti portano a finirti l'intera teglia dei biscotti prima che il tuo senso di colpa si sia attivato... Bravissime!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, ne avevo altri in mente ma non ce l'ho fatta con i tempi.. Li farò fuori sfida, grazie ai vostri super consigli ho imparato un sacco di cose!

      Elimina
  8. Immagino che poi li abbiate tritati in un baleno questi deliziosi cuoricini, o sbaglio??? ;-)
    Bellissimi e molto golosi con la confettura di fragole!
    Un bacio

    RispondiElimina
  9. oohhhhhhhhhhhhhhhhhh e finalmente delle frolle come si deve, che tengono la forma! posso dire che vi lovvo, senza se e senza ma? Bravissime!

    RispondiElimina
  10. Cioccolato e fragola insieme non li batte nessuno! Questi biscotti sono proprio belli!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Gateau di patate con colatura di alici e la "sua" semifinale!

Eh si, la sua semifinale. Perchè io non ci sono potuta essere, perchè io ho atteso il responso da km di distanza.. Ma la mia sorellina è tornata trionfatrice. Il 16 Giugno si è svolta presso la Chef Academy di Terni la semifinale di Risate e Risotti.

Io e Marta partecipiamo a questo contest da anni, inizialmente non classificate e poi, a partire da 3 anni fa, ci sfidiamo colpi di riso e padella sul tema dei risotti. L'organizzatore, Luca, ormai è un grande amico e il suo format funziona alla grande, unendo il duplice significato della parola riso: un primo piatto delizioso e uno splendido verbo che dona felicità. Marta in questo è nel suo, credo potrebbe far risotti ogni giorno e ha sempre un magnifico sorriso stampato sulle labbra. Così, quando è arrivata la notizia della semifinale e io ho appreso di non poterci essere, ero comunque tranquilla. Quella agitata era lei. Soprattutto quando ha aperto la mistery box: camomilla, gelatina in fogli, purea e polvere di lamponi, uovo e zenzero. Ing…