Passa ai contenuti principali

Pollo in magro, ossia cappon magro di pollo


Certe ricette vanno bene in ogni occasione, sia essa Natale o Pasqua.
Il cappon magro infatti è per la Genova il simbolo del Natale.
Sontuoso e maestoso, viene proposto sulle tavole come delizioso antipasto.
Ma perchè gustarsi questa delizia unicamente a Natale? Con Marta spesso ci prepariamo il cappon magro anche in altre occasioni, magari in monoporzione o per qualche cena estiva.

E perché non realizzarlo con altri ingrendienti, magari in versione "carnivora"?
Nasce così il Pollo in magro, una ricetta nata per sperimentare, ma che si è rivelata un successo.
Ricetta che potrà essere proposta sulle nostre tavole a Pasqua, come magnifico antipasto.

La ricetta è similissima a quella del cappon magro, sostituendo unicamente i pesci con carne di pollo bollita.


Ingredienti:

1/2 kg di patate
1/2 kg di carote
1 piccolo cavolfiore
1 barbabietola rossa
1/2 kg di scorzanera
1 petto di pollo (cappone, pollo o gallina)
1 pacchetto di gallette o pane azzimo
1 tavoletta di gelatina Ideal
salsa verde

Preparazione:
 Lessare le verdure, separatamente, in acqua e sale (circa 15 minuti di cottura, 10 minuti per il cavolfiore); scolarle e tagliarle a fette non troppo spesse.
Le carote è bene bollirle già tagliate, resteranno perfette.
Bollire il pollo in brodo vegetale (carota, sedano, cipolla e due foglie di salvia) per 20/30 minuti(per la gallina anche 40 minuti); lasciarlo raffreddare nel suo brodo, quindi scolarlo, pulirlo, spinarlo e ridurlo in pezzi.
Preparare la gelatina sciogliendo una tavoletta di gelatina Ideal in mezzo litro di acqua bollente e lasciando bollire per 5 minuti. Aggiungere un cucchiaio di aceto e far raffreddare.
Preparare tutti gli ingredienti pronti per essere utilizzati.

 Composizione del piatto:
Occorre uno stampo che permetta di capovolgere la preparazione una volta assemblata.
Io ho usato una boule con diametro 20/22cm, piuttosto alta (circa 8 cm);
Rivestire lo stampo con pellicola trasparente abbondante, in modo da poter richiudere lo stampo una volta riempito il tutto.
Il primo strato è costituito da cavolfiore, poi si procede con la barbabietola(in questo modo la sommità prenderà un bellissimo color rosato) e successivamente con strati di verdure e pesce a piacere, ricordandosi di spennellare ogni strato con gelatina e ogni tanto anche un po' di salsa verde;
Terminare l'ultimo strato con gallette imbevute nell'aceto e richiudere con la pellicola; lasciare riposare una notte in frigorifero con un peso sopra;
 Il giorno dopo si procede all'impiattamento: occorre un grande piatto da portata sul quale va adagiata la nostra forma, liberata dalla pellicola.
Sulla sommità viene versato un leggero strato di maionese e decorato a piacere.





Commenti

  1. Ciao ragazze, ma che bella la nuova grafica del blog! Professionale e pulita, mi piace ^_^ Molto particolare anche questa ricetta, bellissima sulla tavola di Pasqua!
    Buon inizio settimana e se vi va siete invitate al nostro contest che ha come un tema un argomento che son certa vi sta a cuore...venite a curiosare :-) http://ibiscottidellazia.blogspot.it/2017/04/contest-al-km-0.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…