Passa ai contenuti principali

Panini dolci con metodo Tang Zhong





I panini dolci da colazione sono sempre stati la mia passione.


Il pane, neutro nel suo sapore, si abbina in modo magnifico con creme, marmellate e farciture più varie.


Spesso però la fragranza della briochina appena sfornata perde le sue caratteristiche già il giorno successivo. 


Il metodo Tang Zhong, già sperimentato anni fa per la preparazione del pancarré, aggira questo problema, riuscendo a mantenere la sofficità iniziale per più giorni.


Il Tang Zhong è una miscela di farina e acqua in rapporto 1:5 (una parte di farina e 5 di acqua) che va portata alla temperatura di 65°C per ottenere una consistenza gelatinosa. Arrivando a questa temperatura, gli amidi si idratano, si gonfiano e trattengono umidità. Questo, in seguito, favorirà un miglioramento della lievitazione, un prodotto finale morbidissimo e che si conserverà più a lungo.


La ricetta di Recake di questo mese propone proprio questa tecnica per la preparazione di morbidissimi panini.


Io li ho farciti con marmellata homemade di limoni... Magnifici!


Ingredienti:


Per il water roux / Tang Zhong:
30 g di farina forte
150 ml di acqua


Per l’impasto:
200 g di farina forte
200 g di farina 00
5 g di lievito di birra in polvere
1/2 cucchiaino di sale
30 g di zucchero
15 g di latte in polvere o lecitina (opzionali)
1 uovo + un altro per spennellare
120 ml di latte
125 g di Tang Zhong
45 g di burro morbido


Per lucidare:
1 cucchiaino di golden syrup (o miele leggero o sciroppo di glucosio + 3 cucchiai di latte)


Per la marmellata:
1Kg di limoni non trattati
1Kg di zucchero semolato


Esecuzione:

Per la marmellata:
Lavare i limoni sotto l’acqua spazzolando bene la buccia, asciugarli e tagliarli a fette sottili, senza sbucciarli, eliminando tutti i semini. 
Mettere a bagno le fettine in una capiente ciotola piena di acqua per 24 ore. Scolare i limoni e fare bollire l’acqua di ammollo per alcuni minuti,quindi spegnere il fuoco, tuffarvi le fette coprirle e lasciarle macerare per altre 24 ore. 
Portare a bollore 1/2 litro d’acqua e cuocervi le fette di limone scolate, per 20’, quindi unire lo zucchero e proseguite la cottura finché la marmellata assumerà la tipica consistenza gelatinosa.

Invasare in vasi di vetro sterilizzati, chiuderli ermeticamente e tenerli capovolti fino a raffreddamento.


Per il water roux / Tang Zhong:
Mettere la farina necessaria al water roux in una casseruola, versare l’acqua a filo e mescolare con una frusta. Cuocere su fuoco basso e sempre mescolando portate a 65°. Si deve ottenere una specie di gelatina. In mancanza di termometro, spegnere prima che raggiunga il bollore(quando il composto sarà lucido e gelatinoso). Mettere il Tang Zhong in una ciotola, coprirla con pellicola a contatto e metterla in frigo o in freezer.

Per l’impasto:
Nella ciotola della planetaria mettere le due farine, il lievito, il sale, lo zucchero, il latte in polvere, l’uovo e il water roux. Azionare la planetaria al minimo e iniziare ad aggiungere il latte gradualmente. 
Quando inizia a formarsi l’impasto, aggiungere pian piano il burro e lavorare il tutto per una decina di minuti finché l'impasto non sarà bello lucido. 
Fare ora la prova del velo: l’impasto sarà ben incordato quando, se steso e tirato con le dita, formerà un velo trasparente senza rompersi.
Mettere l’impasto in una ciotola leggermente unta, coprire e lasciare lievitare finché non sarà raddoppiato di volume (saranno necessarie un paio d’ore). Riprendere l’impasto, sgonfiarlo e dividerlo in 12 pezzi. Ricavare da ciascun pezzo delle palline e lasciarle riposare per 10 minuti.
Appiattire l’impasto fino a ottenere dei dischetti e mettere su ciascuno un cucchiaino colmo di marmellata.
Richiudere i panini, sigillare bene i bordi facendo attenzione a non far fuoriuscire la marmellata, mettendo la chiusura sotto. Poggiarli su una placca da forno e fare lievitare fino al raddoppio (ci vorrà un’oretta). Spennellare i panini con l’uovo.
Mettere un pochino di marmellata sulla sommità dei panini.
Mettere un contenitore pieno di acqua nel forno e preriscaldarlo. Cuocere i panini a 180°C per 15 minuti o finché non siano dorati. Sfornare i panini, lucidarli con la glassa mentre sono ancora caldi e farli raffreddare su una gratella.


I panini, anche grazie allo Tang Zhong, si conservano tranquillamente per un paio di giorni, se ben chiusi in un sacchetto. Per renderli come appena sfornati, passarli 10 secondi al microonde. 





Con questa ricetta partecipo al Recake di Ottobre:

Commenti

  1. Bellissimi questi panini!
    Non ho ancora mai provato il metodo Tang Zhong, sebbene ne abbia già sentito parlare. Dovrò decidermi prima o poi perché la consistenza del prodotto finale mi incuriosisce molto.
    A presto

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gnocchi di polenta con porri e speck gratinati al forno

Con queste giornate, all'insegna della pioggia e del freddo, la voglia di mettere il naso fuori di casa e' davvero poca, mentre quella di cucinare e soprattutto infornare è davvero tanta. Il ticchettio della pioggia scandisce i minuti e io, sempre presa dalla frenesia, riesco a rallentare. I gnocchi sono sempre stati un piatto classico della mia famiglia, quelli di patate con il pesto erano un must del weekend. Oggi, per la giornata nazionale degli gnocchi, propongo invece degli gnocchi inusuali, che strizzano l'occhio al riciclo e a ricette differenti. Io non amo la polenta. Quando in inverno tutti si esaltano di fronte a quella lava ustionante al mais, io mi stringo facendo spallucce e ripiego su una copertura infinita di sugo per coprire di gusto questa "farina" che non mi ha mai soddisfatta. Poi la ho riscoperta "riciclata", impastata con farina e uova per dargli nuova forma e gustarla come piace a me! Se, dopo averli prepa

Casatiello di Antonino Canavacciuolo

Oggi, 25 Aprile, continuiamo a festeggiare attraverso i piatti di grandi chef. Questa volta è Marta che ha spinto verso questa ricetta e devo dire che i commensali hanno apprezzato, contendendosi il piatto fino all'ultima fetta. Di cosa parlo? Del casatiello. Questa ricetta non fa parte della tradizione ligure, ma dato che da alcuni anni spicca sulla nostra tavola la sua parente dolce, la pastiera, quest'anno ci siamo anche cimentate in questo golosissimo lievitato salato, con la ricetta di un grande, in tutti i sensi, chef: Antonino Canavacciuolo. Lo adoro, simpatico, alla mano e allo stesso tempo dolcissimo. Questa ricetta è davvero da provare, l'impasto risulta morbido, soffice e saporito. Perfetto per un pic-nic su un prato o da gustare come antipasto di un ricco pranzo.  Le uova sarebbero decorative, ma noi abbiamo preferito bollirle e inserirle direttamente nell'impasto, arricchendo ancor di più la farcitura. Ingredienti: 600 gr di farina 00

Pollo thai con riso basmati e verdure

Ho sempre pensato che la cucina italiana avesse una marcia in più rispetto a tutte le altre. Anni e anni di tradizioni culinarie, studi e tecniche per creare un patrimonio che in molti ci invidiano. Libri antichissimi narrano già di tecniche che ora utilizziamo come innovative. Nonostante questa radicata convinzione però, da più grandicella ho scoperto cucine estere, esotiche e speziate e le ho adorate. Gusti nuovi, aromi e profumi di paesi lontani... Tradizioni, anche quelle, totalmente differenti dalle nostre. Abbinamenti e accostamenti diversi, ma ugualmente validi e studiati. E così, se in quei paesi ancora non sono realmente stata, in cucina posso viaggiare, pur restando nelle pareti di casa. Posso sbarcare in India, o volare in Giappone o in Cina. Ingredienti: 200 gr riso basmati un petto di pollo due cipollotti un broccolo due carote due zucchine un bicchiere di latte di soia salsa di soia prezzemolo zenzero buccia di lime peperoncino olio  sale e p