Passa ai contenuti principali

Il cibo degli dei e... La cioccolata di tazza di Chocolat



Iniziano i primi freddi - e direi che a metà novembre un pochino dovevamo aspettarcelo.
Soffia il vento, freddo e pungente, e a me viene subito in mente il vento del Nord, Vianne, Anouk con il suo Pantoufle e... Roux - no, non quello dei bigné - quello figo.
Chocolat credo sia uno dei miei film preferiti, per come unisce il cibo, in particolare il cioccolato, il romanticismo e la magia delle leggende.
Mi immagino nei panni della protagonista, con alle mani ricette dei miei avi a preparare praline e cioccolatini, certa di indovinare il preferito di ciascuno.
Piatto caratteristico del film è la cioccolata, quella in tazza, che Vianne propone a ogni cliente per allietare le giornate dei giorni quaresimali destando le ire del conte De Reynaud.
Questa cioccolata calda riprende sapori e spezie dei nonni di Anouk, trasportandoci nella magia della storia.
Con questa preparazione partecipo alla Giornata Nazionale della Cioccolata in tazza per il Calendario del Cibo Italiano, sperando di scaldare i cuori di ognuno di noi con un po' di magia e dolcezza



Ingredienti
2 bicchieri d'acqua bollente 1 peperoncino , tagliato a metà, eliminando i semi(con guanti) 5 tazze crema chiara o latte intero o non grasso 1 bacello di vaniglia, diviso per la lunghezza 1 a 2 bastoncini di cannella 8 once di cioccolato al cioccolato (circa 250 gr) messicano tagliato in pezzi 2 cucchiai di zucchero semolato o miele 1 cucchiaio di mandorle o nocciole in granella panna montata
Esecuzione: In un grande casseruola a fuoco medio-alto, aggiungere peperoncino all'acqua bollente.
Cuocere fino a quando il liquido viene ridotto a 1 tazza.
Togliere il peperoncino, filtrare l'acqua e mettere da parte. In una casseruola media a fuoco medio, unire alla crema di latte o latte i bacelli di vaniglia e i bastoncini di cannella fino a quando le bolle appaiono intorno al bordo.
Ridurre il calore, aggiungere il cioccolato e lo zucchero o il miele.
Mescolare fino a quando il cioccolato si scioglie e lo zucchero si dissolve.
Spegnere il calore, rimuovere la vaniglia e la cannella. Aggiungere l'acqua infusa, un po 'alla volta, assaggiando per assicurarsi che il sapore non sia troppo forte.
Se il cioccolato è troppo denso, allungare con un po' di latte. Servire in piccole tazze, decorando con mandorle o nocciole e panna montata.





Tuttavia il vento irrequieto del Nord non era ancora soddisfatto.
Il vento parlò a Vianne di paesi ancora da visitare, di amici bisognosi ancora da scoprire, di battaglie ancora da combattere... da qualcun altro, la prossima volta. E fu così che il vento del Nord si stancò e andò per la sua strada



Commenti

  1. Appena ho visto la foto ho pensato: questa deve essere davvero speciale!! Cioccolata leggermente piccante, aromi, e vista la ricetta una cosistenza abbastanza densa e corposa proprio come piace a me... Me ne sono innamorata!

    RispondiElimina
  2. Che bel romanzo che è stato Chocolat, molto coinvolgente, romantico e lussurioso al tempo stesso. Ottima questa tua cioccolata, ho tutto l'inverno davanti per provarla :-)

    RispondiElimina
  3. La sola foto invoglia all'assaggio ... complimenti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…