Passa ai contenuti principali

Banana Cheesecake al burro di arachide e gelatina al caramello


Seconda proposta per la sfida di questo mese dell'MTChallenge.

E qui la colpa è tutta della Dani, con la sua infografica.

Io la propongo alla dolce metà, così, per gioco. Lui sceglie e io mi illumino: "Te la faccio per il tuo compleanno!".
Sì, ma modificata a suo gusto.. E fu così che partì il degenero.

Dal post dei vincitori della sfida - Fabio e Anna Luisa del blog Assaggi di viaggio - avevo ormai carpito ogni segreto, studiando a fondo la preparazione della Cheesecake a freddo, quindi, perchè cambiare?
L'idea l'abbiamo scovata qui, adattata poi alle richieste.
I gusti? Banana, burro di arachide e caramello. La mia amica, alla festa di compleanno ha commentato "O è una schifezza o è buonissima, con questi abbinamenti non ci sono mezze misure."
Per fortuna è stata la seconda opzione.

Banana Cheesecake al burro di arachide e gelatina al caramello

Ingredienti:
Per la base
250 gr biscotti secchi
100 gr burro
Per la farcia:
350 gr polpa di banane mature
500 ml panna
200 gr formaggio spalmabile
due cucchiai di burro di arachide
100 gr zucchero
10 gr gelatina in fogli
Per la gelatina:
200 gr di zucchero 
100 gr acqua
4 gr gelatina in fogli

Esecuzione:
Frullare i biscotti con il mixer.
Sciogliere il burro a microonde e aggiungerlo ai biscotti.
Riempire il fondo di una tortiera con questi ultimi, premendo bene per creare una base omogenea e compatta.
Mettere in frigorifero a rassodare.
Montare il formaggio con lo zucchero e aggiungere il burro di arachide.
Aggiungere la polpa di banane e amalgamare bene.
Sciogliere la gelatina, precedentemente ammollata in acqua fredda, in 50 gr di panna e incorporarla al composto.
Montare la restante panna con le fruste e aggiungerla al tutto, mescolando dal basso verso l'alto, per evitare di smontare il composto.
Versare il composto nella tortiera, livellare, battendola sul piano di lavoro, e rimettere in frigorifero.
Per preparare la gelatina al caramello sciogliere in un pentolino dal fondo spesso lo zucchero.
Per questa parte va prestata particolare attenzione per evitare di bruciare tutto e soprattutto di bruciarsi.
Lo zucchero va sciolto piano piano, allontanandolo di tanto in tanto dal fuoco per evitare che si scurisca troppo.
Nel frattempo portare a bollore l'acqua.
Una volta che lo zucchero è tutto sciolto versare l'acqua bollente tutta in una volta, mescolando continuamente.
Lo shock termico tra acqua e zucchero farà produrre parecchi schizzi, quindi proteggersi con guanti e presine...!
Inizialmente il caramello si coagulerà, per poi risciogliersi completamente.
Filtrare il tutto per evitare di avere grani di zucchero troppo duri all'interno della gelatina e far raffreddare fino a 60°, dopo di che aggiungere la colla di pesce precedentemente ammollata in acqua fredda.
Far raffreddare nuovamente fino a che la gelatina non sarà tiepida e potrà essere versata sulla torta.
Io ho decorato la superficie della torta con fettine di banana, prima di versarvi la gelatina, così che essa evitasse il loro annerimento.




 La fetta:

Con questa ricetta partecipo alla sfida n° 57 dell'MTChallenge 

Commenti

  1. Ma quanto buono era???? Un cheesecake con le banane!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonissimo!!! E si sentivano benissimo le banane, non avrei mai pensato!

      Elimina
  2. In effetti il cheesecake nella versione può avere mille volti da quello più light a quello più godurioso e il tuo risulta "a torta alta" tra questi ultimi! Complimenti e baciotti H&M

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah beh si, questo è tutto, fuorchélight!!! ;)

      Elimina
  3. Quando ho letto gli ingredienti, mi è sembrato proprio un dolce che un americano si farebbe! :-D La libertà dava modo di sperimentare anche abbinamenti non proprio usuali per noi. Anche esteticamente si presenta bene.
    Grazie!

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti il mio fidanzato è molto english/American nei gusti.. anche se non disdegna nemmeno i piatti di tutte le altre provenienze! ;)
      Grazie a voi!!

      Elimina
  4. Sicuramente avete osato, ma come si dice, quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, abbiamo osato, così per divertirci! ;)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…