Passa ai contenuti principali

Creme caramel e ti voglio bene Marta

Chi mi conosce sa quanto io adori i dolci al cucchiaio.. 
Affondare il cucchiaio nella perfetta cremosità, gustare quelle consistenze e contrasti che solo con un dolce al cucchiaio si riescono a creare é qualcosa di divino..!
Amo i dolci al cucchiaio e quando sono invitata a casa di qualcuno cerco sempre di prepararne uno.. a volte buttandomi su ricette innovative... a volte ritornando su grandi classici.. Come ieri...

Ieri sera io, fidanzato e i miei genitori eravamo invitati a casa della mia sorelluccia..
E ho voluto portarle un grande classico, il Crème Caramel, un dolce che non tramonta mai, come noi due e la nostra unione..
 
Credo di non aver mai parlato bene del legame che unisce me e Marta..

Io e mia sorella abbiamo sempre vissuto in simbiosi.. Fin da quando ero piccolina, lei, sorella maggiore di ben 5 anni e mezzo, mi chiedeva spesso "Vuoi venire con me?".
Non mi ha mai trattata come la sorellina "rompi" o "guastafeste", ma ha sempre curato e coltivato il rapporto che oggi ci lega..

Quando é andata a vivere da sola, a inizio anno, inizialmente non mi sono curata di ciò che stava realmente accadendo.. Il vero shock lo ho avuto qualche settimana fa.. Quando ho realizzato che era andata via.. Che aveva una casa che non era più "nostra", ma "sua".. Ci ho sofferto, ho avuto momenti di sconforto e mi sentivo persa.. 
Ho pensato che andando via, si sarebbe cancellato il nostro legame..
Ma poi ho capito.. Ho capito che ciò che ci lega non é unito dall'essere sotto lo stesso tetto.. Ma un filo invisibile ci unisce attraverso tempo e luoghi anche distanti.. Sempre e comunque.

Con questo post volevo dirti "Ti voglio bene Marta, sempre più sorelle per caso, amiche per scelta"

E dopo tutta questa dolcezza, la ricetta, scovata da un sito a me caro, quello di Misya.

Ingredienti:
500 ml di latte
4 uova
140 gr di zucchero
1 stecca di vaniglia
150 gr di zucchero
1 cucchiaio di acqua
Esecuzione:
 Fare sobbollire il latte insieme ad una stecca di vaniglia, poi togliere dal fuoco e lasciare in infusione per 30 minuti.
In una ciotola sbattere le uova con lo zucchero.
Poi filtrare il latte eliminando la bacca di vaniglia e versarlo nel composto di uova.
Mescolare bene il tutto.
Preparare il caramello facendo sciogliere lo zucchero con un cucchiaio d’acqua in un pentolino dal fondo spesso, finchè non diventi caramello(io l'ho fatto sciogliere direttamente all'interno dello stampo di alluminio).
Porre gli stampini dentro una teglia.
Versare il composto di uova sulla base di caramello. Aggiungere nella teglia dell’acqua bollente che copra gli stampini per la metà della loro altezza ed infornare a 160° per 50 minuti.
Lasciare raffreddare e porre in frigo per almeno 4 ore.
Ed eccolo:





Commenti

  1. Che bello questo post!! A me è accaduta una cosa simile quando mio fratello ha deciso di tornare a vivere negli USA...si è rotto qualcosa dentro di me e sono stata molto male. Poi, ho capito che lui era felice lì e che l'amore che ci lega non finirà mai!! Il tuo creme caramel è invitantissimo e sono sicura che tua sorella lo abbia apprezzato tanto!! A presto, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come hai ragione...! Il rapporto tra fratelli è qualcosa di speciale.. Solo noi riusciamo a capirne a fondo il significato...!
      Contenta che ti piaccia il mio creme caramel, è semplicissimo e gustoso! ;)

      Elimina
  2. Passo x un saluto veloce, sono rientrata da poco ma non potevo non passare a gustarmi questa delizia :-P Complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contenta del tuo ritorno cara, spero tu ti sia divertita e riposata! :)
      Un abbraccio

      Elimina
    2. Da me una piccola sorpresa sta aspettando...
      http://ibiscottidellazia.blogspot.it/2014/06/bruschette-alla-crema-di-caprino-e.html

      Elimina
  3. Vorrei anch'io affondare il cucchiaio in questo fantastico dolce!!!!
    Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ihihihi... Ti passo un cucchiaino carissima!!! :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…