Passa ai contenuti principali

Tea time a casa Tritabiscotti: Shortbread e scones


Devo ammetterlo: tè e tisane non sono proprio il mio pane quotidiano.
Il rito dell'infuso, vedere il colore che si diffonde nella tazza, la lentezza e l'attesa non sono proprio nelle mie corde.
Io sono una persona troppo frenetica per concedermi la tranquillità di un tea time.

Solo l'MTChallenge, ed in particolare Valeria, potevano costringermi a una cosa del genere e.. Farmela apprezzare.
In particolare sono "gli accompagnamenti al tè" che sono fantastici.
Valeria nel suo post ci racconta le 4 macro categorie che vengono servite alle fatidiche 17:
Biscotti, la pasticceria secca per eccellenza.
Torte: dalle più semplici alle più decorate e farcite.
Focaccine, ovvero scones, mini panini lievitati dolci farciti con cotted cream o panna e confetture.
Finger sandwiches e crostini, il lato salato dell'afternoon tea.

Mi sono persa tra le sue foto e le sue parole e ho deciso di ritargliarmi una mattina in tranquillità per assaporare e dedicare del tempo a me stessa, preparandomi un ottimo tè e mangiando le delizie dell'afternoon tea.

Il tè da me scelto è un tè di un'antica drogeria della mia città: ha oltre 300 tipi di tè e, seppur io non ami molto questi infusi, quando la signora del negozio inizia ad aprire le innumerevoli scatole e i profumi pervadono il mio naso, non riesco a trattenermi dal comprarne qualche sacchettino.
Il tè si chiama Sentiero nel bosco ed è un tè nero con frutti rossi e fiori.
Per accompagnarlo o optato per degli scones farciti con confettura ai lamponi e degli schortbread al burro salato, per contrastare la dolcezza data dagli scones.

Scones(dal blog di Valeria):
450 g di farina autolievitante
2 cucchiaini rasi di lievito in polvere
50 g di zucchero semolato
75 g di burro ammorbidito
2 uova grandi
circa 225 ml di latte

Esecuzione:
Preriscaldare il forno a 220°C in modalitá statica o 200°C in modalitá ventilata.
Mettere la farina in una ciotola con il lievito, aggiungere il burro e lavorare con le dita per ottenere un composto sabbioso. Aggiungere lo zucchero.
Sbattere le uova in una tazza graduata, quindi aggiungere il latte fino ad arrivare ad una quantitá di liquidi di 300 ml circa, mescolate e togliete 2 cucchiai del liquido da tenere da parte per lucidare gli scones prima della cottura.
Aggiungere il composto liquido agli altri ingredienti secchi gradualmente, mescolare fino ad ottenere un composto morbido ed ancora appiccicoso.
Versare l'impasto su una spianatoia infarinata, spolverare con della farina anche l'impasto ma non troppo.
Allargare l'impasto con le mani, schiacciandolo leggermente fino ad ottenere uno spessore di circa 2 cm. Se preferite potete utilizzare un mattarello.
Utilizzare un cutter liscio dal diametro di 5 cm per ottenere la forma degli scones.
Schiacciate il cutter sull'impasto fino in fondo, SENZA ruotarlo, quindi sollevatelo e spingete fuori lo scone. Questo fará sí che lo scone si alzi in maniera uniforme, mantenendo la forma.
Continuare fino a terminare l'impasto. Se necessario, e lo sará, potere impastare di nuovo l'impasto, ristenderlo e ricominciare, ma dopo la seconda volta gli scones verranno deformati.
Mettere gli scones su due teglie imburrate, spennellarli con il liquido tenuto da parte e cuocete per 10-15 minuti, finché saranno ben cresciuti e dorati.
Sono buoni mangiati il giorno stesso, meglio se leggermente tiepidi.

Shortbread:
Ingredienti:
300 gr di farina
200 gr burro salato
100 gr zucchero

Esecuzione:
Impastare con le fruste il burro morbido e lo zucchero.
Aggiungere la farina e amalgamare ottenendo un impasto simile alla pasta frolla.
Lasciare riposare in frigo 30 minuti dopo di che stendere l'impasto e ricavarne dei rettangoli.
Bucare con una forchetta e mettere 10 minuti in congelatore.
Infornare in forno caldo a 180° per 15 minuti.

Per il tè:
Portare l'acqua di una bottiglia a una temperatura di 85°.
Mettere in infusione il vostro tè, lasciandolo dai 3 ai 7 minuti in base alla tipologia scelta.
Gustare neutro, zuccherato o con latte. 





Con questa ricetta partecipo alla sfida 71 dell'MTChallenge



Commenti

  1. Sei andata proprio sul classico, quasi un cream tea arricchito il tuo. Shortbread proprio da manuale. Grazia mille per aver partecipato

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…