Passa ai contenuti principali

Buona Pasqua con la colomba con lievito madre di Sal de riso


Buona Pasqua.
Sperando che per tutti questo sia un giorno di felicità, spensieratezza e risate.

Noi, nonostante il detto Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi, siamo solite passarlo in famiglia.
Una famiglia allargata, però.
Fatta sì dai genitori, nonni e fidanzati.. Ma anche da quelli amici che sono consolidati, che si "tramandano" da generazioni.
Quegli amici che non sono nemmeno amici, ormai sono come fratelli e sorelle.

E' con loro che ti confidi, con loro che senti il bisogno di trascorrere le festività, i sabati sera e i "ponti" improvvisati per una breve vacanza.

Buona Pasqua, a tutti.

La colomba che ho realizzato per queste festività è una ricetta proveniente da un pasticcere molto famoso: Sal de Riso.
L'anno scorso l'avevo preparata ma non avendo i ferri da maglia, non avevo potuto evitare l'affossamento al centro.
Quest'anno ho ritentato e, se anche la lievitazione non è stata come quella dell'anno scorso, il gusto di questa colomba è talmente perfetto che resterà la preferita, ogni anno.
La ricetta è ricavabile da molteplici siti, io vi riporto la mia, con l'unica variante di aver messo come canditi sia arancia che cedro.

Io ho fatto un terzo della dose indicata, ottenendo una colomba da 750gr e una piccola stellina per l'assaggio.

Ingredienti:
 I° Impasto:
200 g lievito madre
600 g farina 00
200 g zucchero
200 g acqua
250 g burro
50 g tuorlo

II° impasto:
150 g farina manitoba
380 g tuorlo
50 g miele (da me omesso)
150 g zucchero al velo (io semolato)
250 g burro
16 g sale
30 g acqua
1 cucchiaino di estratto di vaniglia Bourbon
750 g cubetti di arance (io arancia e cedro)
1 arancia grattugiata 

Per la glassa:
2 albumi
70 gr farina mandorle
70 gr zucchero a velo
granella di zucchero e mandorle a piacere


Esecuzione:
I° impasto:
Nell'impastatrice inserire l'acqua, il lievito naturale, lo zucchero. 
Far sciogliere con la frusta K la pasta madre, in questo modo si amalgamerà perfettamente, senza compromettere la lievitazione.
 Aggiungere la farina. 
Dopo circa 10 minuti, iniziamo a inserire i tuorli d'uovo.
Una volta che questi sono stati assorbiti, aggiungere il burro a più riprese.
L'impasto va lavorato finchè non inizierà ad attorcigliarsi al gancio: questa operazione è quella che viene chiamata incordatura dell'impasto.
 Quando la pasta è pronta, tirarla fuori dalla macchina e lavorarla un po' a mano. Mettere la pasta nella bacinella di metallo e sigillare con la pellicola trasparente.
Lasciare lievitare per 12-13 ore a 28°C. Dopo rimettere la pasta in macchina e procedere per il II° impasto.  
II° impasto:
 Aggiungere lo zucchero a velo alla pasta e subito dopo la farina. 
Aggiungere il tuorlo, il burro morbido, ed infine il miele. Aggiungere l'acqua con il sale disciolto dentro e lasciare impastare per 50 minuti. 
Una volta che l'impasto è ben incordato terminare con la componente aromatica: vaniglia, arancia grattuggiata e infine i cubetti d'arancio e cedro canditi. 
Dividere l'impasto nelle pezzature desiderate e iniziare la pillatura, due a distanza di un'ora ciascuna. 
Lasciare riposare i pezzi.
Dopo un'ora tagliare la pasta: le ali e poi il corpo della colomba. 
Lasciare lievitare la colomba per 6/7 ore a una temperatura di circa 28°C. 
Preparare in una boule la glassa: mescolare gli albumi con la farina e lo zucchero a velo.
Disporre sulle colombe.
Decorare infine con mandorle e granella di zucchero.
Infornare a 170°C per circa 45/50 minuti. 
Subito dopo l'uscita dal forno, infilzare con dei ferri da lana e mettere a testa in giù.





Commenti

  1. Anch'io amo passare le feste in famiglia :-) e con questa colomba sono certa che avrete fatto una gran festa ^_*
    Buona Pasqua <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…