Passa ai contenuti principali

La magia della pasta sfoglia e Millefoglie ai cachi

La millefoglie é il dolce per eccellenza.
Ho imparato, durante un corso di pasticceria qui nella mia città che creare questa sfoglia sublime é una magia strabiliante.
Spesso, leggendo la ricetta ne sono uscita diffidente e restia, incredula del fatto che un "panetto" di burro potesse essere inglobato nell'impasto esterno di farina acqua e burro.
Ed invece anche questa magia é possibile, nella pasticceria..
Vi sono reazioni incredibili, lievitazioni fantastiche e preparazioni sublimi..
E la pasta sfoglia é una di queste.

Buonissima in versione sia dolce che salata riesce ad essere versatile e adattarsi ai gusti di tutti..
La adoro, si vede?

E allora non potevo che accompagnare un impasto degno di nota con una crema altrettanto buona, insegnatami da una cara amica e modificata dalla stagione..

Millefoglie con crema di mascarpone e cachi

Ingredienti:
Per la sfoglia(ricetta del corso di pasticceria a cui ho partecipato):
585 gr margarina per sfoglia
165 gr burro
250gr farina forte
Per il pastello:
 585 gr farina forte
100gr burro
22gr sale
335gr acqua 

Per la crema:
250gr mascarpone
3 tuorli
50 gr zucchero
3 cachi maturi
1 spruzzatina di Marsala+ un cucchiaio di zucchero

Esecuzione:
Preparazione della sfoglia:
Impastare gli ingredienti del panetto a mano o con impastatrice a temperatura ambiente, evitando di snervare l'impasto.
Impastare il pastello con la planetaria, aggiungendo tutti gli ingredienti ad esclusione dell'acqua, che andrà aggiunta piano piano valutando se usarla tutta o meno (dipende dalla farina e dall'umidità).
Una volta impastato il pastello allargarlo e lasciarlo riposare 30 minuti coperto da pellicola.
Tecnica tedesca dei giri(più semplice, 3-4-3-4):
Allargare il pastello in modo da riuscire a chiudere al suo interno il panetto.
Stendere con il mattarello, allargando il più sottile possibile e si ripiega a 3.
Ruotare l'impasto di 90° e ridistenderlo il più sottile possibile.
Ripiegare a 4 e lasciarlo riposare 30 minuti almeno.
Ridistendere nuovamente l'impasto, ruotato di 90° e ripiegare a 3.
Ruotare di 90°, stendere e piegare in 4.
Lasciare riposare 30 minuti, dopodiché utilizzare.

(Io ne ho utilizzata una parte, non tutta e una parte l'ho congelata per quando mi servirà nuovamente!)

Stendere la sfoglia, ritagliarla, ottenendo delle losanghe; cospargere con zucchero semolato, premere con un mattarello e bucare la sfoglia con una forchetta, per evitare che gonfi troppo.
Infornare a 180° fino a doratura.
Lasciare raffreddare completamente.

Pulire i cachi e cuocerli sul fuoco con un cucchiaio di zucchero, far addensare leggermente, sfumare con Marsala e lasciare raffreddare.
A parte montare i tuorli con lo zucchero fino a che non risultino spumosi, aggiungere il mascarpone, mescolare bene e infina unire i cachi, completamente freddi, mescolando dal basso verso l'alto evitando di far smontare la crema.
Lasciare riposare in frigo per qualche ora.

Assemblaggio del dolce:
Posizionare in un piatto da portata la prima losanga di sfoglia, disporvi al di sopra la crema e coprire con un'altra sfoglia.
Cospargere di zucchero a velo.






Commenti

  1. Bellissima ricetta, complimenti!!!
    Un caro abbraccio e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
  2. Grazie cara! Felice che ti piaccia!! ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. WOW!!!! Complimenti per questo dolcetto, davvero invitante!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie tesoro...!
      In effetti proprio grazie a questo dolcettino questo w.e. sono nella bellissima città di castello!! ;)

      Elimina
  4. In questo blog c'è da perdersi...io parto da qui perché se ci siamo conosciute lo dobbiamo alla sfoglia, alla crema e ai cachi. Mi sembra ovvio dirti che ormai ti seguirò in cucina, almeno quello, vista la distanza. Ti abbraccio forte, è stato davvero bello questo fine settimana. Un bacio, Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella!
      Che bello sentirti.. Mi mancate già! Ma sarà bello sentirci e scriverci attraverso i blog.. E poi chissà, magari anche ritrovarci nella nostra rispettiva città o in un luogo comune..!
      Ti abbraccio.
      Smack

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Parmigiana di melanzane a freddo e il nostro weekend ad Agerola per Risate e Risotti

Un weekend all'insegna della cultura alimentare e della biodiversità.
Ecco come posso definire il weekend passato (3-5 Marzo 2017).

La ricetta che propongo oggi è infatti un elogio agli ingredienti magnifici che ho trovato in questo territorio.
Lo chef che ci ha guidate in questo magnifico tour enogastronomico è Antonio Villani, chef del ristorante dell'hotel San Pietro a Positano.

Come siamo finite in questo magnifico luogo? 
L'organizzatore dell'evento Risate e Risotti, Luca Puzzuoli, ci ha invitate come ospiti, assieme alla foodblogger Cristiana, ad Agerola, magnifico paese nell'entroterra della costiera amalfitana.
Un'occasione per cucinare con grandi chef e per scoprire luoghi da noi mai visitati.

Nella giornata di sabato, affiancate da chef preparati e qualificati, abbiamo preparato una ricca cena per l'agriturismo La Cascina del Sole ad Agerola.
Splendidi piatti, magnifiche preparazioni corredate da accurate spiegazioni ci hanno accompagnate per tutta la gio…