Passa ai contenuti principali

I nostri gattafin con drink al sambuco per il master delle erbe spontanee




Un sentiero nel bosco, uno sterrato tra le colline.
Cosa c'è di più rilassante di una passeggiata tra gli alberi e la natura?

E se da questa passeggiata, ne riusciamo anche a tirar fuori ingredienti per la cena della sera, non è ancor più bello?

Qui in liguria la cultura delle erbe spontanee la fa da padrone, le nostre nonne vivevano di ciò che trovavano lungo i torrenti, lungo i sentieri, in mezzo alle fasce.

E questa cultura ce la tramandiamo da mamma a figlia, o da nonna a nipote.
Proprio per questo motivo, per la profonda tradizione che vive in Liguria su questo argomento, quando ci è stato proposto un master sulle erbe spontanee, in previsione della loro giornata nazionale sul Calendario del cibo italiano, io e Vittoria non abbiamo esitato ad iscriverci.
E solo dopo abbiamo scoperto di essere entrambe genovesi!

Magnifico il trovarsi d'accordo, superlativo conoscere le stesse preparazioni, i medesimi trucchi culinari.
Così dopo studi su schede offerte dai nostri tutor - Alessandro Dentone, Sergio Rossi, Andrea Pieroni - ricerche disperate sulle alture genovesi con le immagini alla mano per scovare solo erbe "buone, mica gramme", abbiamo optato per la rivisitazione di una ricetta tipica del levante ligure o, meglio, di Levanto, deliziosa cittadina in provincia di La Spezia.
La ricetta originale è stata tramandata a Vittoria da sua nonna, ricevuta in dono da una signora di Levanto.
 Vittoria la conserva da quarant'anni, ma essa ha molti più anni, racchiusa all'interno dei passaparola tra le donne levantine, una vera garanzia.

Gattafin con drink al prosecco sambuchino e nepitella:

Ingredienti 
Per la pasta:
340 g farina 0
2 uova medie
100 acqua
sale
Per il ripieno:
 550 gr erbe spontanee(per noi 230 gr ortica, 120 gr bietole, 100 gr romice) 
N.B:peso pulito bollito e strizzato.
un uovo
125 gr prescinseua
50 gr parmigiano
noce moscata
Tre rametti di "persa" (Traduzione:maggiorana)
aglio selvatico
Per il drink:
1/3 di sambuchino 
2/3 di prosecco
foglie di nepitella

Le foto delle nostre erbe, fotografate da Vittoria:
 Nepitella


 Ortica


Romice

Esecuzione:
 Impastare la sfoglia amalgamando tutti gli ingredienti. L'impasto dovrà risultare sodo ed elastico.
Lasciare riposare circa mezz'oretta.
Nel frattempo pulire e sbollentare le verdure e ricavarne il peso indicato.
Tritare finemente l'aglio selvatico, soffriggerlo in padella con olio extravergine di oliva ed aggiungere le verdure tritate in modo grossolano.
Saltare le verdure in padella qualche minuto, fino a che tutta l'acqua in eccesso non sia evaporata.
Lasciare raffreddare completamente, dopo di che aggiungere la prescinseua, il parmigiano, la noce moscata e la maggiorana tritata.
Regolare di sale.
Stendere la sfoglia fino a pochi mm di spessore, disporre piccole cucchiaite di ripieno e chiudere sovrapponendo un'altra sfoglia.
Tagliare con la rotella tanti piccoli triangoli.
Friggere in olio extravergine di oliva ad una temperatura di 160/180°.
La sfoglia formerà tante magnifiche bollicine e sarà croccante, ma non unta.

Preparare il drink lasciando in infusione per 3 ore la nepitella pestata nel sambuchino.
Al momento di servire filtrare il sambuchino e aggiungere prosecco dry.





  Con questa ricetta io e Vittoria partecipiamo alla Giornata Nazionale delle Erbe Aromatiche e Spontanee del Calendario del cibo italiano

Commenti

  1. ma che belli i vostri "panzarottini", sapete che ve li copierò, vero? Ora che è arrivata la stagione in cui comincio a fare inviti per cene all'aperto, mi faranno fare bella figura con i miei ospiti! So già per chi li preparerò :D Un bacione

    RispondiElimina
  2. Cosa non darei x un cartoccio di quelli :-P slurp!

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo questa ricetta (come purtroppo gran parte della cucina genovese :( ) devo assolutamente rimediare!! Bravissime!!

    RispondiElimina
  4. care compagne di classe è stato un piacere condividere, vedere, leggere ciò che ognuna ha fatto. E imparato. e insegnato.

    RispondiElimina
  5. Anche nei colli berici, dove vado spesso a camminare, proliferano le erbe spontanee . Io partecipo pure alle giornate didattiche ...ma poi non mi fido a raccoglierle perchè molte si somigliano e io ho paura di sbagliare. Ma mi piace gustarle nei ristoranti della zona. Siete state brave voi invece ! Però raccolgo i fiori di sambuco e faccio lo sciroppo

    RispondiElimina
  6. Voi si che siete state fighe: drink alcoolico e stuzzichino fritto! Volete sposarmi?

    RispondiElimina
  7. Questa non è una ricetta è poesia. Una ricetta tramandata e custodita per anni, tocca corde nascoste e qui ci scappa proprio la lacrimuccia di commozione, quella bella però, quella che ammanta i ricordi dolci. Brave e grazie per aver partecipato e condiviso questa meraviglia.

    RispondiElimina
  8. Un bellissimo, profumatissimo e inimmaginabile aperitivo! Prima vado per campi, poi lo rifaccio! E' stata proprio una bella esperienza, questo master!

    RispondiElimina
  9. Ciao Ho seguito con molto interesse le ricette che avete condiviso sul master delle erbe. E' molto interessante e questa ricetta mi ha subito conquistata. E poi il tuo racconto. Liguria e bosco non poteva lasciarmi indifferente! Che bella esperienza, grazie per averla condivisa

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…