Passa ai contenuti principali

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta,
quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.

La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.

L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella..
Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 

E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.

L'idea per questa ricetta la abbiamo trovata qui; é stata una magnifica scoperta scoprire che anche i rovi(robus ulmifolius), piante piene di spine e conosciute solo per le more , potessero rivelarsi un ottimo ingrediente per preparare risotti e/o frittate!

Risotto ai germogli di rovo

Ingredienti per 4 persone:
300 grammi di riso
un mazzetto di germogli di rovo
burro
1 cipolla
1 bicchiere di vino bianco
brodo vegetale (ho usato quello di sbollentatura dei rovi + un dado)
parmigiano grattugiato
sale e pepe
q.b.

Pulire i germogli dividendo le cimette dal gambo più grosso
Spellare la parte più grossa ma giovane e verde eliminando le spine (occhio e non farvi male!)
e sbollentare i germogli così puliti in acqua salata.
A parte sbollentare anche le cimette.
Aggiungere un dado nell'acqua dei germogli e tenere in caldo.
Preparare un soffritto con burro e cipolla, ed unirvi i germogli di rovo tagliati a tocchetti (tenere momentaneamente le cime da parte). 
Far soffriggere, quindi aggiungere il riso e farlo tostare. 
 Sfumare con il vino bianco.

Aggiungere un mestolo di brodo, mescolare, e portare a cottura aggiungendo il brodo quando serve, girando di tanto in tanto per evitare che il riso si attacchi. 
Quasi a fine cottura aggiungere le cimette.
Spegnere il fuoco, aggiungere burro e formaggio grattugiato a piacere, mescolare bene e lasciar riposare un paio di minuti prima di servire spolverando sopra un po' di pepe e riccioli di Parmigiano Reggiano.


 
 
 Che dire, sapori antichi per una cucina nuova, ma all'insegna della tradizione!



Commenti

  1. Originale questo risotto e il tuo post mi ha fatto pensare a quando con mia nonna si raccoglieva nei campi il preboggion x i pansoti! Un sapere che tende a perdersi purtroppo...
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, io non sono esperta di erbe di campo, ma con il mio papa e mio cognato sto cercando di imparare.. Mi rilassa passeggiare nei prati o nei boschi cogliendo preboggion ortiche o altre piante commestibili.. Mi sembra di tornare indietro nel tempo.. :)

      Elimina
  2. C'è sempre qualcosa di nuovo da imparare... Ero rimasta alle ortiche, alla borragine, alle erbe di campo come il tarassaco... Arenata completamente lì.
    Mi avete aperto tutto un mondo con questa splendida vostra proposta.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non ne sapevo l'utilizzo.. L'esperto di agricoltura, erbe selvatiche e commestibili è mio cognato. E io carpisco segreti e trucchi! ;)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gnocchi di polenta con porri e speck gratinati al forno

Con queste giornate, all'insegna della pioggia e del freddo, la voglia di mettere il naso fuori di casa e' davvero poca, mentre quella di cucinare e soprattutto infornare è davvero tanta. Il ticchettio della pioggia scandisce i minuti e io, sempre presa dalla frenesia, riesco a rallentare. I gnocchi sono sempre stati un piatto classico della mia famiglia, quelli di patate con il pesto erano un must del weekend. Oggi, per la giornata nazionale degli gnocchi, propongo invece degli gnocchi inusuali, che strizzano l'occhio al riciclo e a ricette differenti. Io non amo la polenta. Quando in inverno tutti si esaltano di fronte a quella lava ustionante al mais, io mi stringo facendo spallucce e ripiego su una copertura infinita di sugo per coprire di gusto questa "farina" che non mi ha mai soddisfatta. Poi la ho riscoperta "riciclata", impastata con farina e uova per dargli nuova forma e gustarla come piace a me! Se, dopo averli prepa

Pollo thai con riso basmati e verdure

Ho sempre pensato che la cucina italiana avesse una marcia in più rispetto a tutte le altre. Anni e anni di tradizioni culinarie, studi e tecniche per creare un patrimonio che in molti ci invidiano. Libri antichissimi narrano già di tecniche che ora utilizziamo come innovative. Nonostante questa radicata convinzione però, da più grandicella ho scoperto cucine estere, esotiche e speziate e le ho adorate. Gusti nuovi, aromi e profumi di paesi lontani... Tradizioni, anche quelle, totalmente differenti dalle nostre. Abbinamenti e accostamenti diversi, ma ugualmente validi e studiati. E così, se in quei paesi ancora non sono realmente stata, in cucina posso viaggiare, pur restando nelle pareti di casa. Posso sbarcare in India, o volare in Giappone o in Cina. Ingredienti: 200 gr riso basmati un petto di pollo due cipollotti un broccolo due carote due zucchine un bicchiere di latte di soia salsa di soia prezzemolo zenzero buccia di lime peperoncino olio  sale e p

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma... Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero.  Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori. La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice. Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mel