Passa ai contenuti principali

Il pane per gli aperitivi? Pancarré morbido e sfogliato!


In un aperitivo che si rispetti non possono mancare i panini e i tramezzini vari farciti con salse, salumi e formaggi.
E nella nostra raccolta di ricette per l'aperitivo non può non esserci la ricetta di un pane, da sfogliare, farcire e gustare, nell'ora dell'happy hour!

La ricetta è, come sempre, frutto di studi e tecniche.
Ho voluto sperimentare il metodo tang zhong, letto tra le pagine di un blog amico, quello di Giochi di zucchero, secondo il quale, attraverso l'aggiunta di un roux a base di acqua (detto appunto water roux) il pane realizzato si mantiene soffice e morbido più a lungo.
Alla mia ricetta base del pancarrè ho voluto inoltre aggiungere una seconda tecnica, vista su questo blog, per ottenere un pane in cassetta che fosse anche molto bello da vedere: la pasta da pane viene stesa e sfogliata con il burro, prima di inserirla in modo ordinato nello stampo da plumcake.

Ne è uscito un pane, bello, molto scenografico nella sua semplicità.
E si conserva morbido per molto più tempo... Sempre se dura!

Ingredienti:
Per il water roux:
25 gr farina
125 gr acqua
Per il pane:
il roux raffreddato
250 gr farina 00 macinata a pietra
250 farina manitoba
200 gr latte tiepido
3 gr lievito di birra secco
10 gr zucchero
10 gr sale
50 gr burro

Esecuzione:
Per il Tang Zhong: versare in un pentolino la farina e l'acqua, mescolando per non formare grumi.
Mettere sul fuoco e portare alla temperatura di 65°(se non si ha a disposizione il termometro basta vedere quando il composto diventa traslucido, mostrando il fondo del pentolino quando si mescola).
Lasciare raffreddare coprendo con pellicola o mescolando di tanto in tanto per evitare che si formi la pellicola sulla superficie.

È possibile preparare il Tang Zhong e conservarlo in frigorifero fino a 3 giorni (quando diventa grigio è da buttare).

Nella planetaria versare le due farine , il sale e il burro.
A parte mescolare il lievito con lo zucchero e scioglierlo nel latte tiepido.
Versare i liquidi nelle farine e mescolare. Per ultimo aggiungere il roux.
Ne uscirà un impasto morbido e omogeneo.
Lasciare lievitare un'ora fino al raddoppio.
Stendere l'impasto su una spianatoia e spalmarlo con il burro su tutta la superficie.
Tagliare a quadrati regolari e disporli in uno stampo da pancarrè in posizione verticale.
Lasciare lievitare per due ore, spennellare con latte e infornare a 200° fino a che non sia dorato.





Ecco una delle ricette pervenute per Tritanoccioliamo: la carissima Afrodita partecipa con una ricetta perfetta per il periodo autunnale che sta iniziando a bussare alla nostra porta, delle bellissime e buonissime Tortine salate di zucca e noci  

Vi ricordo che per partecipare alla raccolta "Tritanoccioliamo all'ora dell'aperitivo!" è sufficiente inserire il banner nel vostro post e lasciare il link commentando a uno qualsiasi dei miei post relativi alla raccolta!

http://tritabiscotti.blogspot.it/2015/06/tritanoccioliamo-la-raccolta-per-lora.html

Commenti

  1. Questo pane è una meraviglia! Non conoscevo questa tecnica del water roux, e mi sembra assolutamente da provare!!!
    Grazie per aver aggiunto la mia ricetta alla vostra raccolta, un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felicissime della tua partecipazione!!!
      La tecnica del water roux é superlativa, anche noi ci siamo stupite della morbidezza del pane per così tanto tempo!

      Elimina
  2. Ha un aspetto delizioso e molto scenografico :-) Complimenti ragazze, appena rientro ho già pronta una ricettina da portare x il vostro aperitivo ^_* Adesso sono in partenza x le mia agoniate vacanze e ne approfitto x lasciarti il mio saluto, a presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesoro!
      Aspettiamo la tua ricetta, nel frattempo goditi le meritatissime vacanze!!! ^_^

      Elimina
  3. Quel metodo è fantastico anche per i preparati dolci!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…