Passa ai contenuti principali

Tagliatelle nere con sugo di pomodorini, stracciatella e bottarga


Ci sono certi piatti che sono parte intrinseca di una famiglia, tramandati in generazioni e modificati nel corso dei decenni, passando di mano in mano.

Sicuramente le tagliatelle sono uno di questi piatti.
Mia nonna Maria, tipica rzedora emiliana, conosceva bene e sapeva altrettanto bene preparare le tagliatelle.
"Bisogna vederci attraverso e stenderle in un'unica sfoglia"
Guai a tagliarle a pezzi e infilarle in quelle odiose macchinette tirapasta, mia nonna aveva un lungo mattarello e, come racconta mia padre, la pasta la faceva suonare, picchiandola sulla madia mentre lentamente, ma nemmeno troppo, diventava un lenzuolo.

E altrettanto bene la sfoglia la tira mio padre, mia mamma, Marta e io.
Chi la ama più sottile, chi la preferisce più spessa, ma comunque la pasta la si tira a mano, punto.

Per la Giornata Nazionale delle tagliatelle ho voluto variare leggermente sul tema, proponendole nere, grazie all'uso del nero di seppia al loro interno.
Il nero deve essere quello vero, non quello delle bustine, altrimenti le tagliatelle anzichè nere risulteranno grigiastre e prive di sapore.
E qui faccio incontrare l'arte emiliana con il Mar Ligure, mia terra natia.
Certo nonna, lo so, in queste non potrai vederci attraverso..

Ingredienti:
Per le tagliatelle:
300 gr farina 
3 sacche di nero di seppia
2 uova
acqua q.b.
Per il sugo:
una confezione di pelati da 400gr
bottarga
stracciatella pugliese
pinoli
aglio
olio di oliva extravergine
basilico
acciughe salate

Esecuzione:
Per prima cosa preparare la pasta, amalgamando tutti gli ingredienti e aggiungendo tanta acqua quanta ne serve per ottenere un impasto omogeneo.
Avvolgere nella pellicola e lasciare riposare mezz'oretta.
Nel frattempo preparare il sugo facendo soffriggere in olio di oliva extravergine l'aglio.
Aggiungere le acciughe salate, pulite e diliscate, e far sciogliere a fuoco basso.
Aggiungere i pinoli, far tostare ed infine unire i pelati.
Salare e continuare la cottura per una decina di minuti, giusto il tempo di far tirare il sugo.
Aggiungere qualche foglia di basilico e spegnere il fuoco.

Tirare la pasta con il mattarello dello spesso desiderato: io la tengo leggermente più spessa, ma va considerato il fatto che in cottura quest'ultima tende a gonfiare un poco.
Arrotolare la pasta su se stessa dal lato più lungo e tagliare a strisce.
Scrollare le strisce per permettere alla tagliatella di srotolarsi. 



Mettere una pentola di acqua sul fuoco e portare a bollore, gettarvi la pasta e cuocere poi minuti.
Scolare, saltare in padella con il sugo e impiattare, aggiungendo per ogni commensale la stracciatella e la bottarga secondo il proprio gusto personale




Commenti

  1. Chissà che piacere vedere la nonna tirare la sfoglia, uno spettacolo che non si dimentica facilmente e che resta nel cuore x sempre!
    Golosissima la tua variante al nero e succulento anche il sugo abbinato :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…