Passa ai contenuti principali

Aria di Natale e Bretzel con lievito madre

Siamo a Dicembre.. 
Dicembre sa di Natale, regali, addobbi, biscotti speziati ed altre ghiottonerie.
Per il momento manca quel freddo pungente, quel vento che ti punzecchia la faccia come fossero spilli, ma Dicembre é sempre Dicembre..
In Trentino, Valle d'Aosta e altre regioni (anche Genova e la Liguria ne hanno di carini) sono già stati allestiti i tipici mercatini, carichi di prodotti fatti a mano, culinari e non.

In automatico mi sono venuti in mente i miei mercatini preferiti: Bolzano, Bressanone, Vipiteno e Merano, solo per citarne alcuni.. Ma anche Innsbruck, Graz, Salisburgo e Monaco..
I mercatini di Natale trentini e austro-tedeschi sono per me i più affascinanti in assoluto.. 
Sanno di festa, di Natale, di neve e di Santa Claus!
E assieme a tutto questo mi vengono in mente i giga-bretzel, che vengono preparati solo in questo periodo dell'anno, extra-large dolci o salati, con cioccolato o farciti di speck!

Ho voluto allora sperimentarne la preparazione, con la mia piccola animaletta domestica!
La bollitura vera é quella fatta con la soda caustica, ma essendo io un po' timorosa, ho optato per quella a base di bicarbonato ed il risultato é stato comunque ottimo!

Ingredienti:
550 gr farina 00
250 gr pasta madre rinfrescata al massimo il giorno prima
250 gr acqua
40 gr burro
2 pizzichi abbondanti di sale
1 cucchiaino di miele  

Per la bollitura:
1 L acqua
8 cucchiaini di bicarbonato
2 cucchiaini di sale

Esecuzione:
Sciogliere la pasta madre con l'acqua e il miele.
Impastare aggiungendo la farina, il burro a pezzettini e per ultimo il sale.
Lasciare lievitare per 6 ore in una ciotola unta di olio e coperta da pellicola trasparente.
Trascorso questo tempo formare dei cordoncini della pezzatura di 150 gr circa e dare la classica forma a bretzel.
Lasciare lievitare altre due ore al caldo, coperti.
Procedere ora con la bollitura: tuffare in acqua e bicarbonato salata un bretzel alla volta rigirandolo su se stesso più volte, dopo un minuto scolarlo e metterlo su una teglia coperta di carta da forno.
Cospargere con sale grosso, sesamo o semi di papavero.
Infornare in forno caldo a 200° per una ventina di minuti.



Commenti

  1. E' una ricetta proprio buona! Brava!
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! Sono contenta che abbia incontrato i tuoi gusti!
      ^_^

      Elimina
  2. Chissà che meraviglia quei mercatini..io non ci sono mai stata U.U
    Mi consolo con questi bellissimi e golosissimi bretzel :-)
    Complimenti e felice serata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono bellissimi i mercatini!! Bisogna che una volta tu ci vada!!
      Grazie tesoro e buona giornata!
      Smack

      Elimina
  3. Buongiorno cara :) questa ricetta è speciale...bellissima davvero...si respira una deliziosa aria natalizia qui da te...
    Ti abbraccio!
    Ila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!
      Da oggi il blog si veste a festa con ricette ad hoc per questo mese! ;)
      Un abbraccione!
      Smack

      Elimina
  4. amo follemente il natale...
    quando poi porta a ricette come queste, figurati tu!

    RispondiElimina
  5. Ciao Bianca! Che bella ricetta...sono stupendi...eh sì, sento odore di Natale anch'io. Ti stringo...A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro il Natale.. Mi riempie il cuore e mi fa stare bene.. Solo al pensiero! ^_^
      Un abbracciotto

      Elimina
  6. Il Natale mi mette un po' di tristezza....
    Bella la tua ricettina anche per preparare qualche pensierino!!!
    Buon week end lungo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, mia cara, perché tristezza? Tutte le lucine!!! ;)
      Un abbraccio e buon w.e. lungo anche a te!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Gateau di patate con colatura di alici e la "sua" semifinale!

Eh si, la sua semifinale. Perchè io non ci sono potuta essere, perchè io ho atteso il responso da km di distanza.. Ma la mia sorellina è tornata trionfatrice. Il 16 Giugno si è svolta presso la Chef Academy di Terni la semifinale di Risate e Risotti.

Io e Marta partecipiamo a questo contest da anni, inizialmente non classificate e poi, a partire da 3 anni fa, ci sfidiamo colpi di riso e padella sul tema dei risotti. L'organizzatore, Luca, ormai è un grande amico e il suo format funziona alla grande, unendo il duplice significato della parola riso: un primo piatto delizioso e uno splendido verbo che dona felicità. Marta in questo è nel suo, credo potrebbe far risotti ogni giorno e ha sempre un magnifico sorriso stampato sulle labbra. Così, quando è arrivata la notizia della semifinale e io ho appreso di non poterci essere, ero comunque tranquilla. Quella agitata era lei. Soprattutto quando ha aperto la mistery box: camomilla, gelatina in fogli, purea e polvere di lamponi, uovo e zenzero. Ing…