Passa ai contenuti principali

La magia della pasta sfoglia e Millefoglie ai cachi

La millefoglie é il dolce per eccellenza.
Ho imparato, durante un corso di pasticceria qui nella mia città che creare questa sfoglia sublime é una magia strabiliante.
Spesso, leggendo la ricetta ne sono uscita diffidente e restia, incredula del fatto che un "panetto" di burro potesse essere inglobato nell'impasto esterno di farina acqua e burro.
Ed invece anche questa magia é possibile, nella pasticceria..
Vi sono reazioni incredibili, lievitazioni fantastiche e preparazioni sublimi..
E la pasta sfoglia é una di queste.

Buonissima in versione sia dolce che salata riesce ad essere versatile e adattarsi ai gusti di tutti..
La adoro, si vede?

E allora non potevo che accompagnare un impasto degno di nota con una crema altrettanto buona, insegnatami da una cara amica e modificata dalla stagione..

Millefoglie con crema di mascarpone e cachi

Ingredienti:
Per la sfoglia(ricetta del corso di pasticceria a cui ho partecipato):
585 gr margarina per sfoglia
165 gr burro
250gr farina forte
Per il pastello:
 585 gr farina forte
100gr burro
22gr sale
335gr acqua 

Per la crema:
250gr mascarpone
3 tuorli
50 gr zucchero
3 cachi maturi
1 spruzzatina di Marsala+ un cucchiaio di zucchero

Esecuzione:
Preparazione della sfoglia:
Impastare gli ingredienti del panetto a mano o con impastatrice a temperatura ambiente, evitando di snervare l'impasto.
Impastare il pastello con la planetaria, aggiungendo tutti gli ingredienti ad esclusione dell'acqua, che andrà aggiunta piano piano valutando se usarla tutta o meno (dipende dalla farina e dall'umidità).
Una volta impastato il pastello allargarlo e lasciarlo riposare 30 minuti coperto da pellicola.
Tecnica tedesca dei giri(più semplice, 3-4-3-4):
Allargare il pastello in modo da riuscire a chiudere al suo interno il panetto.
Stendere con il mattarello, allargando il più sottile possibile e si ripiega a 3.
Ruotare l'impasto di 90° e ridistenderlo il più sottile possibile.
Ripiegare a 4 e lasciarlo riposare 30 minuti almeno.
Ridistendere nuovamente l'impasto, ruotato di 90° e ripiegare a 3.
Ruotare di 90°, stendere e piegare in 4.
Lasciare riposare 30 minuti, dopodiché utilizzare.

(Io ne ho utilizzata una parte, non tutta e una parte l'ho congelata per quando mi servirà nuovamente!)

Stendere la sfoglia, ritagliarla, ottenendo delle losanghe; cospargere con zucchero semolato, premere con un mattarello e bucare la sfoglia con una forchetta, per evitare che gonfi troppo.
Infornare a 180° fino a doratura.
Lasciare raffreddare completamente.

Pulire i cachi e cuocerli sul fuoco con un cucchiaio di zucchero, far addensare leggermente, sfumare con Marsala e lasciare raffreddare.
A parte montare i tuorli con lo zucchero fino a che non risultino spumosi, aggiungere il mascarpone, mescolare bene e infina unire i cachi, completamente freddi, mescolando dal basso verso l'alto evitando di far smontare la crema.
Lasciare riposare in frigo per qualche ora.

Assemblaggio del dolce:
Posizionare in un piatto da portata la prima losanga di sfoglia, disporvi al di sopra la crema e coprire con un'altra sfoglia.
Cospargere di zucchero a velo.






Commenti

  1. Bellissima ricetta, complimenti!!!
    Un caro abbraccio e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
  2. Grazie cara! Felice che ti piaccia!! ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. WOW!!!! Complimenti per questo dolcetto, davvero invitante!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie tesoro...!
      In effetti proprio grazie a questo dolcettino questo w.e. sono nella bellissima città di castello!! ;)

      Elimina
  4. In questo blog c'è da perdersi...io parto da qui perché se ci siamo conosciute lo dobbiamo alla sfoglia, alla crema e ai cachi. Mi sembra ovvio dirti che ormai ti seguirò in cucina, almeno quello, vista la distanza. Ti abbraccio forte, è stato davvero bello questo fine settimana. Un bacio, Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella!
      Che bello sentirti.. Mi mancate già! Ma sarà bello sentirci e scriverci attraverso i blog.. E poi chissà, magari anche ritrovarci nella nostra rispettiva città o in un luogo comune..!
      Ti abbraccio.
      Smack

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gnocchi di polenta con porri e speck gratinati al forno

Con queste giornate, all'insegna della pioggia e del freddo, la voglia di mettere il naso fuori di casa e' davvero poca, mentre quella di cucinare e soprattutto infornare è davvero tanta. Il ticchettio della pioggia scandisce i minuti e io, sempre presa dalla frenesia, riesco a rallentare. I gnocchi sono sempre stati un piatto classico della mia famiglia, quelli di patate con il pesto erano un must del weekend. Oggi, per la giornata nazionale degli gnocchi, propongo invece degli gnocchi inusuali, che strizzano l'occhio al riciclo e a ricette differenti. Io non amo la polenta. Quando in inverno tutti si esaltano di fronte a quella lava ustionante al mais, io mi stringo facendo spallucce e ripiego su una copertura infinita di sugo per coprire di gusto questa "farina" che non mi ha mai soddisfatta. Poi la ho riscoperta "riciclata", impastata con farina e uova per dargli nuova forma e gustarla come piace a me! Se, dopo averli prepa

Pollo thai con riso basmati e verdure

Ho sempre pensato che la cucina italiana avesse una marcia in più rispetto a tutte le altre. Anni e anni di tradizioni culinarie, studi e tecniche per creare un patrimonio che in molti ci invidiano. Libri antichissimi narrano già di tecniche che ora utilizziamo come innovative. Nonostante questa radicata convinzione però, da più grandicella ho scoperto cucine estere, esotiche e speziate e le ho adorate. Gusti nuovi, aromi e profumi di paesi lontani... Tradizioni, anche quelle, totalmente differenti dalle nostre. Abbinamenti e accostamenti diversi, ma ugualmente validi e studiati. E così, se in quei paesi ancora non sono realmente stata, in cucina posso viaggiare, pur restando nelle pareti di casa. Posso sbarcare in India, o volare in Giappone o in Cina. Ingredienti: 200 gr riso basmati un petto di pollo due cipollotti un broccolo due carote due zucchine un bicchiere di latte di soia salsa di soia prezzemolo zenzero buccia di lime peperoncino olio  sale e p

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma... Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero.  Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori. La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice. Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mel