Passa ai contenuti principali

Buona Pasqua con la colomba con lievito madre di Sal de riso


Buona Pasqua.
Sperando che per tutti questo sia un giorno di felicità, spensieratezza e risate.

Noi, nonostante il detto Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi, siamo solite passarlo in famiglia.
Una famiglia allargata, però.
Fatta sì dai genitori, nonni e fidanzati.. Ma anche da quelli amici che sono consolidati, che si "tramandano" da generazioni.
Quegli amici che non sono nemmeno amici, ormai sono come fratelli e sorelle.

E' con loro che ti confidi, con loro che senti il bisogno di trascorrere le festività, i sabati sera e i "ponti" improvvisati per una breve vacanza.

Buona Pasqua, a tutti.

La colomba che ho realizzato per queste festività è una ricetta proveniente da un pasticcere molto famoso: Sal de Riso.
L'anno scorso l'avevo preparata ma non avendo i ferri da maglia, non avevo potuto evitare l'affossamento al centro.
Quest'anno ho ritentato e, se anche la lievitazione non è stata come quella dell'anno scorso, il gusto di questa colomba è talmente perfetto che resterà la preferita, ogni anno.
La ricetta è ricavabile da molteplici siti, io vi riporto la mia, con l'unica variante di aver messo come canditi sia arancia che cedro.

Io ho fatto un terzo della dose indicata, ottenendo una colomba da 750gr e una piccola stellina per l'assaggio.

Ingredienti:
 I° Impasto:
200 g lievito madre
600 g farina 00
200 g zucchero
200 g acqua
250 g burro
50 g tuorlo

II° impasto:
150 g farina manitoba
380 g tuorlo
50 g miele (da me omesso)
150 g zucchero al velo (io semolato)
250 g burro
16 g sale
30 g acqua
1 cucchiaino di estratto di vaniglia Bourbon
750 g cubetti di arance (io arancia e cedro)
1 arancia grattugiata 

Per la glassa:
2 albumi
70 gr farina mandorle
70 gr zucchero a velo
granella di zucchero e mandorle a piacere


Esecuzione:
I° impasto:
Nell'impastatrice inserire l'acqua, il lievito naturale, lo zucchero. 
Far sciogliere con la frusta K la pasta madre, in questo modo si amalgamerà perfettamente, senza compromettere la lievitazione.
 Aggiungere la farina. 
Dopo circa 10 minuti, iniziamo a inserire i tuorli d'uovo.
Una volta che questi sono stati assorbiti, aggiungere il burro a più riprese.
L'impasto va lavorato finchè non inizierà ad attorcigliarsi al gancio: questa operazione è quella che viene chiamata incordatura dell'impasto.
 Quando la pasta è pronta, tirarla fuori dalla macchina e lavorarla un po' a mano. Mettere la pasta nella bacinella di metallo e sigillare con la pellicola trasparente.
Lasciare lievitare per 12-13 ore a 28°C. Dopo rimettere la pasta in macchina e procedere per il II° impasto.  
II° impasto:
 Aggiungere lo zucchero a velo alla pasta e subito dopo la farina. 
Aggiungere il tuorlo, il burro morbido, ed infine il miele. Aggiungere l'acqua con il sale disciolto dentro e lasciare impastare per 50 minuti. 
Una volta che l'impasto è ben incordato terminare con la componente aromatica: vaniglia, arancia grattuggiata e infine i cubetti d'arancio e cedro canditi. 
Dividere l'impasto nelle pezzature desiderate e iniziare la pillatura, due a distanza di un'ora ciascuna. 
Lasciare riposare i pezzi.
Dopo un'ora tagliare la pasta: le ali e poi il corpo della colomba. 
Lasciare lievitare la colomba per 6/7 ore a una temperatura di circa 28°C. 
Preparare in una boule la glassa: mescolare gli albumi con la farina e lo zucchero a velo.
Disporre sulle colombe.
Decorare infine con mandorle e granella di zucchero.
Infornare a 170°C per circa 45/50 minuti. 
Subito dopo l'uscita dal forno, infilzare con dei ferri da lana e mettere a testa in giù.





Commenti

  1. Anch'io amo passare le feste in famiglia :-) e con questa colomba sono certa che avrete fatto una gran festa ^_*
    Buona Pasqua <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…