Passa ai contenuti principali

Crostatine di riso brulé con fragole


Gli amici dei miei genitori, sanno quanto io ami la cucina, quindi spesso mi mandano in dono prodotti tipici delle loro zone, dove magari vanno a passare le vacanze o un semplice w.e.
Un amico di papà ad esempio, mi porta sempre come regalo sacchettini di riso, tipico di un paesino in provincia di Pavia, confezionati in deliziose confezioni regalo, con stoffe dai mille colori.
Una delle ultime volte assieme ai bellissimi sacchettini ce ne erano altri due: uno di farina di riso, una di farina di mais fioretto.
Farine ben note, ma mai utilizzate.

E naturalmente io sono una che quando riceve un regalo vuole usarlo subito... TUTTO.
Ho quindi realizzato delle crostatine, rese gluten-free dall'utilizzo di queste farine al posto della più classica di frumento.
La ricetta di base è una garanzia, poiché si ispira a quella di un pasticciere che stimo moltissimo, Montersino: io ho solo eliminato il lievito, poiché nella frolla non mi piace molto.
Ho poi realizzato una crema di riso, quella tipica dei budini di riso toscani, ammorbidendola con la crema pasticcera (come prevedono alcune ricette scovate on line).
Sfornate le crostatine però mi mancava un tocco. 
Le ho quindi caramellate con zucchero, armandomi di cannello e decorate con fragole freschissime, tipiche di questo periodo.

Crostatine di riso brulé con fragole:
Per la frolla di riso (ricetta Montersino):
250gr farina di riso finissima
175 gr farina mais fioretto
225 gr burro
140 gr tuorli
190 gr zucchero a velo (io semolato)
4 gr lievito (da me omesso)
Per la crema:
100 gr di riso
400 gr di latte 
2 cucchiai colmi di zucchero (circa 60 gr)
una noce di burro
Per la crema pasticcera:
200 gr latte
1 uovo
60 gr zucchero
18 gr amido di mais
estratto di vaniglia
Per la decorazione:
fragole e gelatina 

Esecuzione:
Mescolare le due farine in modo omogeneo, aggiungere i tuorli, il burro morbido e lo zucchero, impastando bene per ottenere un impasto omogeneo.
Formare una palla e mettere a riposare per un'oretta in frigorifero.
Nel frattempo preparare la crema.
Scaldare il latte con una noce di burro e lo zucchero.
Quando questo sarà arrivato a bollore aggiungere il riso e far cuocere per circa un'ora a fuoco basso, mescolando di tanto in tanto per evitare che il composto si attacchi.
La crema sarà cotta quando il riso avrà assorbito tutti il liquido.
Lasciare raffreddare.
Preparare le crema pasticcera, mescolando a freddo tutti gli ingredienti, aggiungendo per ultimo il latte.
Cuocere a fuoco medio fino a che non avrà raggiunto la giusta consistenza.
Aggiungere l'estratto di vaniglia
Unire le due creme, rendere il composto ben omogeneo e far raffreddare completamente.
Trascorso il tempo di riposo, togliere la frolla dal frigorifero, stenderla fino allo spesso di circa mezzo centimetro e rivestire degli stampini da muffin, precedentemente imburrati ed infarinati.
All'interno di ogni stampino mettere una cucchiaiata di ripieno, livellare e cuocere a 180° per circa 30/35 minuti (la frolla dovrà essere dorata).
Togliere dal forno, far raffreddare e cospargere la superficie con un poco di zucchero semolato.
Caramellizzare la superficie utilizzando un cannello o con il grill del forno.
Disporre le fragole a fettine e ricoprire con poca gelatina, per mantenerle lucide.





http://www.risateerisotti.it/
http://www.comune.lucignano.ar.it/
http://www.scuoladicucinaetoile.com/

Commenti

  1. Buongiorno! Ma che belle sono queste crostatine, delicate, perfette! Che brava che sei!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…