Passa ai contenuti principali

Waffles o Gaufres?

I Waffles, all'americana, o Gaufres, alla belga, sono piccole cialde semidolci, preparate con l'apposita piastra con il tipico reticolo a nido d'ape.

Io li ho scoperti durante un viaggio in Belgio, li ho adorati a Londra, e li ho portati a casa, grazie alla piastra regalata dalla dolce metà.

I gaufres però, questo va sottolineato, non sono tutti uguali e questo l'ho scoperto, documentandomi proprio su questa ricetta per partecipare al tema del mese dell'MTChallenge di Novembre.
Le Gaufres di Bruxelles sono meno dolci e spesso si accompagnano a panna o gelato, sono di forma regolare, perfettamente rettangolare.
Quelle di Liegi sono più dolci e vengono mangiate al naturale; hanno un aspetto meno delineato, più a nido d'ape.
I Waffles statunitensi invece sono più bassi e meno soffici delle Gaufres e si accompagnano con sciroppo d'acero, marmellate, frutta, cioccolata, ecc.e la loro forma torna a essere regolare.
Si dice siano stati i padri pellegrini, partendo dall'Olanda, a portarsi dietro griglia e ricetta, talmente rimasero estasiati dal gusto di questo dolce.
L'origine però sembra essere ancora più antica: già nell'antica Grecia si ha traccia di queste cialde ed ancora le ritroviamo nel Medioevo.
Una ricetta antica quindi, per il dolce più moderno e famoso.
Anche qui in Italia le ritroviamo, sotto altri nomi:
le Ferratelle d'Abruzzo o del Molise, dolci, e i Goufri, originari del Piemonte, nati per essere utilizzati al posto del pane, quindi salate, ma che poi deviarono verso un abbinamento anche con prodotti dolci.

E in questo periodo natalizio, trovo siano splendide da mangiare davanti a un té con le amiche, assieme a un gelato a fine cena o come comfort food davanti a un bel film.

PS: Necessaria per questa preparazione é la piastra. Si può però trovare facilmente nei negozi di elettrodomestici e di cose per la casa.

La ricetta é quella trovata nel libricino associato alla piastra waffles;, ho però sostituito il bicarbonato con lievito per dolci ed unito le uova intere anziché separare i tuorli dagli albumi.

Waffles (per 16 Waffles)

Ingredienti:
500ml latte

500 ml farina (350 gr farina)

2 uova

1 cucchiaino di lievito per dolci

1/4 di cucchiaino di sale

2 cucchiai di zucchero

85 ml burro fuso



Esecuzione:

mescolare gli ingredienti solidi da una parte e i liquidi dall'altra; unire i liquidi ai solidi e mescolare velocemente, l'impasto sarà relativamente liquido.

Cuocere nella piastra da waffles.





Commenti

  1. buooooooone!!!! pensa che ho regalato l'anno scorso a mio fratello la piastra per farle perché lui ne è particolarmente ghiotto... e non l'ha mai usata!!! Adesso me la faccio ridare... ;) bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riprenditela, o costringi tuo fratello a prepararle! Io le adoro, al mattino con lo sciroppo d'acero, al pomeriggio con tè e marmellata, alla sera con il gelato! ;)
      Baci cara!

      Elimina
  2. Che golose e che bellissime foto..complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro! Sono contenta ti piacciano! :D

      Elimina
  3. Bellissime.... promettimi che prima o poi me le prepari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prometto!! Le gusteremo con un sacco di cremine dolci e super caloriche sopra... Anzi, con la tua super crema alla nocciola.. Sai che bello?!? ^_^

      Elimina
  4. che belli! Anche io ne vado matta!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono buonissimi! Sono felice di aver incontrato i tuoi gusti cara! ;)
      Un abbraccio

      Elimina
  5. Che meraviglia e le foto splendide... Complimenti!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Golosi!!!!! Bravissima!!!
    Ne approfitto per farti gli auguri di Buon Natale!!!
    A prestissimo!!!
    Un bacio..

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…