Passa ai contenuti principali

Waffles o Gaufres?

I Waffles, all'americana, o Gaufres, alla belga, sono piccole cialde semidolci, preparate con l'apposita piastra con il tipico reticolo a nido d'ape.

Io li ho scoperti durante un viaggio in Belgio, li ho adorati a Londra, e li ho portati a casa, grazie alla piastra regalata dalla dolce metà.

I gaufres però, questo va sottolineato, non sono tutti uguali e questo l'ho scoperto, documentandomi proprio su questa ricetta per partecipare al tema del mese dell'MTChallenge di Novembre.
Le Gaufres di Bruxelles sono meno dolci e spesso si accompagnano a panna o gelato, sono di forma regolare, perfettamente rettangolare.
Quelle di Liegi sono più dolci e vengono mangiate al naturale; hanno un aspetto meno delineato, più a nido d'ape.
I Waffles statunitensi invece sono più bassi e meno soffici delle Gaufres e si accompagnano con sciroppo d'acero, marmellate, frutta, cioccolata, ecc.e la loro forma torna a essere regolare.
Si dice siano stati i padri pellegrini, partendo dall'Olanda, a portarsi dietro griglia e ricetta, talmente rimasero estasiati dal gusto di questo dolce.
L'origine però sembra essere ancora più antica: già nell'antica Grecia si ha traccia di queste cialde ed ancora le ritroviamo nel Medioevo.
Una ricetta antica quindi, per il dolce più moderno e famoso.
Anche qui in Italia le ritroviamo, sotto altri nomi:
le Ferratelle d'Abruzzo o del Molise, dolci, e i Goufri, originari del Piemonte, nati per essere utilizzati al posto del pane, quindi salate, ma che poi deviarono verso un abbinamento anche con prodotti dolci.

E in questo periodo natalizio, trovo siano splendide da mangiare davanti a un té con le amiche, assieme a un gelato a fine cena o come comfort food davanti a un bel film.

PS: Necessaria per questa preparazione é la piastra. Si può però trovare facilmente nei negozi di elettrodomestici e di cose per la casa.

La ricetta é quella trovata nel libricino associato alla piastra waffles;, ho però sostituito il bicarbonato con lievito per dolci ed unito le uova intere anziché separare i tuorli dagli albumi.

Waffles (per 16 Waffles)

Ingredienti:
500ml latte

500 ml farina (350 gr farina)

2 uova

1 cucchiaino di lievito per dolci

1/4 di cucchiaino di sale

2 cucchiai di zucchero

85 ml burro fuso



Esecuzione:

mescolare gli ingredienti solidi da una parte e i liquidi dall'altra; unire i liquidi ai solidi e mescolare velocemente, l'impasto sarà relativamente liquido.

Cuocere nella piastra da waffles.





Commenti

  1. buooooooone!!!! pensa che ho regalato l'anno scorso a mio fratello la piastra per farle perché lui ne è particolarmente ghiotto... e non l'ha mai usata!!! Adesso me la faccio ridare... ;) bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riprenditela, o costringi tuo fratello a prepararle! Io le adoro, al mattino con lo sciroppo d'acero, al pomeriggio con tè e marmellata, alla sera con il gelato! ;)
      Baci cara!

      Elimina
  2. Che golose e che bellissime foto..complimenti!

    RispondiElimina
  3. Bellissime.... promettimi che prima o poi me le prepari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prometto!! Le gusteremo con un sacco di cremine dolci e super caloriche sopra... Anzi, con la tua super crema alla nocciola.. Sai che bello?!? ^_^

      Elimina
  4. che belli! Anche io ne vado matta!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono buonissimi! Sono felice di aver incontrato i tuoi gusti cara! ;)
      Un abbraccio

      Elimina
  5. Che meraviglia e le foto splendide... Complimenti!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Golosi!!!!! Bravissima!!!
    Ne approfitto per farti gli auguri di Buon Natale!!!
    A prestissimo!!!
    Un bacio..

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…