Passa ai contenuti principali

Meditaggiasca: cultura e tradizione dietro a una bottiglia.

Ulivo: Ulivo o olivo, è una pianta da frutto. I suoi frutti fin dall'antichità erano utilizzati per produrre un ricco e sublime estratto. Dalla nascita di un ulivo, esso iniziare a produrre frutti dal 3°-4° anno di età. Il fiore è ermafrodito e raggruppato in 10 o 15 infiorescenze a grappolo.



Unico: anche se è passato circa un mese, ricordo benissimo la giornata che ci ha visto ospiti e protagoniste a Meditaggiasca.
Promotori di questa manifestazione sono l’Associazione Oro di Taggia, l’Associazione produttori Moscatello di Taggia e Witaly, azienda organizzatrice di eventi enogastronomici nel territorio nazionale.
Il nostro intervento è stato organizzato dalla esuberante e coinvolgente Silvia e, essendo io molto vicina al luogo dell'evento, la cittadina di Taggia, non potevo che partecipare.
 Bellissimi stand di produttori locali erano pronti ad accoglierci e a illustrarci le caratteristiche dell'Olio prodotto in queste terre e dei prodotto tipico, l'oliva, nelle sue molteplici forme.
Ho ascoltato con piacere Silvia, illustrarci le curiosità di questo ingrediente fondamentale delle nostre origini e raccontarci proverbi ed aneddoti relativi all'olio; sono rimasta incantata ad ascoltare Sabrina, narrarci storie relativi all'olivo risalenti a moltissimi anni fa.
Ed è stato magnifico conoscere oltre alle MTCine già citate Alessandra M., Alessandra G., Fausta e Antonella.



Vecchi fusti di olio: Qui veniva conservato l'olio. Spesso i fusti erano realizzati in latta. Alternativa alla conservazione? Le classiche bottiglie in vetro scuro.
La luce è il peggior nemico dell'olio, esso infatti è un prodotto vivo e la luce ne altera le proprietà e caratteristiche.

Valore: L'olio è molto costoso, prezzo rappresentativo del lavoro e della qualità della materia prima da cui è ricavato. Nel dopoguerra per le famiglie povere acquistare una bottiglia di olio voleva dire affrontare pesanti sacrifici. L'olio era oro da usare con parsimonia. Da qui la credenza che versare o rompere una bottiglia di olio porti sfortuna.



Wow: sono rimasta a bocca aperta davanti agli show cooking degli chef, che ci hanno deliziato con le loro preparazioni.
Tanta tecnica, conoscenza delle materie prime e di preparazioni tutte particolari.
Il mio preferito? Tutti, uno più goloso dell'altro.





Xylella: La malattia dell'olivo. E' in grado di produrre sulla pianta infetta gravi alterazioni. Nel caso specifico dell'olivo, essa provoca la sua disseccazione rapida.
Una vera piaga e un grave problema per i produttori e gli agricoltori!

Xerofita: l'olivo è una pianta xerofita (dal greco "ξηρος", secco e "φυτον", pianta). Caratteristica fondamentale di questi vegetali è la capacità di vivere in ambienti caratterizzati da lunghi periodi di siccità o da clima arido o desertico, definiti genericamente ambienti xerici.

Yeah: Letteralmente significa si, e noi lo intendiamo come approvazione al nostro olio.
L'olio italiano è ottimo e va valorizzato.
Può essere utilizzato in moltissime preparazioni ed è ottimo sia come ingrediente per soffritti e preparazioni "cotte" che crudo, conservando tutte le sue proprietà!
Una ricetta veloce e semplice?
Polpo con patate e olive taggiasche:
Ingredienti:
800 gr polpi puliti (privati di occhi e becco)
100 gr olive taggiasche denocciolate
500gr patate novelle
una cipolla 
un ciuffo di prezzemolo
aglio e prezzemolo tritati
Esecuzione:
Bollire il polpo in un brodo realizzato con acqua salata in cui avremo messo una cipolla e prezzemolo.
Tuffarvi il polpo e cuocere per circa 40 minuti(se di piccola taglia) fino a più di un'ora(1 ora e 20) se di grande dimensione.
Per rendere la polpa meno gommosa, caratteristiche del tessuto di questo animale, si può congelare per almeno 24 ore.
Scolare il polpo e nella stessa acqua bollire le patate già pulite e tagliate a cubetti, ci vorranno in questo modo pochi minuti.
Tagliare il polpo a pezzi e metterlo in una boule.
Aggiungervi le patate e le olive.
Condire con un trito di aglio e prezzemolo, aggiungendo olio e sale a piacimento.






Zac: la potatura dell'olivo. Essa è piuttosto delicata e necessita di particolare attenzione.
L'olivo va "addomesticato".
 L'olivo è basitono: i rami presenti nella parte più vicina al fusto tendono a crescere e a svilupparsi maggiormente rispetto a quelli che invece sono situati nella parte più lontana. Un olivo lasciato crescere in modo naturale, assumerà con il tempo un portamento globo-cespuglioso, ossia la vegetazione e la fruttificazione avverranno sempre di più verso la parte esterna della chioma, mentre all’interno si registrerà una progressiva perdita di foglie.
Attraverso la potatura dell’olivo ci si prefiggono molti obiettivi ovvero:rinnovare i rami produttivi,migliorando la penetrazione di luce e aria ed eliminando i rami secchi e quelli danneggiati e rendendola più resistente ai parassiti; si cerca inoltre di contenere la crescita della pianta mantenendo più o meno costante la produttività e prevenendo l'invecchiamento, mantenendo i rami fruttiferi a scapito di quelli ormai vecchi.
Tutte le foto di Meditaggiasca sono realizzate dalla mitica Fausta, del blog Caffè col cioccolato.






Commenti

  1. giornate interessanti e piacevoli che dureranno a lungo nel ricordo del bel osto, del cibo buono e della piacevole compagnia

    RispondiElimina
  2. che bello questo polpo!!! Già mi fa venire appetito... Contenta di averti conosciuto, ti mando telegraficamente un bacione :* Ciao!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…