Passa ai contenuti principali

Sarde a beccafico

Io e mia sorella, sempre noi, sempre gli opposti..
Io, adoro il pesce in ogni modo;
lei, appassionata di verdure all'inverosimile...
Siamo diverse, é vero, ma ci completiamo anche in questo caso..
Difficile farle mangiare del semplice pesce al forno, ma ci sono ricette che, come dice il proverbio, con l'eccezione fanno la regola.
E questo piatto é uno di quelli, una delle ricette di mia nonna, siciliana DOC: Le Sarde a Beccafico.
Questa pietanza, come anche arancini o cannoli, vede varie versioni a seconda della zona in cui ci si trova; la versione catanese infatti vede la sostituzione di metà pangrattato con parmigiano e pecorino. 
Quella che vi proponiamo noi é la versione palermitana, poiché questa é l'origine dei nostri nonni.

Ingredienti:
1,5 Kg di sarde pulite e aperte a libro
2 pugni di uvetta passolina (di Corinto, é piccina piccina)
una manciata di pinoli tritati grossolanamente
un spicchio d'aglio
due ciuffetti di prezzemolo
12 cucchiai di pane grattuggiato
olio q.b.
succo di due limoni, 4 cucchiai di olio e 1 di zucchero per la bagna.

Esecuzione:
Se avete un ottimo pescivendolo di fiducia chiedere se può fare lui il terribile lavoro di pulire e aprire a libro le vostre sarde... Il mio, dopo avermi "insultata" ( povero :) ) me ne ha pulite ben un chilo e mezzo...! 
A parte preparare il ripieno amalgamando tutti gli ingredienti:
aglio e prezzemolo tritati,
pinoli spezzettati,
pane,
uvetta di Corinto,
olio q.b. per ottenere un impasto farinoso(non deve essere compatto ma comunque sbriciolarsi e restare disgregato,
due pizzichi di sale. Prepararsi da parte alloro e cipolla a pezzi da alternare alle sarde nella teglia.
Disporre il composto al centro di ciascuna sarda, arrotolarla dalla testa alla coda e disporla nella teglia alternandola a alloro e cipolla.




Ed ecco il mio quadro preferito!


Se vi avanza del ripieno, meglio! 
Disporre il ripieno avanzato sopra le sarde e irrorarlo con la bagna di limone olio e zucchero.
 Cuocere a 200° per 20 minuti(non di più, le sarde sono piccine, se no si asciugheranno troppo!)

Ed ecco il risultato finale:





Si posso mangiare calde, buonissime; ma anche tiepide, il giorno dopo, sono ancora divine!! 


Con questa ricetta partecipo al contest della Kucina di Kiara in collaborazione con Magnaitalia
http://kucinadikiara.blogspot.it/2014/03/il-mio-nuovo-contest-ricette-regionali.html

http://4.bp.blogspot.com/-mcL-uufSkfo/UyWwbUvH1MI/AAAAAAAAD4U/6kkhM1ia_k4/s1600/logo+magna+italia.jpg









Commenti

  1. Io me li gusto sempre almeno con gli occhi questi bei piatti di pesce... mio marito mangia qualsiasi cosa, tranne pesce :-( ed è difficile che lo cucini per me da sola! Complimenti, anche al gran pescivendolo paziente che hai!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  2. Grazie cara! Sono contenta ti piaccia! :)
    Hai ragione, santo pescivendolo!!!! ;)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Ciao come fai a mettere il logo di protezione alle foto? vorrei farlo anch io :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!! È un programmino apposta per marcare le immagini! Ne trovi parecchi free download su internet!

      Elimina
  4. Ciao cara! Grazie per aver partecipato al contest con questa magnifica ricetta! Ne avevo sempre sentito parlare ma non avevo idea di come si preparassero! Un bacione e in bocca al lupo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…