Passa ai contenuti principali

Le castagne e una loro rivisitazione: Semifreddo Vincenzo ovvero Semifreddo alle castagne con base meringata al cacao e ganache al cioccolato e rum

Ci sono cibi che ricordano particolari momenti della nostra vita..

Le castagne per me hanno un grande ricordo legato a me bambina, che giro per i boschi con i miei nonni sulle alture genovesi alla ricerca di questi ricchi frutti..

L'odore di sottobosco, di umidità e "fungo" accompagnavano le nostre passeggiate.. 
Anche se in realtà noi raramente cercavamo i funghi, che a me, a essere sincera, non sono mai piaciuti poi molto, ma le castagne..
Era bello scovare i ricci pieni, romperli con gli stivaletti e prenderne solo i frutti più cicciottelli.. 
Era bello girare tra i grossi alberi, ridere e scappare dalle mani del mio nonnino che cercava in tutti i modi di non farmi allontanare.. Ma io sono sempre stata una nipotina un po' birbante.. 

E questo dolce nasce da queste immagini, da sentimenti profondi e ricordi indelebili che porterò sempre con me.

E' il dolce che dedico a lui, a mio nonno, perché era bello trovare le castagne assieme ma era altrettanto belle cuocerle e mangiarle assieme, bollite o arrostite, facendo un sacco di fumo con quella padella con i fori sotto che scoppiatteva sul fuoco.
So che lo avrebbe adorato, perché adorava il cioccolato e amava le castagne.. Anche se lui ha sempre adorato tutti i dolci che preparavo io..

Semifreddo Vincenzo, ovvero semifreddo alle castagne con base meringata al cacao e ganache al cioccolato e rum

Ingredienti:
Per le meringhe al cacao:
100gr di albume
200 gr zucchero
2 cucchiai di cacao
Per il semifreddo alle castagne(Ricetta di Cucina Italiana):
8 tuorli
6gr gelatina
160gr zucchero 
50 gr acqua
300gr panna
200gr confettura di marroni
 Per la ganache al cioccolato e rum:
150gr cioccolato fondente
30gr rum
30gr panna

Esecuzione:
Per la meringa:
Montare a neve fermissima le chiare aggiungendo a metà lo zucchero a pioggia.
Quando il composto é ben montato aggiungere il cacao mescolando con una spatola dal basso verso l'alto.
Cuocere a 120° per 3 ore.
Per il semifreddo:
Mettere a bagno la gelatina in acqua fredda.
Mettere i tuorli in una ciotola e nel frattempo far cuocere sul fuoco lo zucchero con l'acqua fino a 121°.
Versare lo zucchero a filo sui tuorli montandoli.
Scaldare la gelatina strizzata sul fuoco ed incorporare anch'essa al composto.
Montare la panna.
Mescolare in un'altra ciotola la crema di marroni,aggiungere, alternandole la base montata di tuorli e la panna. Il composto deve risultare omogeneo e spumoso.
Versare il tutto in uno stampo da plumcake foderato di pellicola per alimenti, disporvi le meringhette al di sopra(anche sbriciolate), premendo leggermente e lasciare riposare il freezer per 6 ore.
  Per la ganache:
Raccogliere in una casseruola il cioccolato, fondere a bagnomaria o nel microonde;
Scaldare leggermente la panna e il rum. Versare sul cioccolato e mescolare bene facendo "rassodare" il cioccolato.
Fare raffreddare.
Decorare come più vi piace con questa crema il semifreddo.
E' possibile accompagnare il semifreddo con dei Marrons Glacés.
 


 
  

Commenti

  1. Che incanto questo dolce..c'è tanto tanto amore e proprio x questo deve essere irresistibile..complimenti!

    RispondiElimina
  2. Si cara.. Tantissimo amore..
    L'amore per i nonni è qualcosa di unico.
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Parmigiana di melanzane a freddo e il nostro weekend ad Agerola per Risate e Risotti

Un weekend all'insegna della cultura alimentare e della biodiversità.
Ecco come posso definire il weekend passato (3-5 Marzo 2017).

La ricetta che propongo oggi è infatti un elogio agli ingredienti magnifici che ho trovato in questo territorio.
Lo chef che ci ha guidate in questo magnifico tour enogastronomico è Antonio Villani, chef del ristorante dell'hotel San Pietro a Positano.

Come siamo finite in questo magnifico luogo? 
L'organizzatore dell'evento Risate e Risotti, Luca Puzzuoli, ci ha invitate come ospiti, assieme alla foodblogger Cristiana, ad Agerola, magnifico paese nell'entroterra della costiera amalfitana.
Un'occasione per cucinare con grandi chef e per scoprire luoghi da noi mai visitati.

Nella giornata di sabato, affiancate da chef preparati e qualificati, abbiamo preparato una ricca cena per l'agriturismo La Cascina del Sole ad Agerola.
Splendidi piatti, magnifiche preparazioni corredate da accurate spiegazioni ci hanno accompagnate per tutta la gio…