Passa ai contenuti principali

Pastiera napoletana e buona pasquetta a tutti!

Ogni giorno di festa a casa nostra diventa un ricco momento di condivisione ed affetto..
Mia mamma in particolare, riesce a rendere le festività un giorno ulteriormente speciale.. Arrichisce con dettagli, cura i particolari..

In particolare la Pasqua nella nostra famiglia é sempre stata diversa.. 
Poiché mia sorella non mangia il cioccolato, a casa nostra non abbiamo mai avuto molte uova di cioccolata, se non quel paio per godersi la rottura, ma spesso le nostre uova erano quelle cartone, riempite con regali e regalucci di ogni tipo...! 
E ancora oggi, nonostante si cresca, io mi sveglio ancora la mattina di Pasqua con la curiosità di una bimba, per aprire quelle magiche uova piene di doni.. :)

Adoro l'attenzione di mia mamma nel pensare, preparare e prendersi cura delle persone a cui vuole bene.. E' proprio vero che attraverso i semplici gesti si trasmettono più di mille parole.. 


Spero che anche la vostra Pasqua sia stata piena di dolcezza e affetto!


Pastiera (dosi per 2 pastiere grandi):
Per la frolla:
750 gr farina bianca
8 tuorli d'uovo 
300gr zucchero
375 gr burro
2 bustine vanillina
buccia grattuggiata di 2 limoni
poco latte freddo 
un pizzico di sale

Per il ripieno
1 barattolo di grano cotto
750 gr ricotta fresca vaccina
250 gr zucchero
1 bustina di vanillina 
1 barattolino di acqua ai fiori di arancio(85/100 ml)
5 uova
30 gr cedro candito
30 gr arancia candita
cannella
50 gr burro 
latte q.b.

Eseczione:
Il giorno prima: 
 Sgranare il contenuto del barattolo di grano cotto in una casseruola a fondo spesso, unire il burro, 2 o 3 fettucce di limone 2 cucchiai di zucchero e un cucchiaino raso di cannella; ricoprire con abbondante latte freddo il tutto e porre su fuoco bassissimo e con coperchio, cuocendo per un paio d'ore fino al completo assorbimento del latte.
Nel frattempo preparare la frolla impastando in modo omogeneo tutti gli ingredienti dopodiché porre in frigo.

Il giorno seguente:
Tenere la pasta frolla a temperatura ambiente fino a quando é possibile lavorarla.
Nel frattempo preparare il ripieno: frullare la crema di grano eliminando precedentemente le bucce del limone; aggiungere lo zucchero, la ricotta, i tuorli d'uovo, l'acqua ai fiori d'arancio, la vanillina, abbondante cannella e i canditi.
A parte montare gli albumi e successivamente aggiungerli al composto, evitando di smontarli.
A questo punto rivestire le tortiera alte 2,5/3 cm, imburrate ed infarinate, con la pasta frolla, riempire con la crema e creare, con le strisce di frolla, una griglia formando delle losanghe.
Cuocere a 180° per circa un'ora (deve risultare abbastanza colorita).









http://www.ariaincucina.com/2014/03/il-mio-nuovo-contest-con-wald-old.html


Commenti

  1. Che dolce la tua mamma! Ha delle manine d'avvero d'oro e il suo cuore è grande :-D
    Bellissima anche la tua pastiera..sarei proprio curiosa di assaggiarla ^_*
    Buona giornata e ancora tanti auguri <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, la mia mamma è speciale! ^_^
      Te ne invio una fettina tesorina!! Smack smack!

      Elimina
  2. grazie mille e w la mamma!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gnocchi di polenta con porri e speck gratinati al forno

Con queste giornate, all'insegna della pioggia e del freddo, la voglia di mettere il naso fuori di casa e' davvero poca, mentre quella di cucinare e soprattutto infornare è davvero tanta. Il ticchettio della pioggia scandisce i minuti e io, sempre presa dalla frenesia, riesco a rallentare. I gnocchi sono sempre stati un piatto classico della mia famiglia, quelli di patate con il pesto erano un must del weekend. Oggi, per la giornata nazionale degli gnocchi, propongo invece degli gnocchi inusuali, che strizzano l'occhio al riciclo e a ricette differenti. Io non amo la polenta. Quando in inverno tutti si esaltano di fronte a quella lava ustionante al mais, io mi stringo facendo spallucce e ripiego su una copertura infinita di sugo per coprire di gusto questa "farina" che non mi ha mai soddisfatta. Poi la ho riscoperta "riciclata", impastata con farina e uova per dargli nuova forma e gustarla come piace a me! Se, dopo averli prepa

Pollo thai con riso basmati e verdure

Ho sempre pensato che la cucina italiana avesse una marcia in più rispetto a tutte le altre. Anni e anni di tradizioni culinarie, studi e tecniche per creare un patrimonio che in molti ci invidiano. Libri antichissimi narrano già di tecniche che ora utilizziamo come innovative. Nonostante questa radicata convinzione però, da più grandicella ho scoperto cucine estere, esotiche e speziate e le ho adorate. Gusti nuovi, aromi e profumi di paesi lontani... Tradizioni, anche quelle, totalmente differenti dalle nostre. Abbinamenti e accostamenti diversi, ma ugualmente validi e studiati. E così, se in quei paesi ancora non sono realmente stata, in cucina posso viaggiare, pur restando nelle pareti di casa. Posso sbarcare in India, o volare in Giappone o in Cina. Ingredienti: 200 gr riso basmati un petto di pollo due cipollotti un broccolo due carote due zucchine un bicchiere di latte di soia salsa di soia prezzemolo zenzero buccia di lime peperoncino olio  sale e p

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma... Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero.  Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori. La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice. Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mel