Passa ai contenuti principali

Cous cous con verdure grigliate, menta e primo sale




Oggi inizia il Cous Cous Fest a San Vito lo Capo e proprio per questo motivo è anche la Giornata Nazionale del cous cous, secondo il Calendario del Cibo Italiano.

Tipico piatto del Maghreb, durante la dominazione araba dell'isola, si è diffuso in Sicilia, diventando una ricetta tipica della tradizione sicula.

Io ho avuto il piacere di assaggiarlo a Trapani, città principe del cous cous, nella sua versione più classica, anche se ogni anno, durante la manifestazione che lo vede protagonista, le variazioni e ricette spaziano fino ai confini della fantasia. 

La preparazione, se non si opta per un cous cous precotto, è lunga e laboriosa: ho potuto coglierne la difficoltà parlandone con un uomo che ogni anno è presente al cous cous fest, Salvatore.
Tutto dipende dalla scelta della semola, da quanta acqua si fa cadere dalla mano mentre si impasta.
Dai suoi racconti ho potuto capire che la preperazione del cous cous in quella magnifica terra è pura arte.
Non basta qualche piccola accortezza svelata ammirando il mare di Petrosino, il suo cous cous ha una tradizione che passa i secoli.
E sono certa che durante il mio breve soggiorno io non sia riuscita a coglierla tutta, nonostante il desiderio di carpire ogni segreto dalle dritte fornitemi da Salvatore.
Il suo regalo? Un sacchetto della sua semola, per provare anche io, una volta arrivata a casa, a preparare il cous cous, o cuscusu, come lo chiamano in Sicilia.

La mia versione è fredda, pensata per essere mangiata proprio davanti a quello splendido mare che mi è rimasto nel cuore.

Ingredienti:
Per il cous cous:
200 gr semola
50 ml olio
poca acqua (il rapporto è 100 ml per ogni kg di semola)
brodo vegetale

Per il condimento:
una melanzana
un peperone
4 zucchine
2 cipolle rosse di Tropea
200 gr primo sale
menta

Esecuzione:
Reidratare o incocciare il cous cous lavorandolo con le mani in un tegame, massaggiandolo con un movimento rotatorio.L'acqua dovrà essere assorbita totalmente e fatta scorrere tra le dita delle mani, aggiunta piano piano.
L'ottimo è preparare il cous cous la sera prima.

Condire la semola con l'olio e il sale e farla cuocere nella cuscussiera attraverso il colino.
Cercare di mantenere tutto il vapore all'interno sigillando bene.
Cuocere a vapore lento, per circa un'ora, un'ora e mezza.
Trasferire la semola cotta il una pirofila, sgranarla nuovamente,bagnarla con brodo vegetale fino a coprirla e lasciare riposare una o due ore.
A parte preparare le verdure tagliandole a fette e grigliandole.
Una volta cotte tagliarle a cubetti e aggiungerle al cous cous, mescolando bene.
Lasciare raffreddare completamente, mescolando ogni tanto per sgranare il cous cous.
Aggiungere la menta e il primo sale e servire.









Commenti

  1. Non ho mai provato a farlo in casa ma mi piacerebbe provarci. Mi piace molto questa versione con le verdure e il formaggio è in sintonia con i miei gusti. Grazie per questa bella ricetta! :-)

    RispondiElimina
  2. Complimenti, non ho mai provato a fare il cous cous in casa O_O l'ho sempre preso già pronto :-P prima o poi devo sperimentare e sicuramente tornerò qui a prendere la ricetta ^_^

    RispondiElimina
  3. Io ho seguito una signora in algeria prepararlo (ovviamente non quello precotto) ed effettivamente ha tutto un altro sapore, ma il lavoro è troppo lungo (per i miei gusti o meglio per i miei tempi!!!)
    Però mi piace, mi piace davvero tanto!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Parmigiana di melanzane a freddo e il nostro weekend ad Agerola per Risate e Risotti

Un weekend all'insegna della cultura alimentare e della biodiversità.
Ecco come posso definire il weekend passato (3-5 Marzo 2017).

La ricetta che propongo oggi è infatti un elogio agli ingredienti magnifici che ho trovato in questo territorio.
Lo chef che ci ha guidate in questo magnifico tour enogastronomico è Antonio Villani, chef del ristorante dell'hotel San Pietro a Positano.

Come siamo finite in questo magnifico luogo? 
L'organizzatore dell'evento Risate e Risotti, Luca Puzzuoli, ci ha invitate come ospiti, assieme alla foodblogger Cristiana, ad Agerola, magnifico paese nell'entroterra della costiera amalfitana.
Un'occasione per cucinare con grandi chef e per scoprire luoghi da noi mai visitati.

Nella giornata di sabato, affiancate da chef preparati e qualificati, abbiamo preparato una ricca cena per l'agriturismo La Cascina del Sole ad Agerola.
Splendidi piatti, magnifiche preparazioni corredate da accurate spiegazioni ci hanno accompagnate per tutta la gio…