Passa ai contenuti principali

Sarde a beccafico

Io e mia sorella, sempre noi, sempre gli opposti..
Io, adoro il pesce in ogni modo;
lei, appassionata di verdure all'inverosimile...
Siamo diverse, é vero, ma ci completiamo anche in questo caso..
Difficile farle mangiare del semplice pesce al forno, ma ci sono ricette che, come dice il proverbio, con l'eccezione fanno la regola.
E questo piatto é uno di quelli, una delle ricette di mia nonna, siciliana DOC: Le Sarde a Beccafico.
Questa pietanza, come anche arancini o cannoli, vede varie versioni a seconda della zona in cui ci si trova; la versione catanese infatti vede la sostituzione di metà pangrattato con parmigiano e pecorino. 
Quella che vi proponiamo noi é la versione palermitana, poiché questa é l'origine dei nostri nonni.

Ingredienti:
1,5 Kg di sarde pulite e aperte a libro
2 pugni di uvetta passolina (di Corinto, é piccina piccina)
una manciata di pinoli tritati grossolanamente
un spicchio d'aglio
due ciuffetti di prezzemolo
12 cucchiai di pane grattuggiato
olio q.b.
succo di due limoni, 4 cucchiai di olio e 1 di zucchero per la bagna.

Esecuzione:
Se avete un ottimo pescivendolo di fiducia chiedere se può fare lui il terribile lavoro di pulire e aprire a libro le vostre sarde... Il mio, dopo avermi "insultata" ( povero :) ) me ne ha pulite ben un chilo e mezzo...! 
A parte preparare il ripieno amalgamando tutti gli ingredienti:
aglio e prezzemolo tritati,
pinoli spezzettati,
pane,
uvetta di Corinto,
olio q.b. per ottenere un impasto farinoso(non deve essere compatto ma comunque sbriciolarsi e restare disgregato,
due pizzichi di sale. Prepararsi da parte alloro e cipolla a pezzi da alternare alle sarde nella teglia.
Disporre il composto al centro di ciascuna sarda, arrotolarla dalla testa alla coda e disporla nella teglia alternandola a alloro e cipolla.




Ed ecco il mio quadro preferito!


Se vi avanza del ripieno, meglio! 
Disporre il ripieno avanzato sopra le sarde e irrorarlo con la bagna di limone olio e zucchero.
 Cuocere a 200° per 20 minuti(non di più, le sarde sono piccine, se no si asciugheranno troppo!)

Ed ecco il risultato finale:





Si posso mangiare calde, buonissime; ma anche tiepide, il giorno dopo, sono ancora divine!! 


Con questa ricetta partecipo al contest della Kucina di Kiara in collaborazione con Magnaitalia
http://kucinadikiara.blogspot.it/2014/03/il-mio-nuovo-contest-ricette-regionali.html

http://4.bp.blogspot.com/-mcL-uufSkfo/UyWwbUvH1MI/AAAAAAAAD4U/6kkhM1ia_k4/s1600/logo+magna+italia.jpg









Commenti

  1. Io me li gusto sempre almeno con gli occhi questi bei piatti di pesce... mio marito mangia qualsiasi cosa, tranne pesce :-( ed è difficile che lo cucini per me da sola! Complimenti, anche al gran pescivendolo paziente che hai!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  2. Grazie cara! Sono contenta ti piaccia! :)
    Hai ragione, santo pescivendolo!!!! ;)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Ciao come fai a mettere il logo di protezione alle foto? vorrei farlo anch io :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!! È un programmino apposta per marcare le immagini! Ne trovi parecchi free download su internet!

      Elimina
  4. Ciao cara! Grazie per aver partecipato al contest con questa magnifica ricetta! Ne avevo sempre sentito parlare ma non avevo idea di come si preparassero! Un bacione e in bocca al lupo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Pasta Piselli & Pancetta

D'estate, soprattutto a inizio settimana, dopo un weekend di mare e spiaggia, con pranzi veloci, al sacco, per godersi ogni minuto di sole, mi piace tornare in cucina e cucinare qualcosa di più ricercato e particolare. E se gli ingredienti sono freschi, come i pisellini che ho trovato oggi al mercato, e buoni, come la pancetta con cui ho deciso di accompagnarli, il risultato è garantito. Cottura veloce, per mantenere colori e sapori, e poco altro, giusto uno splendido sole a scaldarci durante il pranzo.
Ingredienti: 250 gr cravattine 200 gr pisellini sgusciati 5 fettine di pancetta piacentina La Rocca 1 cipolla olio extravergine di oliva pepe e sale q.b.
Esecuzione: In una padella antiaderente, con poco olio, soffriggere la pancetta fino a farla diventare croccante. Togliere la pancetta e tenere in caldo. Nella stessa padella aggiungere la cipolla tritata e farla insaporire, soffriggendola dolcemente. Aggiungere i pisellini e far cuocere 5-10 minuti, fino a che essi non risultino teneri. Salare …