Passa ai contenuti principali

Il nostro weekend alla finale di Risate e Risotti e la nostra pasta con le sarde


"Ci siamo, siamo in semifinale, Marta!!" - vedo il nostro nome tra i finalisti e mi emoziono come la prima volta.
Il contest Risate e Risotti ci appassiona ogni anno, i risotti sono il nostro piatto preferito.
E anche quest'anno ci siamo guadagnate la semifinale.
Quest'ultima si è svolta a Terni, nella Chef Academy diretta da Ronny Albucci. Lì due Chef, Roberta Massoli e Matteo Barbarossa ci attendevano a forchette alzate per giudicare i nostri piatti. Assieme a loro, oltre al direttore Ronny, l'organizzatore dell'evento Luca Puzzuoli e la vincitrice della scorsa edizione Cristiana Curri.

La sfida è iniziata con l'estrazione delle coppie: a ogni food-blogger una mistery box e per noi... Gorgonzola e barbabietola rossa. 
Per gli altri, tanti e svariati abbinamenti, dalla frutta ai formaggi, passando per il tartufo, oltre agli ingredienti base come cipolla, burro e Parmigiano, nuovo sponsor dell'evento.
Tutti indossano il grembiule e iniziamo, io e Marta estratte per prime, partiamo subito.
Soffritto, tostatura e cottura, tutto procede bene e usciamo con il nostro risotto "La vie en rose", risotto alla barbabietola abbinato ad una fonduta di gorgonzola.
Portiamo il piatto alla giuria e ogni volta è peggio di un esame, la loro valutazione è importante e fondamentale.
Non riesco a capire nulla, guardo i giurati ma non lasciano trapelare alcun commento, dovremo attendere la fine della gara e il successivo pranzo per conoscere i finalisti.
Tanti altri piatti escono dalla cucina, tanti altri blogger preoccupati entrano e escono dalla stanza dei giudici, ma nessuno riesce a capire se è andata bene o male..

Terminata la gara Luca aveva organizzato per tutti noi un pranzo nell'azienda Italyheart, produttrice dell'olio che avevamo utilizzato nelle nostre preparazioni.
Il pranzo è stato magnifico, nonostante il caldo afoso il clima tra noi sfidanti era sereno e rilassato.
Quasi sul finire del pranzo Luca ci invita tutti a centro stanza, per annunciare i finalisti e.. ci siamo anche noi, assieme ad Alessia, Angela, Ilaria e Sara!! Che emozione, avremo di nuovo l'occasione di metterci in gioco!
Un'esperienza unica, un'emozione incredibile. Ora, non ci resta che far del nostro meglio e incrociare le dita per la finalissima del 21 Luglio. 

E la ricetta di oggi non poteva che essere una ricetta che profuma di casa, per festeggiare tutti insieme questo successo.

Pasta con le sarde:

500gr sarde
250gr finocchietto selvatico
30 gr pinoli
30 gr uvetta di Corinto
Una bustina di zafferano
Un cucchiaio di concentrato di pomodoro
500gr spaghetti al volo Verrigni
Olio Infinito
Una cipolla

Esecuzione:
Pulire e diliscare le sarde.
Pulire il finocchietto, eliminando le coste più dire e bollire per 30 minuti, conservando l'acqua di cottura.
In un'ampia padella soffriggere la cipolla in abbondante olio, aggiungere le sarde e cuocere qualche minuto, aggiungere i pinoli e l'uvetta e fare insaporire.
Aggiungere il finocchietto tritato grossolanamente.
In una tazzina diluire il concentrato con poca acqua ed aggiungerlo al condimento, concludendo aggiungendo lo zafferano.
Regolare di sale.
In una pentola cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolara è saltata in padella, aggiungendo olio se necessario.







Commenti

  1. Brave ragazze !!! Sono contenta per voi ! faccio il tifo per il podio !!!

    RispondiElimina
  2. Siete state bravissime ed è stato un piacere avervi conosciute di persona! E ora, in bocca al lupo per la finale! :-D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…